Suggerimenti

11 Tipi di giardini

In questo articolo di EcologíaVerde presenteremo molti dei diversi stili di giardini che puoi trovare in tutto il mondo. Ognuno ha uno stile molto caratteristico che speriamo possiate riconoscere facilmente grazie a queste semplici descrizioni che possono aiutarvi a migliorare il vostro giardino.

Continua a leggere e scopri 11 tipi di giardini tipici provenienti da varie parti del mondo, i loro nomi, caratteristiche e foto. quale ti piace di più?

giardino all’inglese

I giardini all’inglese si caratterizzano per la creazione di ambienti che ricordano ambienti del tutto naturali. Nel loro sforzo per ottenere questa sensazione, lavorano nei minimi dettagli in modo che i giardini si adattino agli ambienti urbani. Una delle sue principali caratteristiche è l’utilizzo dell’acqua come elemento centrale. Laghi, stagni e fontane sono utilizzati come parte di un paesaggio più selvaggio e naturale. Le siepi vengono potate quel tanto che basta per non invadere troppo, ma come delimitatori dei vialetti che portano alla scoperta degli angoli unici del giardino.

giardino alla francese

I giardini alla francese sono basati sulla geometria. Ogni elemento è posto in armonia con il resto alla ricerca di precisi punti di fuga per dare una sensazione di spaziosità.

Siepi e altri elementi vegetali vengono trattati per ottenere la forma desiderata. L’acqua è un elemento fondamentale anche nel giardino alla francese, utilizzata sia nelle grandi fontane che nelle fontanelle. Essendo giardini bassi, hanno sempre una zona sopraelevata, preferibilmente un balcone, per poterli osservare nel dettaglio.

Se vuoi mettere delle siepi nel tuo giardino, ti consigliamo di sapere quali sono le siepi che crescono più velocemente.

giardino arabo

Gli arabi progettarono questi giardini per godersi il suono dell’acqua e lunghe passeggiate circondati da piante aromatiche e fiorite. È un luogo creato per la riflessione, quindi i suoi spazi sono dietro passaggi stretti e reticoli. L’acqua è l’elemento principale del giardino.

Il giardino arabo si trova nei grandi fossati centrali, fontane e fontane, sempre accompagnati da strutture come porte ad arco e volte, il tutto decorato con piastrelle dai colori vivaci e altri pezzi scolpiti nella pietra.

Giardino mediterraneo

La funzione del giardino mediterraneo è quella di proteggere dal caldo, quindi vengono utilizzate piante tipiche della regione resistenti al calore e alla mancanza di acqua. Per questo motivo si cercano alberi con chioma globosa per ottenere la massima ombra possibile. È anche comune vedere alberi da frutto e giardini rocciosi con piante aromatiche, come il rosmarino. Gli elementi strutturali sono generalmente dipinti di bianco.

Immagine: Pisas.com

Giardino giapponese

Il giardino giapponese è uno dei più apprezzati per la sua complessità e ricerca della perfezione quando si tratta di ricreare aree naturali tipiche di grandi foreste e montagne in piccoli spazi.

Gli elementi fondamentali sono rocce, acqua e vegetazione che può crescere naturalmente. Inoltre, gli elementi architettonici vengono introdotti nel giardino cercando l’armonia con il paesaggio. C’è quindi una stretta relazione tra i ponti che attraversano le lagune, o le case da tè che si trovano dopo una passeggiata tra gli alberi e i cespugli del giardino. Un’altra particolarità sono gli elementi zen, che sono posizionati per massimizzare la sensazione di pace e riflessione.

Giardino Feng Shui

I giardini Feng Shui, noti anche come giardini Zen, cercano un equilibrio tra edifici e paesaggio. Per questo, in quella ricerca del significato e della simbologia di ogni elemento che lo compone, tutto deve essere collocato nella giusta direzione e spazio. Inoltre, si cerca che ogni elemento del giardino sia messo in evidenza allo stesso livello del resto, per questo non si può parlare di una maggiore presenza di acqua, rocce o piante, ma di una completa armonia nel perseguimento di uno spazio per la riflessione e la meditazione..

Qui vi lasciamo diversi consigli Feng Shui per il giardino.

Giardino verticale

Creati per fornire uno spazio verde nelle città affollate, i giardini verticali necessitano delle stesse cure di quelli convenzionali. Tuttavia, sono molto più versatili quando si tratta di essere posizionati, sia all’esterno che all’interno.

Allo stesso modo le piante nei giardini verticali non soffrono quando si radica in verticale, è solo necessario radicare le piante tra i due fogli di componente fibrosa e fissarle al muro dove andranno a porre. Si possono utilizzare tutti i tipi di piante, ma per i principianti sono consigliate piante succulente e aromatiche.

In questo altro post di EcologíaVerde ti diamo idee e passaggi per imparare a realizzare giardini verticali. Ti invitiamo anche, se stai cercando di realizzare un giardino verticale in casa, a vedere queste Idee per realizzare giardini verticali con bottiglie di plastica, sfruttando l’opportunità di riutilizzare questo materiale.

Giardino sostenibile o xerofitico

Gli orti sostenibili cercano, attraverso l’uso di tecniche e risorse, un metodo efficiente per ottenere lo sviluppo delle piante senza la necessità che consumino molto spazio e senza troppe cure. Si tratta di ottenere la riproduzione delle diverse specie vegetali, generalmente di specie autoctone e di tipo xerofitico, per aumentare la percentuale di umidità nell’area. Questi giardini non dovrebbero aver bisogno di irrigazione o cure di potatura, dovrebbero essere completamente autosufficienti con la selezione delle piante scelte per esso.

giardino piovoso

Questo è un altro dei tipi di giardini che sono costituiti interamente da piante in grado di adattarsi a condizioni di scarsa irrigazione e che per la loro crescita necessitano solo dell’apporto dell’acqua della pioggia. Per fare ciò, si consiglia di arare e ossigenare il terreno utilizzato per la sua creazione per favorire la crescita delle piante. Allo stesso modo, è comune trovare piante e alberi del deserto con chioma grande o globosa, come accade nel giardino mediterraneo, per proteggere dal caldo il resto delle specie che compongono il giardino.

giardino tropicale

Scegliendo le piante giuste, i giardini tropicali possono essere ricreati in qualsiasi area, anche se si consiglia di realizzarli in zone preferibilmente umide con temperature stabili. Si differenziano dagli altri giardini fornendo fitte zone di vegetazione, con piante colorate e grandi foglie che si trovano in modo disordinato formando piccoli vialetti ombreggiati. Non hanno bisogno di potatura, poiché cercano una sensazione di natura selvaggia. Si raccomanda anche l’uso di stagni.

giardino d’acqua

I giardini d’acqua sono creati intorno a uno stagno, ma questo non significa che possiamo usare solo piante acquatiche. L’intento di questo tipo di giardino è la creazione di un piccolo ecosistema acquatico dove è naturale includere anche specie animali come pesci (come la carpa), piccoli rettili (come alcune specie di tartarughe) e anfibi (come alcune specie di rane). Oltre ad utilizzare piante tipiche rivierasche, si consiglia di utilizzare piante carnose e aromatiche per favorire la sensazione di freschezza.

Per finire, ti consigliamo che se vuoi allestire un giardino acquatico a casa o aggiungere uno stagno o un lago al tuo giardino, consulta questo altro articolo di EcologíaVerde su +50 piante acquatiche, con nomi, caratteristiche e foto.

Se desideri leggere altri articoli simili a 11 tipi di giardini, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.