Suggerimenti

Cos’è l’agricoltura di sussistenza? Passato, presente e futuro

Immaginate di non dover mai più andare al supermercato. La vostra dispensa è piena di conserve fatte in casa e il vostro frigorifero è pieno di verdure fresche, uova, latte e stufato avanzato della sera prima. Lo stomaco della vostra famiglia si riempie di una cena sana e il vostro conto in banca è felice. Benvenuti nell’agricoltura di sussistenza.

L’agricoltura di sussistenza riguarda un agricoltore che coltiva e raccoglie la giusta quantità e varietà di cibo per nutrire se stesso e la sua famiglia. Non si tratta di avere merce extra da vendere. Si tratta piuttosto di una tecnica per la sopravvivenza o la fiducia in se stessi – e un modo per ridurre significativamente i costi.

Si potrebbe pensare che l’agricoltura di sussistenza sia appannaggio dei contadini poveri dei paesi del terzo mondo, ma la rinascita delle tradizioni dell’agricoltura di sussistenza sta tornando, e giustamente.


La storia di Agricoltura di sussistenza

L’agricoltura di sussistenza risale ai primi contadini che hanno fatto il passaggio dai seguenti nomadi e mandrie di animali a vivere in villaggi semi-permanenti. Durante questo periodo, la ricerca del cibo si è evoluta nella domesticazione delle piante.

Gli storici chiamano questo periodo la rivoluzione neolitica, iniziata circa 12.500 anni fa. A quell’epoca si è registrato un aumento di edifici permanenti e più elaborati. Fu allora che avvenne l’addomesticamento di cani e gatti. Gli artigiani cominciarono anche a inventare prodotti più complessi e a creare ornamenti più decorativi.

Molti archeologi sostengono che anche in questo periodo le persone hanno iniziato ad avere una dieta meno sana a base di cereali e latticini, poiché consumavano una minore varietà di alimenti e nonostante mangiassero più cibo. Questi nuovi alimenti spesso mancavano di importanti sostanze nutritive.

Fu in questo periodo che iniziarono malattie umane come il diabete. Esaminando i resti ossei, possiamo vedere che la carie dentale e le malattie infettive sono in aumento e colpiscono la salute delle persone. Più persone sono morte a causa di malattie trasmissibili, probabilmente perché avevano meno igiene ed erano più vicine agli animali perché erano meno mobili.


I benefici dell’agricoltura di sussistenza

I contadini di sussistenza usano piccoli appezzamenti di terreno per coltivare cibo a sufficienza per sostenere le loro famiglie. Possono anche coltivare materiali per fare vestiti e costruire strutture. I benefici sono i seguenti:

  • Gli agricoltori hanno bassi costi di uscita
  • I coltivatori possono risparmiare i semi e coltivare colture perenni per ridurre gli sprechi
  • Questo metodo fornisce gratuitamente fertilizzanti naturali come il letame e gli scarti di pesce
  • Gli agricoltori vivono spesso in zone rurali dove la spesa è scarsa o nulla
  • Poiché non sono coinvolti nel commercio o nella vendita, non hanno bisogno di trasportare i loro raccolti al mercato


Gli svantaggi dell’agricoltura di sussistenza

Questo metodo di coltivazione presenta alcuni svantaggi, almeno dal nostro punto di vista moderno.

  • La capacità di produrre raccolti è limitata dal lavoro – una persona non può fare più lavoro del necessario
  • è limitata dalla mancanza di strumenti o dalla tecnologia moderna in quanto gli strumenti sono generalmente più semplici e primitivi
  • Le persone possono vivere senza accesso all’elettricità o all’acqua corrente
  • L’incidenza della malattia è maggiore, soprattutto nei bambini
  • Un agricoltore di sussistenza è in balia della natura; siccità, inondazioni o terremoti possono avere effetti catastrofici sulla sua capacità di coltivare e quindi sopravvivere


La mia esperienza

Parlando del lato negativo dell’agricoltura di sussistenza, quando ero all’università negli anni Ottanta, ho avuto un lavoro part-time al Museo di Storia Naturale di Cincinnati mentre lavoravo alla mia specializzazione in archeologia. In quel periodo ho partecipato a uno scavo archeologico nel sito di Schomaker, che era un antico forte del villaggio.

Nel frattempo, stiamo cercando di coltivare allo stesso modo degli abitanti del Forte Antico. Questo significava legare grandi conchiglie ai bastoni per fare le zappe, scavare il terreno a mano con pietre e bastoni e bruciare le erbe.

Devo dire che è stato un lavoro incredibilmente difficile, sono cresciuto in una fattoria e ho già fatto molta esperienza nel giardinaggio. Non solo abbiamo usato strumenti primitivi, ma anche solo l’uso di un vaso di argilla per trasportare l’acqua è stato piuttosto difficile. Ho potuto vedere quanto duramente la gente ha dovuto lavorare per produrre abbastanza da poter mangiare.


L’agricoltura di sussistenza oggi

Quando pensiamo all’agricoltura di sussistenza, molti di noi pensano che questa pratica sia finita molto tempo fa. Si pratica ancora l’agricoltura di sussistenza? Certo che lo fanno.

Secondo uno studio delle Nazioni Unite, nel 2015, il 25% della popolazione mondiale, ovvero circa due miliardi di persone, utilizzava ancora questo metodo di agricoltura. Viene utilizzato principalmente in regioni in via di sviluppo come l’Africa, l’India, il Sud-Est asiatico e l’America Latina.

Questo metodo di coltivazione rimane la pratica agricola più comune nell’Africa subsahariana. In Tanzania, ad esempio, il 73% della popolazione vive in zone rurali e pratica un’agricoltura di sussistenza. Questo rappresenta 19 milioni di persone.

Queste famiglie dipendono dalla loro terra per coltivare cibo a sufficienza per tutto l’anno. Di solito non hanno molte eccedenze da vendere o scambiare.


Agricoltura di sussistenza nei paesi sviluppati

Le persone nei paesi in via di sviluppo non sono le uniche a dipendere dall’agricoltura di sussistenza. Nei paesi sviluppati, sempre più persone adottano questo antico metodo di giardinaggio.


La differenza tra agricoltura di sussistenza e autosufficienza

Il dizionario Merriam-Webster definisce l’agricoltura di sussistenza come: “l’agricoltura o un sistema di coltivazione che fornisce tutti o quasi tutti i beni necessari alla famiglia contadina, di solito senza una grande eccedenza da vendere”.

Essi definiscono l’agricoltura autosufficiente come “capace di sostenere se stessa o gli altri senza aiuto esterno” e “capace di sostenere se stessa”.

È interessante guardare a queste definizioni. I termini sono simili, ma credo che le connotazioni siano diverse.

Ho sempre detto che lavoro per essere autosufficiente e che insegno agli altri a coltivare il giardino in modo autosufficiente. Sono molto orgoglioso di questo e penso che abbia uno status (tra i coloni, comunque).

Il termine agricoltura di sussistenza implica una necessità, non una scelta. Ma non è necessariamente così.


Un modo più naturale di crescere

Mi considero un agricoltore sostenibile e sono certificato biologico da molti anni. Tuttavia, sono ancora un agricoltore industriale.

Quando ho un problema con un bug, cerco questo barattolo di plastica di olio di neem biologico. Quando trapianto piante, riempio il mio spray di plastica con emulsione di pesce, un sottoprodotto dell’industria della pesca.

Gli strumenti e i prodotti da cui dipendo sono stati realizzati e
trattati per facilitare l’agricoltura. Anche un semplice strumento come la mia zappa ACE
Il materiale è passato attraverso un importante processo di produzione. I materiali erano
una volta parte di un albero e il minerale di ferro che doveva essere raccolto, formato, raffinato e
…nel suo complesso.

I contadini tradizionali di sussistenza non hanno il vantaggio di andare al negozio per acquistare prodotti biologici moderni. Non possono nemmeno andare su Internet e ordinare semi da Fedco.

L’agricoltura di sussistenza si basa sul principio di fare le cose in modo naturale, con poco impatto sul pianeta e a basso costo.


Viste moderne dell’agricoltura di sussistenza

Gli agricoltori moderni vedono l’agricoltura di sussistenza come parte dell’autosufficienza. In molte occasioni, ho coltivato circa il 70% del cibo che la mia famiglia mangiava. Materie prime come zucchero, farina, caffeina e frutta tropicale sono state acquistate come prodotti di base.

Come moderno agricoltore di sussistenza, ho accesso a cose che non posso coltivare a livello locale. Ho scelto di spendere soldi per cose come banane e cioccolato perché la mia famiglia li ama.

L’agricoltore di sussistenza di oggi cerca di produrre ciò che coltiva con pochi input. Ad esempio, il petrolio e il gas per l’acquisto di attrezzature o fertilizzanti possono essere troppo costosi da giustificare, per cui un agricoltore di sussistenza può rivolgersi ad altri strumenti.

L’obiettivo dell’agricoltura di sussistenza è quello di ridurre i costi bilanciando il costo di uno strumento o di un fertilizzante con la sua utilità a lungo termine, e determinare se si può fare qualcos’altro.


Semplificare la nostra vita

I termini “semplificazione”, “zero sprechi” e “sostenibilità” sono spesso rifiutati per mancanza di comprensione del loro reale significato.

L’agricoltura di sussistenza e l’autosufficienza si raggiungono con l’obiettivo di mettere in pratica questi termini.

Semplifichiamo la nostra vita quando facciamo di più con meno. Coltivare più cibo ma senza usare un decespugliatore ne è un esempio. Significa anche che siamo più sostenibili eliminando una fonte di dipendenza dai combustibili fossili nella nostra vita.


Elementi da considerare quando si decide di diventare un
un agricoltore di sussistenza


La Terra

L’acquisto di terreni è la cosa più costosa che un agricoltore possa fare. Se il vostro obiettivo è quello di diventare un agricoltore di sussistenza, potreste dover prendere in considerazione opzioni come i contratti fondiari, le locazioni e gli affitti.

Molti di coloro che partono per la sussistenza acquistano terreni che non vengono utilizzati perché sono più economici. Costruire una casa man mano che si va avanti può dare la possibilità di pagare i materiali perché si hanno i soldi per farlo e per progettare una casa che soddisfi le proprie esigenze.

Ci vogliono circa due acri di terra per sostenere un individuo per un anno per avere abbastanza spazio per coltivare frutta e verdura e per allevare carne, uova e bestiame da latte.


Strumenti

L’agricoltura moderna dipende dalla tecnologia molto più di quanto si possa pensare. Utilizziamo molti strumenti, attrezzature e macchine per facilitare il nostro lavoro. Tutte queste cose costano.

Nelle aziende agricole di sussistenza, gli agricoltori lavorano per mantenere bassi i fattori di produzione. Non dipendono da molti macchinari. Molti usano cavalli o buoi per tirare aratri e dischi. Decidere quali sono gli strumenti più redditizi e pratici è una decisione importante.

Alcuni gruppi come gli Amish limitano l’uso di
tecnologia moderna per aderire alle pratiche religiose e per avere un
collegamento a terra.


Reddito

I moderni agricoltori di sussistenza possono avere lavori esterni. Viviamo in un mondo dove i costi delle cose sono alti. Terreni e case sono grandi spese per chiunque in America.

Abbassando gli ingressi esterni e ampliando i giardini, si può risparmiare molto denaro, quindi un reddito limitato può andare molto lontano.

Una delle sfide affrontate dagli agricoltori di sussistenza è che i posti di lavoro tendono ad essere meno ben pagati nelle zone rurali. Questo può essere un fattore per voi se state pensando di diventare autosufficienti.

Uno dei lavori più popolari tra le persone che vogliono lavorare in proprio è il lavoro autonomo. Oggi ci sono molte opportunità di lavoro che si adattano bene alla gestione di un’azienda agricola.


Il risultato finale

L’agricoltura di sussistenza non è una cosa del passato, ma uno sguardo al futuro. Vivere una vita più semplice e contribuire alle proprie esigenze ti dà un senso di realizzazione, può portare benefici al pianeta e può essere un vantaggio economico.

Anche se non si abbraccia completamente l’agricoltura di sussistenza, si possono prendere alcuni indizi dalla tecnica per migliorare il proprio giardino.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *