Suggerimenti

Rotazione delle colture: [Concetto, esempi, vantaggi e storia]

Piantare la stessa coltura nello stesso luogo per molti anni consecutivi impoverisce gradualmente il terreno di alcuni nutrienti e aumenta il rischio di parassiti e possibili erbe infestanti che impediscono la crescita delle tue piante in giardino.

Con la rotazione delle colture, alcuni nutrienti vengono reintegrati a seconda delle colture che vengono piantate.

Ad esempio, una semplice rotazione tra una pianta che utilizza molto azoto (ad esempio il mais) e una pianta che deposita azoto (ad esempio la soia) può aiutare a mantenere un sano equilibrio di nutrienti nel terreno.

 

Che cos’è la rotazione delle colture?

La rotazione delle colture è una tecnica utilizzata in agricoltura per alternare nello stesso luogo i diversi tipi di piante coltivate –famiglie diverse con esigenze nutrizionali diverse–, con l’obiettivo di prevenire lo sviluppo di malattie che colpiscono queste colture ed evitare che il terreno si esaurisca nutrienti.

Attraverso questo sistema si controllano malattie e parassiti per migliorare le colture, impedendo loro di perpetuarsi in un determinato momento e nello stesso luogo.

Pertanto, se diverse specie vengono piantate contemporaneamente nello stesso campo, le esigenze di ciascuna devono essere prese in considerazione nell’irrigazione, nella fertilizzazione e nella manutenzione.

È un modo per garantire la sostenibilità del territorio favorendo coltivazioni che si alternano anno dopo anno, mantenendo la fertilità del suolo.

Lo sapevate…?
La rotazione delle colture è diversa dalla monocoltura, perché in questa, nel corso degli anni, la proliferazione dei parassiti e l’usura del terreno tendono a peggiorare, il che si traduce in una diminuzione dei nutrienti poiché le piante occupano sempre la stessa area di radici.

Per migliorare il terreno e ridurne l’usura, è necessario sviluppare una pianificazione rigorosa e conoscere le proprietà di ciascuna delle piante. In questo modo si otterranno i benefici richiesti.

Alcune delle cose che i pianificatori dovrebbero prendere in considerazione sono: la durata del processo, che in media è di quattro anni; che il terreno deve riposare per qualche tempo prima di essere riutilizzato nella nuova produzione; e che ci deve essere una divisione in gruppi di piante, dividendo il frutteto per una corretta distribuzione e buona produzione.

 

Perché è importante ruotare le colture?

Le colture hanno registrato incrementi considerevoli e questo aumento si riflette nel tasso di estrazione dei nutrienti, che ha creato una maggiore dipendenza dai fertilizzanti; Ciò si traduce in danni al suolo e agli ecosistemi vicini, se non alle acque sotterranee.

Per questo era necessario trovare un modo sostenibile per risolvere il problema attraverso un’azione che evitasse l’impatto del suolo e di altre componenti dell’ambiente, e niente di meglio della rotazione delle colture.

Produzione sostenibile

Per realizzare un sistema produttivo sostenibile, il modello da imitare sono i sistemi naturali, che tendono a massimizzare la cattura di risorse e la produzione di biomassa riducendo al minimo la perdita di nutrienti, mantenendo il suolo e il suolo coperti. .

Pertanto, un buon programma di rotazione deve essere produttivo, prevenire l’erosione del suolo, ridurre al minimo la perdita di nutrienti, resistere a parassiti e malattie e garantire il beneficio di ogni coltura per la successiva.

La cosa più importante di questo processo è che l’usura del terreno è ridotta al minimo, perché, quando la rotazione è sviluppata in modo rapido ed efficiente, la comparsa di erbe infestanti è ridotta perché il terreno è occupato ininterrottamente durante tutto l’anno.

Con la rotazione delle colture, inoltre, si favorisce lo sviluppo di un terreno più sano producendo un aumento della riserva di humus , quando si alternano piante diverse, che stimola l’azione di microrganismi benefici per il terreno.

 

Quali sono i vantaggi delle colture rotanti?

Potremmo dire che uno dei principali vantaggi è che con la rotazione delle colture si mantengono la biodiversità e le proprietà del suolo.

Il mantenimento della biodiversità si traduce nella conservazione degli ecosistemi sia nelle specie vegetali, sia nelle specie animali e insetti, che garantisce le prestazioni dei nutrienti del substrato e che favorisce l’utilizzo del suolo.

Altri vantaggi della rotazione delle colture sono i seguenti:

Protezione ambientale

  1. Minor utilizzo di fertilizzanti, che rappresenta il risparmio di tempo e denaro nella produzione e la riduzione della possibilità di contaminare le falde acquifere.
  2. Migliore nutrizione delle piante, poiché ci sono meno carenze di nutrienti.
  3. Naturalmente maggiore resistenza a parassiti e malattie, con conseguente minor utilizzo di pesticidi ed erbicidi.
  4. Cambiare il raccolto tende a sconfiggere il parassita, in quanto non avrà lo stesso ambiente e molto probabilmente non tornerà nella fase successiva.
  5. La diversificazione della produzione, una delle cose che i coltivatori cercano di più.
  6. Produce la riduzione dell’erosione idrica ed eolica.
  7. Miglioramento del contenuto di sostanza organica nel suolo.
  8. Riduzione di erbe infestanti , parassiti e insetti nelle colture.
  9. Miglioramento delle colture rispetto alle monocolture.
  10. Miglioramento del drenaggio e dell’aerazione del suolo, che conferisce maggiore stabilità e diversità alla produzione.
  11. Nel processo, l’incidenza di parassiti e malattie è ridotta perché i loro cicli di vita sono interrotti.
  12. Il controllo delle infestanti viene mantenuto, perché, quando le condizioni di temperatura o umidità del suolo non lo consentono, le specie colturali soffocanti o le colture di copertura vengono utilizzate come sovescio o colture invernali .
  13. Poiché le radici più profonde estraggono i nutrienti in profondità, c’è una distribuzione più adeguata dei nutrienti nel profilo del suolo.
  14. Riduce la necessità di lavorazione del terreno, l’uso di macchinari e previene il compattamento del terreno.

 

Quali sono gli svantaggi della rotazione delle colture?

Gli svantaggi sono legati, soprattutto, ai costi di produzione; alcuni di questi sarebbero i seguenti:

  • Sono necessarie più attrezzature perché non tutti i semi possono essere piantati con la stessa attrezzatura.
  • Lo stesso problema si verifica al momento della raccolta, per colture diverse, squadre diverse.
  • Più raccolti ci sono, più saggezza deve essere applicata, perché in ogni caso bisogna sapere come seminare, come coltivare, come raccogliere, ecc.
  • Potrebbe esserci un ritorno finanziario inferiore, poiché alcune colture sono più costose di altre.

Quali sono gli esempi più comuni nella rotazione delle colture?

Esistono diversi tipi di associazione colturale.

  • Misto, seminato casualmente.
  • Inframmezzate, scrofe tra una fila e l’altra, a una certa distanza.
  • Nelle trame, intervallate dalle strisce.

Alcune regole…

Ci sono regole per le rotazioni, come:

  1. Non ripetere colture della stessa famiglia, perché consumano gli stessi nutrienti che impoveriscono il suolo.
  2. Rotazione degli ordini in base al fabbisogno di nutrienti.
  3. Le colture devono essere intervallate perché in questo modo le risorse vengono ottimizzate.

 

Colture esigenti e poco esigenti

La rotazione delle colture può essere effettuata, ad esempio, tra colture esigenti e non esigenti.

Tra gli esigenti abbiamo bietole , cavoli, mais , zucca ; e tra i non impegnativi, legumi come soia , lenticchie , ceci e sovescio.

Dobbiamo combinare le colture in modo appropriato, in modo che consentano il rendimento ottimale e l’uso dei nutrienti delle piante esigenti per arricchire la terra.

Cavolo e carote

Uno degli esempi riportati è quello della rotazione di cavoli e carote con l’obiettivo di ridurre il pericolo della comparsa di parassiti e malattie.

Se coltiviamo solo cavoli in un campo, finirebbero per apparire parassiti che attaccano questo tipo di piante, la stessa situazione che si presenterebbe se seminiamo solo carote.

Ma alternando le due specie, il controllo diventa più rapido, più semplice e si elimina l’uso di pesticidi.

L’importanza della rotazione colturale risiede anche nel mantenimento della copertura del suolo, sfruttando il tempo di coltivazione, l’equilibrio biologico, l’incorporazione delle stoppie una volta effettuata la raccolta al minimo costo di produzione, sostenibilità e fertilità del suolo.

 

Mais con legumi

Un altro esempio è la rotazione del mais con i legumi. Il mais ha un elevato fabbisogno di azoto e fosforo e se il mais viene coltivato anno dopo anno, sarà necessario fornire più di questi nutrienti nella fertilizzazione.

Quindi, se ruotato con un legume, come i fagioli , che è una specie azotofissatrice, il mais può sfruttare il contenuto e la disponibilità di questo macronutriente che migliora la fertilità del suolo.

Chi ha inventato la rotazione delle colture?

La rotazione delle colture è conosciuta come il sistema Norfolk, perché è iniziata nel 1730 nella tenuta di Lord Townshend a Norfolk, nel Regno Unito.

Lord Townshend era stato Segretario di Stato d’Inghilterra e ambasciatore in Olanda e durante il suo soggiorno in questo paese osservò le caratteristiche della semina nella regione.

Quando si ritirò dalla carriera diplomatica, si dedicò alla semina sulle sue proprietà. Iniziando drenando il terreno e concimandolo, avviò le colture in rotazioni regolari senza impoverire il terreno.

In questo modo seminava prati e foraggi per il bestiame senza rendere improduttiva la terra.

Attraverso la rotazione quadriennale, seguendo l’ordine di frumento , rape , orzo ed erba medica , la produttività aumentava.

La proposta di Lord Townshend fu portata alla Corona britannica e da lì alla nobiltà, dove fu accolta con grande ricettività poiché essi stessi verificarono, di propria mano, l’efficacia della semina seguendo questa procedura.

Per questo Lord Townshend è considerato l’inventore della rotazione delle colture, poiché le sue formule sono applicate ancora oggi in innumerevoli paesi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.