Suggerimenti

Il metodo di coltivazione naturale di Masanobu Fukuokaka

Quando si dice che “la natura è saggia”, non si tratta solo di parlare. Masanobu Fukuoka ha dimostrato che è possibile produrre una grande quantità di cibo lasciando che la vita si faccia strada quasi da sola. Questo è ciò che si chiama “agricoltura naturale” .

Chi era questo mastro contadino e su cosa si basa il suo metodo? Te lo diremo.

Masanobu Fukuoka, il nonno della permacultura

Di recente vi abbiamo parlato di permacultura in questo articolo. Se ben ricordi, l’agricoltura in essa impara dalla natura.

Masanobu Fukuoka propugnava, prima ancora, un metodo più radicale. Questo giapponese parlava di agricoltura naturale .

Ma chi è Masanobu Fukuoka?

Masanobu Fukuoka, il «contadino naturale»

Fukuoka è nato nel 1913 e oggi è riconosciuto come agricoltore, ma prima di raggiungere l’orto è passato per l’accademia.

Si è formato come microbiologo e agronomo ed è stato un prestigioso ricercatore di malattie delle piante a Yokohama. Era un uomo di laboratorio fino a quando nel 1937 ha ripensato a tutta la sua vita, al suo lavoro e alla sua società.

Fu allora che lasciò il lavoro e tornò nell’azienda agricola di famiglia, dove sviluppò una prospettiva diversa sull’agricoltura.

Dal suo punto di vista, l’agricoltura convenzionale rovina la terra, danneggia le piante e degrada l’ambiente.

Come produrre cibo senza danneggiare l’ecosistema? Fukuoka riteneva che, forse, la questione non fosse cosa fare per migliorare la produzione, ma cosa smettere di fare .

E così iniziò l'”agricoltura naturale”, basata su una filosofia molto semplice. Perché, pensate, avete mai visto che una foresta ha bisogno di contadini?

Masanobu Fukuoka Natural Farming: lascia l’agricoltura tranquilla

Secondo Fukuoka, nessuno conosce l’agricoltura più della natura stessa. Per milioni di anni lo ha fatto senza alcun problema.

Per questo motivo l’agricoltura naturale può essere definita un’agricoltura selvaggia , dove la natura è lasciata a lavorare da sola. Non c’è quasi nessun intervento umano.

Ciò significa abbandonare tecniche da sempre considerate essenziali in agricoltura, come la lavorazione del terreno o la concimazione.

Fukuoka la definì la dottrina Wu Wei (“da non fare” in giapponese). Questo modo di non agire ha i seguenti principi:

  • Non arare

Il terreno deve rimanere nel suo stato naturale. Non dovresti usare un aratro o qualsiasi altro strumento che ne rompa la superficie, perché altera il suo microecosistema.

  • Non pagare

Se un ambiente naturale con vegetazione non ha bisogno di fertilizzanti per essere fertile e dinamico, perché fertilizzare la coltura?

L’agricoltura naturale afferma che non è necessaria, sebbene di tanto in tanto sostenga la rotazione delle colture per migliorare il recupero del suolo.

  • Non usare erbicidi o pesticidi

Non ci sono erbacce o insetti cattivi. Devi interagire con loro, non distruggerli. Inoltre, queste sostanze inquinano i terreni e uccidono i microrganismi benefici.

  • Non potare

I rami crescono secondo le loro esigenze di spazio e luce. Potare è forzare e dominare, secondo questa dottrina.

La mancata esecuzione di tutti questi compiti ha implicazioni negli sforzi dell’agricoltore, nella quantità di rifiuti prodotti, nel consumo di combustibili fossili (nessuno), nell’uso delle macchine agricole (nessuno, nessuno) o nei fertilizzanti e altri trattamenti.

In breve, l’agricoltura naturale si basa sull’imitazione della natura stessa .

Palline di semi o nendo dango

Una delle poche azioni consentite nell’agricoltura naturale è la semina . Ovviamente, le piante che ci interessano non raggiungeranno la trama da sole. Pertanto, devi seminare.

Fukuoka ha proposto di utilizzare palline di semi ( nendo dango ), un sistema semplice che non ha bisogno di arare il terreno per piantare i semi e non li lascia in vista degli uccelli.

Le palline di semi sono piccole palline di argilla (a volte anche mescolate al compost) di 1-3 cm di diametro in cui sono nascosti i semi. Sono sparsi sulla terra e le prime piogge ammorbidiscono l’argilla e rilasciano i semi.

Oltre ai semi delle varietà che si vogliono coltivare, sono incluse altre piante che aiutano a fertilizzare il terreno e proteggono lo sviluppo di quelle che ci daranno frutti. Ad esempio, il trifoglio bianco.

L’eredità di Masanobu Fukuoka

Fukuoka coltivò senza attirare l’attenzione fino a quando nel 1975 pubblicò il libro La rivoluzione del filo di paglia , in cui spiegava l’agricoltura naturale. In quel momento è diventato un punto di riferimento e ha viaggiato in tutto il mondo per parlare della sua filosofia. Il suo lavoro è stato una guida essenziale per gli agricoltori biologici e la permacultura.

La sua eredità va oltre la produzione alimentare. Fukuoka era interessato a combattere la desertificazione e il suo metodo può essere utilizzato per rimboschire aree aride. La sua efficacia è stata dimostrata nei luoghi aridi dove è ricomparso il verde, successi che si possono leggere nel suo libro Semina nel deserto .

Recuperare suoli aridi e desertici è una nuova opportunità di vita. Le comunità in queste aree possono riconquistare l’agricoltura, ottenere più cibo ed evitare carestie e povertà.

Con una tale eredità, gli insegnamenti del Maestro Fukuoka meritano sicuramente di essere ascoltati. Non credi?

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *