Suggerimenti

Come coltivare la lattuga in giardino: tipi e varietà di lattuga

Buongiorno a tutti! Come te la passi? Spero che abbiate trascorso alcuni giorni piacevoli e che continuiate a godervi il giardino. Come sapete, il 23 settembre qui in Spagna abbiamo iniziato l’autunno. Questo ci condiziona nel modo in cui lavoriamo e dobbiamo preparare l’orto per la coltivazione di nuove specie che resisteranno in inverno, come avete già visto nell’articolo che abbiamo caricato qualche settimana fa IL GIARDINO DURANTE L’ANNO (I)

Qualcosa che potrebbe essere interessante per noi discutere è la gestione e la coltivazione delle specie che possiamo seminare in autunno, quindi oggi vogliamo parlare di come coltivare la lattuga in giardino. Vai per le lattughe!

Caratteristiche della lattuga

Questa domanda sembra uno scherzo e so che molti di voi potrebbero essersi persi di dire “più o meno rotondo e verde”, ma ehi, proviamo ad andare un po’ oltre. L’origine della lattuga non è molto definita come può accadere nel caso di altre specie, poiché la lattuga come la conosciamo è  Lactuca sativa , ma esiste un predecessore con molta storia come l’  antenato di Lactuca , quindi non è chiaro botanici della sua origine.

Quello che si sa è che Greci e Romani coltivavano questa pianta e la consumavano nelle loro piante. C’è anche un riferimento al fatto che le foglie delle lattughe sciolte iniziarono a essere consumate e che successivamente, nel XVI secolo in Europa, si optò per la produzione di lattuga a testa.

Tipi e varietà di lattuga

La lattuga è una pianta che appartiene alla famiglia  delle Asteraceae,  che per chi di voi conosce un po’ di tassonomia è la stessa famiglia delle  Compositeae  (composte) e come vi ho detto nel paragrafo precedente, il nome scientifico è  Lactuca sativa.  Troviamo una pianta che ha le seguenti caratteristiche:

  • RADICE: di  solito non supera i 25 cm, è pivottante, corta e con ramificazioni
  • FOGLIE: si mettono  a rosetta e poi possono continuare a stare così (esempio lattuga romana) oppure possono essere arricciate (esempio lattuga iceberg)
  • GAMBO:  cilindrico e ramificato
  • INFLORESCENZE: sono capolini  gialli
  • SEMI: hanno un vilano piumoso

Per darvi un’idea delle varietà e dei tipi di foglie vi lascio la seguente tabella dove potete vedere questo un po’ più chiaramente:

– Lattughe romane: Lactuca sativa var. longifolia

Non formano un vero bocciolo

  • Romana
  • Bambino

– Lattuga a testa: Lactuca sativa var. capitata

Queste lattughe formano una fitta gemma di foglie.

  • Batavia
  • Mantecosa o Trocadero
  • Iceberg

– Lattuga sfusa : Lactuca sativa var. inybacea

Sono lattughe che hanno foglie sciolte e sparse.

  • Lollo rossa
  • Insalatiera Rossa
  • Cracarelle

– Lattuga agli asparagi: Lactuca sativa var. augustana

Sono quelli che si usano per i loro steli, avendo foglie appuntite e lanceolate.

Come coltivare la lattuga

Qualcosa che potresti pensare è: “Perché dici che la lattuga è inverno se la pianto ad aprile?” Ebbene, vi dico, io la chiamo pianta invernale di lattuga perché è una pianta che predilige i climi umidi e freschi .

Quest’anno 2014, come quello del 2013, non è previsto un inverno molto rigido e potrebbe essere ancora una volta un buon momento per piantare le nostre lattughe. Se per la vostra zona geografica o perché ne avete voglia, preferite piantarla ad aprile, mettetela in un luogo fresco e all’ombra, altrimenti la lattuga spigola troppo.

Per quanto riguarda il terreno, predilige terreni ricchi di sostanze nutritive e che drenano molto bene . Se abbiamo terreni molto argillosi, come è successo in alcune zone dei frutteti di Alcobendas,  conviene aggiungere compost e letame; e se il tuo terreno non è molto argilloso, puoi aggiungere un humus per aumentare la quantità di sostanze nutritive.

Semina la lattuga

La semina della lattuga può essere diretta (io la semino direttamente in autunno per raccoglierla in inverno) ma si può anche seminare in semenzaio e poi seminare in piena terra. La distanza tra le piante può essere di circa 25 cm e tra le file di 30 cm . Se vuoi conoscere il tempo stimato, più o meno la lattuga dopo la semina, puoi raccoglierla in circa 8 settimane (due mesi più o meno) anche se dipende anche dal gusto che hai, e a differenza dei pomodori, quando raccogli lo, consumalo , no lo conservi in ​​frigorifero per molto tempo

Irrigazione di lattuga

Se parliamo di irrigazione , come più o meno hai intuito, la lattuga è una pianta che ama i terreni umidi, quindi per coltivare la lattuga devi cercare di non seccare il terreno. L’ irrigazione a goccia è ottimale per questa pianta e se pianti la tua piantina in giardino, è sufficiente un annaffiatoio.

Come aneddoto, ti racconto che nel sud della Spagna nelle colture intensive, usano il tubo trasudante per mantenere un’elevata umidità. Nonostante tutto questo, l’umidità non significa che hai la lattuga nella vasca da bagno, può marcire, come diciamo sempre, devi essere responsabile con l’acqua.

Bene, spero che questi suggerimenti ti siano stati utili e ci vedremo su Ilgiardinocommestibile.com nei prossimi articoli.

Un abbraccio e su la zappa

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *