Suggerimenti

Irrigazione delle talee: [Necessità, frequenza e procedura]

Le talee sono una delle forme più comuni e facili da applicare di moltiplicazione delle piante e parte del processo per farle prosperare è l’irrigazione.

Certo, è un compito molto diverso nel modo di eseguirlo da quello che suppone l’irrigazione di una pianta adulta.

Questo porta molte persone ad avere dubbi su come eseguire questo processo.

E poiché il nostro compito è aiutarti a portare a termine con successo tutte le tue attività di semina, qui ti forniamo le linee guida necessarie per innaffiare le talee .

Punti importanti durante l’irrigazione delle talee:
  • Frequenza di irrigazione: giornaliera in estate e ogni 3 o 4 giorni in inverno.
  • Metodo di irrigazione: prima a goccia e poi a spruzzo.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: in qualsiasi momento della giornata.
  • Individuare l’acqua in eccesso: marciume della talea, macchie sulla struttura.
  • Identifica la mancanza d’acqua: non può sviluppare l’apparato radicale o produrre nuove parti come gemme o foglie.

Che esigenze di irrigazione hanno le talee?

Le talee di quasi tutte le piante necessitano di un alto livello di umidità nel substrato per realizzare le due funzioni principali. Il primo è “incollare” la sua struttura nel terreno e il secondo è sviluppare il proprio apparato radicale.

In entrambi i processi, l’acqua che riceve il taglio sarà la fonte di energia in modo che possano essere eseguiti in modo efficiente. Ovviamente vanno evitati ristagni d’acqua perché poi la talea non sarà in grado di stabilire il suo processo e creare una nuova pianta .

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nelle talee?

Poiché le talee necessitano di una quantità ottimale di acqua, il deficit di questa può farle seccare e non completare il ciclo.

Se dopo i giorni in cui si deve attendere l’inizio della produzione delle radici, a seconda delle caratteristiche della sua specie, non si notano cambiamenti, valutare lo stato del terreno.

Quando è secco, sicuramente la mancanza di progressi nelle tue talee è dovuta al fatto che non hai annaffiato a sufficienza.

Quanto spesso dobbiamo innaffiare le talee?

Le talee non vengono annaffiate con grandi quantità d’acqua o con una frequenza molto specifica durante lo sviluppo. La cosa normale è applicare gli spray sul terreno ogni giorno quando fa caldo e distanziando fino a una volta ogni 3 o 4 giorni se fa freddo.

Questo sistema consentirà all’ambiente di rimanere umido ma non saturo d’acqua, il che è l’ideale per loro.

Qual è il modo migliore per innaffiare le talee?

L’irrigazione delle talee dovrà avvenire in due fasi e, quindi, utilizzando due meccanismi differenti. Il primo è il gocciolatoio che applicherai con un contenitore o un annaffiatoio a bassa erogazione per erogare lentamente l’acqua ed evitare le pozzanghere.

Questa irrigazione verrà effettuata il giorno prima della semina della talea per preparare l’ambiente umido di cui hai bisogno nel substrato. Dopo aver piantato la talea, applicherai anche un’annaffiatura un po’ meno abbondante per aiutarla a stabilirsi nel terreno.

Tieni presente che se l’acqua di questa irrigazione fuoriesce con grande forza, potrebbe alterare la posizione della talea. Dopo che il taglio è stato stabilito, l’irrigazione sarà ora basata su spruzzi che aiuteranno a mantenere l’ambiente sufficientemente umido.

Questi vengono normalmente applicati tutti i giorni , in quanto garantiscono che tutto l’ambiente sia ideale per lo sviluppo della talea. Dopo diversi giorni di semina la talea, valuta come si comporta e se noti del terreno asciutto a livello superficiale, procedi ad una nuova annaffiatura.

Questo dovrà essere ripetuto con una certa regolarità fino a quando la pianta non inizierà a formare la propria struttura e non si deciderà di trapiantarla. Al momento del trapianto , assumerai il modello di irrigazione appropriato per la specie con cui stai lavorando.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nelle talee?

Quando un taglio è sottoposto a più acqua di quanto dovrebbe, possono iniziare a comparire macchie sulla struttura. Questi sorgeranno a causa della presenza di funghi che approfitteranno dell’elevata umidità per stabilirsi in quel luogo.

Tieni presente che la talea non avrà la forza delle radici, che ha una pianta già insediata, per lavorare sul suo recupero, quindi è molto probabile che muoia.

Ecco perché è consigliabile applicare un fungicida quando si pianta una talea, per ridurre le possibilità che ciò accada. L’uso delle talee è diventato così popolare perché permette di riprodurre facilmente le caratteristiche di una pianta esistente.

Cioè, ti permetteranno di ottenere un nuovo esemplare per regalare quei fiori che tanto ami o un ottimo raccolto di qualche albero da frutto. Quando la semina viene effettuata da seme, non sempre è possibile garantire che la pianta ottenuta sia in così buone condizioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *