Suggerimenti

Varietà di pistacchio e portainnesti: come scegliere quello più adatto

Ciao agrouristi. Nell’articolo di oggi vi daremo tutte le chiavi per decidere quale varietà di pistacchio e portainnesto scegliere. Vedremo come esistono varietà femminili e varietà maschili , poiché è una pianta dioica.

La varietà è la parte dell’albero che ci darà i frutti , mentre il portainnesto è la parte che fornisce l’apparato radicale , cioè la radice, che si trova sotto terra. Queste due decisioni sono molto importanti per la costituzione della piantagione, poiché commettere un errore in questo senso può causare gravi danni in futuro. 

Come scegliere la varietà di pistacchio?

Come abbiamo già detto nell’articolo sulla coltivazione del pistacchio, l’ albero del pistacchio è una specie dioica , con alberi maschili e femminili. Le femmine sono quelle che daranno il frutto , mentre i maschi si occupano solo del polline , cioè non produrranno frutti. In questo senso, quando dovremo decidere una varietà in base ai frutti, guarderemo solo alle femmine e poi sceglieremo i maschi.

Varietà di pistacchio più rilevanti

Numerose sono le varietà di pistacchio coltivate in tutto il mondo. I principali sono:

Varietà femminili

  • Mateur
  • Egina
  • Larnaka
  • Avdat
  • Kerman
  • Kastel

Varietà maschili

  • C Speciale
  • Mateur M
  • M11
  • Egina
  • Peter
  • Guerriero

In Spagna la varietà femminile più diffusa è Kerman , con la varietà Peter come maschio. Per questo motivo, il fatto di scegliere queste varietà sarà già un vantaggio, poiché la conoscenza del loro comportamento è molto più ampia rispetto a quella che abbiamo su altre varietà.

Il fattore fondamentale per selezionare il tipo di pistacchio sarà il clima , anche se parleremo anche di altri come la dimensione del frutto, la produzione di frutti vuoti, le rese, ecc.

In che modo il clima influenza la scelta della varietà?

Il più grande fattore determinante per la scelta della varietà è il clima. In questo senso vanno utilizzati due criteri fondamentali: le ore fredde e le gelate tardive .

Quali sono le ore fredde?

Le ore fredde sono una caratteristica molto comune tra gli alberi da frutto. Quando arriva l’inverno, vanno a riposare ( si addormentano ) finché non accumulano tutte le ore di freddo necessarie per svegliarsi e iniziare a fiorire. Le ore fredde sono tutte le ore del giorno in cui la temperatura è inferiore a 7ºC. Il numero di ore necessarie per uscire dal riposo dipenderà dalla varietà, con alcune che richiedono pochissime ore (varietà a fioritura precoce) e altre, invece, ne richiederanno molte (varietà a fioritura tardiva) .

Le varietà con elevate esigenze di freddo saranno adatte per le zone fredde, mentre le varietà con basse esigenze di freddo saranno scelte per le località più calde.

L’importanza delle gelate tardive nella scelta della varietà

È di vitale importanza che nella nostra zona non ci siano gelate tardive quando il pistacchio entra in fioritura, poiché causerebbe ingenti danni agli alberi. In questo senso, scegliendo una varietà tardiva, ridurremo anche le possibilità di gelate durante la fioritura dei pistacchi. Pertanto, i fattori climatici avranno la precedenza sul resto quando si sceglie la varietà. 

Clima e varietà femminili

Se la piantagione sarà situata in una zona più fredda, come la metà settentrionale della penisola, sceglieremo una varietà successiva come Kerman o Kastel . Per le zone con temperature più miti, come il sud della Spagna, possiamo scegliere una varietà più precoce , come Mateur , poiché le gelate primaverili sono più improbabili.

Clima e varietà maschili

Una volta scelta la varietà femminile, dobbiamo selezionare la varietà maschile, quindi dobbiamo guardare quelle varietà di maschi il cui periodo di fioritura si sovrappone a quello delle femmine , al fine di garantire l’impollinazione. Infatti, se il maschio entra in fioritura un po’ prima delle femmine, sarà ancora più vantaggioso.

La svolta nell’albero del pistacchio

Qual è la svolta? L’inversione di tendenza è una caratteristica di molti alberi da frutto, in cui un anno producono una grande quantità di frutti (anno ON), mentre l’anno successivo tale quantità si riduce notevolmente (anno OFF). Il pistacchio è un albero da frutto che ha una significativa inversione di tendenza . Tuttavia, questo effetto può essere mitigato con la scelta della varietà. In questo senso, le cultivar “migliori” sarebbero Larnaka o Avdat e le “peggiori” sarebbero Kerman, Aegina o Mateur .

Pezzatura dei frutti in base alla varietà

I frutti di Kerman sono più grandi e richiesti sul mercato, quindi la loro facilità e il prezzo di vendita sono più alti rispetto ad altre varietà. Come punti negativi, presenta una stoppia accentuata e una maggiore percentuale di frutti vuoti, rispetto ad altre varietà. Per quanto riguarda le dimensioni dei frutti, una buona alternativa a Kerman sarebbe Kastel, poiché avranno dimensioni simili. Sebbene la coltivazione di questa varietà in Spagna non sia molto diffusa, quindi il suo comportamento nella nostra regione è sconosciuto.

Percentuale di frutti vuoti

Le varietà con la produzione più bassa di frutti vuoti sono Larnaka, Avdat o Aegina . Finché non abbiamo gelate tardive, queste cultivar possono essere un’opzione interessante. Come già accennato, il primo fattore da tenere in considerazione nella scelta della varietà è il gelo.

Produttività

Questo è un aspetto importante soprattutto se andremo a produrre pistacchi in terraferma. In condizioni di siccità, le varietà con le rese più elevate sono Mateur, Larnaka e Aegina . Per la produzione pluviale, queste varietà sarebbero di circa 1100 kg/ha, mentre Kerman produrrebbe circa 850 kg/ha.

Scelta del portainnesto. Qual è il modello più adatto?

Il portainnesto, chiamato anche modello o piede, è la parte che fornirà l’apparato radicale del pistacchio . Chiamiamo il sistema di root l’insieme delle radici dell’albero. I tipi di portainnesto più utilizzati nella coltivazione del pistacchio sono Pistacia terebinthus L. (cornicabra), Pistacia atlantica D. e Pistacia integerrima S. , tra gli altri. Viene sempre più utilizzato l’uso di ibridi, come UCB1 , che sarebbe un incrocio tra P. altantica e P. integerrima , che ci consente di combinare i vantaggi di entrambi.

L’utilizzo di portainnesti è necessario per migliorare alcune caratteristiche della specie da un punto di vista agronomico, ad esempio resistenza a parassiti, malattie, condizioni climatiche, suolo, ecc. Di seguito analizzeremo i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a decidere quale scegliere per il tuo giardino o piantagione.

Pistacia terebinthus L. (cornicabra)

Questo portainnesto è originario della Spagna e della regione mediterranea in generale, il che inizialmente è già un vantaggio perché significa che è adattato alle nostre condizioni .

Vantaggio

  • Ottimo per terreni asciutti, con suoli poveri e poco profondi.
  • Buon assorbimento di rame, zinco e boro.
  • Elevata resistenza al freddo.
  • Produzioni medie
  • Resistente alla presenza di calcare nel terreno
  • Resistenza a nematodi e funghi Armillaria e Phytophtora

Svantaggi

  • Ci vuole più tempo per entrare in produzione
  • Molto sensibile alla verticillosi, malattia causata dal fungo Verticillium molto pericoloso per i pistacchi.

In quali condizioni si consiglia Pistacia terebinthus ?

Questo modello sarebbe tra le migliori opzioni, insieme alla Pistacia atlantica , se la nostra piantagione è a secco , con terreni poveri e poco profondi . È anche la migliore alternativa per i terreni argillosi , in quanto è quella che meglio lo tollera. Senza dubbio, è l’opzione più vantaggiosa per le zone fredde come Castilla y León. Potrebbe anche essere una buona opzione per le piantagioni biologiche grazie alle sue dimensioni più ridotte rispetto ad altri modelli. Anche se, come abbiamo già detto, dobbiamo assicurarci che il nostro terreno non abbia Verticillium.

Pistacia atlantica D.

Vantaggio

  • Buon modello per la coltivazione in terreni asciutti e con terreni poveri, anche se non tanto quanto Pistacia terebinthus
  • Assorbimento medio di rame, zinco e boro
  • Resistente al freddo, ma meno di Pistacia terebinthus
  • Le produzioni sono buone, simili a Pistacia terebinthus
  • Resiste anche alla presenza di calcare
  • Maggiore resistenza a Phytophtora rispetto a Pistacia terebinthus

Svantaggi

  • Ci vuole tempo anche per entrare in produzione
  • Come Pistacia terebinthus , è sensibile al Verticillium
  • Sensibile all’Armillaria ( la Pistacia terebinthus è resistente)

In quali condizioni sarebbe consigliata la Pistacia atlantica ?

Come abbiamo già detto, la Pistacia atlantica è una buona opzione per terreni aridi o poveri . Tuttavia, preferirà terreni sabbiosi o argillosi, a differenza di Pistacia terebinthus , che supporta il contenuto di argilla. Se la nostra trama è in Castilla y León, non sarebbe l’opzione migliore a causa del freddo; è più adatto alla metà meridionale della penisola . Come con Pistacia terebinthus , dobbiamo assicurarci che il Verticillium non sia presente.

Pistacia intera S.

Il vantaggio principale di questo modello è che è l’ unico resistente al Verticillium , oltre ad entrare in produzione prima del resto dei modelli. Tuttavia, il resto delle caratteristiche lo rendono inadatto alla maggior parte delle aree della Spagna: produzione inferiore rispetto ai modelli precedenti, minore adattamento a terreni poveri, sconsigliato in terreni asciutti, molto sensibile al freddo , minore capacità di assorbimento dei nutrienti, ecc.

Quindi dove sarebbe adatto? Zone calde , con inverni non troppo freddi, senza gelate tardive e suoli con gravi problemi di Verticillium .

Modello UCB1

Questo pattern risulta dall’ibridazione tra Pistacia atlantica e Pistacia integerrima , ottenendo così i vantaggi che più ci interessano di entrambi. Da un lato, grazie a Pistacia atlantica, otterremo una resistenza al freddo accettabile e, dall’altro, Pistacia integerrima ci fornirà una resistenza al Verticillium.

Tuttavia, il suo adattamento a terreni poveri o asciutti non è buono come quello di Pistacia terebinthus . Al contrario, possiamo dire che la sua produzione è leggermente superiore sotto irrigazione rispetto a Pistacia atlantica e Pistacia terebinthus . Ha efficienze inferiori nell’assorbimento dei nutrienti , quindi il costo dell’abbonamento aumenterà. Inoltre, la sua maggiore crescita aumenterà anche le spese di potatura .

In quali condizioni sarebbe raccomandato UCB1?

Principalmente per le zone fredde che a loro volta hanno problemi di Verticillium .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *