Suggerimenti

Cos’è un giardino agroecologico e come allestirlo

L’orto agroecologico è un sistema agricolo che attraverso l’utilizzo di tecniche di conservazione e miglioramento del suolo e dell’ecosistema, riesce ad ottenere alimenti di altissima qualità nutrizionale e sensoriale nel rispetto dell’ambiente . Nell’agricoltura ecologica o biologica, non vengono utilizzati prodotti chimici di sintesi, ottenendo così agroecosistemi socialmente ed ecologicamente sostenibili.

Se vuoi allestire un orto agroecologico , questo articolo ti sarà molto utile per avere chiaro quali passi dovresti compiere per creare il tuo orto biologico o ecologico.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Quali sono le caratteristiche di un giardino agroecologico?

Alcune delle caratteristiche più importanti del giardino agroecologico sono:

  • Produzione di ortaggi con alti valori nutrizionali e soprattutto sani. Le piante che vengono coltivate con questo sistema hanno una maggiore quantità di vitamine e minerali rispetto a quelle prodotte con agrofarmaci.
  • Le verdure dell’orto biologico, grazie al loro alto contenuto di vitamine e minerali, rafforzano l’organismo della persona, rendendolo più resistente alle malattie e alle infezioni.
  • Si incoraggia l’uso sostenuto del suolo, evitandone il deterioramento. Il controllo dei parassiti e delle malattie delle piante è biologico. La semina di alcune specie agisce come repellente contro gli insetti.
  • L’orto biologico permette di preservare l’esistenza di piante autoctone, in caso contrario si può causare uno squilibrio nell’ambiente e la proliferazione di parassiti.
  • Producendo il tuo cibo, aiuti l’economia domestica.

Posizione e organizzazione dell’orto biologico

È molto importante, quando si sceglie il luogo del giardino, considerare tre aspetti:

  1. Lascia che il posto sia soleggiato
  2. È vicino alla casa e ha un facile accesso
  3. È vicino a una fonte d’acqua water

Se hai un terreno molto buono ma senza le condizioni di cui sopra, è preferibile scegliere un terreno che non sia così buono ma che abbia quelle condizioni. È molto più facile migliorare la qualità del suolo che modificare le condizioni ambientali.

Preparazione del terreno

La preparazione del terreno è forse uno dei lavori più importanti quando allestiamo un orto, poiché lo sviluppo delle colture dipenderà in gran parte da questo compito.

Per cominciare, indipendentemente dal tipo di terreno che hai, è consigliata l’aggiunta di sostanza organica, poiché:

  • Aumenta la capacità dei terreni sabbiosi di trattenere l’acqua.
  • Ammorbidisce i terreni pesanti (argillosi) aumentando la loro aerazione e migliorando la crescita delle radici.
  • Serve come cibo per gli organismi del suolo.
  • Fornisce nutrienti disponibili alle piante.

.

Per l’aggiunta di sostanza organica possiamo utilizzare:

  1. Compost organico o “compost”.
  2. Humus di lombrico.
  3. Letame animale da cortile compostato.

Se utilizziamo compost o lombrichi, va aggiunto in ragione di 30 kg ogni 10 m 2 di terreno.

Nel caso del letame si dovrebbero applicare da 1 a 2 kg/m 2 , e se il terreno è molto sabbioso si possono applicare fino a 5 kg/m 2 per ottenere risultati migliori.

La preparazione del terreno va fatta, se possibile, un mese prima della semina, soprattutto se utilizziamo letame. Altrimenti possiamo farlo senza troppe anticipazioni.

Ora, per preparare il terreno dobbiamo seguire i seguenti passaggi:

  1. Stendere uno strato da 2 a 5 kg di compost organico o letame per ogni m 2 di terreno. Mescolare con i primi 10 cm di terreno.
  2. Con la pala appuntita, interrare 30 cm, sollevare e far cadere la terra rigirandola (dobbiamo effettuare questa operazione su tutto il terreno destinato al giardino). In questo modo mescoleremo la sostanza organica nel terreno e lasceremo il terreno soffice in modo che le radici si sviluppino meglio.
  3. Vai a rimuovere grandi pietre.
  4. Quando hai girato tutto il terreno, rastrella per livellare e spezza le zolle.

Una volta preparato il terreno, possiamo procedere alla preparazione delle aiuole o aiuole alte , che sono le strutture in cui pianteremo o trapianteremo.

Preparazione di letti alti o terrazzi

I letti a soppalco sono l’ideale quando hai poco terreno, perché ti permettono di sfruttare bene lo spazio.

Per cominciare, vengono segnate delle strisce larghe 1 metro e lunghe non più di 15 metri, lasciando tra loro un corridoio di circa 50 cm per consentire la circolazione. Se la pendenza lo consente, le strisce devono essere orientate da nord a sud.

La procedura è la seguente:

La quantità di terrazzi o aiuole da realizzare dipenderà dalle dimensioni del terreno destinato al giardino.

Nei letti alti puoi combinare piante di diverse dimensioni.

Semina

La maggior parte degli ortaggi viene moltiplicata per seme, per cui avremo bisogno di semi di buona qualità per il nostro orto.

Alcuni parametri di qualità da tenere in considerazione quando si acquistano i semi:

  • Purezza varietale: tutti i semi devono essere della stessa varietà.
  • Purezza fisica: devono essere puliti, senza particelle estranee, spazzatura o erbacce.
  • Igiene: non contaminato da parassiti e malattie.
  • Potere germinativo: la maggior parte dei semi dovrebbe essere in grado di germinare quando hanno la giusta temperatura e umidità.
  • Vigore: i semi devono germogliare rapidamente e le piantine devono essere vigorose.

Questi dati dovrebbero essere presenti nella confezione dei semi, per garantire che siano di buona qualità. La raccomandazione che ti facciamo da ECOagricultor è di utilizzare semi con certificazione biologica per assicurarti che siano della migliore qualità.

Ci sono due modi per seminare :

  • Semina diretta: I semi vengono posti direttamente nel campo finale dove cresceranno. Questo metodo viene utilizzato per ortaggi a seme grosso resistenti alle variazioni climatiche. Esempio: carota, coriandolo, ravanello.
  • Piantina e trapianto: questo metodo viene utilizzato quando il seme è molto piccolo e necessita di cure particolari per germinare. Esempio: lattuga, cavolfiore, pomodoro.

Un altro aspetto molto importante da considerare è la profondità di semina, che dipenderà dalle dimensioni del seme che stiamo seminando, ad esempio:

.

Una volta posizionati i semi, li copriamo e battiamo delicatamente il terreno con una pala o una zappa.

Infine bisogna annaffiare, preferibilmente con un annaffiatoio. Il terreno deve avere sempre un po’ di umidità, per cui è necessario annaffiare frequentemente ma senza esagerare. Quando le piante iniziano a spuntare, si può annaffiare per solco, per aspersione o per sgocciolamento, a seconda del sistema che utilizziamo.

In generale, a seconda della specie, dopo 5 o 10 giorni le piantine saranno già in crescita. Quando hanno 3 o 4 foglie, dobbiamo effettuare un diradamento , eliminando le piante in eccesso (le più piccole, malate, ecc.) fino a lasciare la distanza finale.

Trapianto

Se invece di seminare, mettiamo piante con diversi giorni di crescita, allora stiamo parlando di trapianto. È altamente raccomandato che le piante che andremo a mettere nel terreno abbiano un pane di terra nelle loro radici, poiché in questo modo lo stress post-trapianto è minore e un migliore adattamento al nuovo luogo dove si svilupperanno fino al raccolto è favorito. .

Subito dopo aver effettuato il trapianto, dobbiamo effettuare l’irrigazione.

Da questo momento in poi dovremo svolgere alcuni compiti periodici per mantenere il nostro giardino in buone condizioni :

  1. Irrigazione: è importante aggiungere solo l’acqua necessaria, né più né meno. Questo dipenderà da alcuni fattori come il clima (se fa caldo e secco bisogna annaffiare più spesso), il tipo di terreno (se il terreno è sabbioso e sciolto, bisogna annaffiare più spesso ma con poca acqua ogni volta ) e il tipo di coltura (più profonde sono le radici della coltura, necessiterà di annaffiature meno frequenti ma con molta acqua ogni volta).

.

  1. Controllo delle erbe infestanti : quando nel frutteto crescono piante che non sono state piantate e non vogliamo averle, dobbiamo estirparle, poiché competono con le nostre colture per luce, sostanze nutritive e acqua.

.

  1. Hilling: questa pratica consiste nel portare il terreno alla base della pianta con una zappa, e viene solitamente eseguita quando le piante sono già cresciute e sode, al fine di:
  • Migliora l’aerazione del suolo.
  • Migliora la conservazione dell’umidità.
  • Aiutano a sostenere le piante, rendendole più resistenti al vento e al proprio peso.
  • Ridurre l’attacco di malattie.

.

  1. Controllo dei parassiti: dobbiamo controllare quegli insetti che danneggiano le nostre colture, alcuni dei più comuni sono:
  • Vermi o larve: alcuni vermi sono figli di farfalle e si schiudono 4 o 5 giorni dopo aver deposto le uova dietro le foglie.
  • Afidi: Gli afidi sono insetti o piccole zanzare di diversi colori, di solito sono verdi o neri. Questi succhiano la linfa delle piante e con i loro morsi fanno ingiallire, arricciare e seccare le foglie e i teneri germogli.
  • Lumache: compaiono in abbondanza nelle stagioni delle piogge, quando c’è un’umidità permanente. Sono attivi di notte e si nascondono all’alba in luoghi bui. Le lumache mangiano le foglie della maggior parte delle verdure.

Quando non sono numerosi possiamo eliminarli manualmente, ma quando sono in maggiore quantità possiamo ricorrere a diversi metodi per il loro controllo (trappole, barriere, spray con soluzione saponosa).

  1. Controllo delle malattie: se troviamo che le piante appaiono gialle o con altri colori non normali, appassite o cadute, deboli o con frutti marci, potrebbe trattarsi di una malattia. Il modo migliore per prevenirli è utilizzare semi di buona qualità e varietà resistenti, evitare i ristagni idrici e controllare insetti ed erbe infestanti, in quanto possono essere vettori di malattie.

.

Raccolto

Le verdure devono essere raccolte al giusto punto di maturazione, in quanto faremo in modo che abbiano il miglior contenuto di nutrienti, oltre ad essere più gustose.

Alcuni consigli per la raccolta:

  • Vendemmia nelle ore più fresche della giornata. Al mattino presto o nel tardo pomeriggio, quando fa freddo.
  • Tutto ciò che viene raccolto o raccolto, mettilo all’ombra.
  • Prenditi cura dei prodotti del raccolto. Non devono essere colpiti, schiacciati o rotti con le unghie.
  • Nel caso di cipolla, aglio, zucca e patata, va raccolto quando le foglie sono secche. Significa che queste verdure sono pronte per essere raccolte.
  • Usa un coltello affilato per tagliare le verdure a foglia e separare i frutti dalle piante.
  • Quando si raccolgono ortaggi a radice (come barbabietole) e ortaggi a bulbo (come il ravanello), allentare prima il terreno con un rastrello o una pala. Ciò previene danni al prodotto durante la rimozione.
  • Lascia un pezzo di gambo attaccato al frutto (il peduncolo). In molti frutti come melone, zucca e peperoni, viene lasciato un pezzo di peduncolo attaccato al frutto in modo che le malattie non entrino attraverso la ferita che si verifica nella separazione.

immagini FAO
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *