Suggerimenti

Fatti importanti sulle foreste in Spagna

Le montagne forniscono un’ampia varietà di servizi ecologici , fungono da habitat per specie vegetali e animali, aiutano a proteggere le risorse idriche e del suolo , contribuiscono alla lotta contro il cambiamento climatico e occupano il 55% dell’area geografica spagnola. Le foreste sono anche un importante fattore economico in quanto fornitrici di legno e altri prodotti forestali e per il loro ruolo nella diversificazione delle economie nelle zone rurali.

Si stima che nel mondo ci siano circa 4.000 milioni di ettari (M ha) di foresta, che coprono il 31% delle terre emerse. Ciò equivale a una superficie forestale pro capite di 0,6 ettari distribuita in modo non uniforme, poiché solo sei paesi ospitano più del 60% della superficie forestale del pianeta : Russia, Cina, Stati Uniti, Canada e Brasile (secondo i dati di la valutazione globale delle risorse forestali condotta dalla FAO nel 2010).

La superficie forestale dell’UE-28 è di 179,4 milioni di ettari, che copre il 39,9% del suo territorio. Come si evince dal grafico seguente, la Spagna con 27,7 M ha che occupa il 54,8% del suo territorio, è il secondo Paese con la più grande superficie forestale solo dopo la Svezia e il quarto in termini di occupazione forestale rispetto al proprio territorio, superata dalla Svezia, Finlandia (entrambe con il 69%) e Slovenia (63%).

Disaggregando i dati per foresta o area boschiva, l’UE-28 ha 159,1 milioni di ettari, che rappresentano circa il 5% delle foreste mondiali e coprono il 35,4% del territorio e una superficie forestale pro capite di 0,3 ettari. La Spagna ha la terza superficie boschiva dell’UE con 18,4 milioni di ettari, pari al 36,3% del territorio nazionale e una superficie forestale pro capite di 0,4 ettari. La superficie deforestata della Spagna è invece di 9,3 M ha dei 20,3 M ha dell’UE-28, cioè quasi la metà della macchia europea e delle praterie si trova nel nostro Paese, coprendo il 18,5% del territorio nazionale superficie. I paesi nel grafico seguente rappresentano oltre il 60% della superficie forestale totale dell’UE.

La Spagna è un territorio relativamente piccolo in termini di modelli di distribuzione generale delle specie vegetali, tuttavia, sono quattro le regioni biogeografiche che conferiscono alla sua vegetazione alcune particolarità: l’ Atlantico (“Spagna umida”), il Mediterraneo , il Macaronesico , a cui appartengono le Canarie Isole e Alpina(Pirenei). Come mostrato nella figura seguente, le foreste sono distribuite in modo non uniforme su tutto il territorio nazionale, mentre in Castilla y León, Andalusia e Castilla La Mancha le estensioni maggiori si trovano con quasi 3 M ha ciascuna, in termini relativi il Paese Vasco e Cataluña mostrano maggiori copertura forestale, superiore al 50%, rispetto a Murcia o alle Isole Canarie dove la superficie boschiva copre rispettivamente il 27% e il 18% della loro superficie.

L’area boscata, a seconda della composizione dei gruppi di specie, è classificata come latifoglie o conifere quando la percentuale di occupazione nella massa è maggiore o uguale al 70%, si tratti di una o più specie. In un altro caso, è considerato misto.

In Spagna le latifoglie rappresentano il 55% della superficie boscata totale, in alcune Comunità Autonome come Estremadura e Cantabria rappresentano oltre il 90% della superficie boscata, mentre le conifere predominano nella zona orientale, a Murcia rappresentano il 92% della superficie boscata la sua area forestale. Le maggiori estensioni miste, nel frattempo, si verificano nei Pirenei, in Galizia e in Catalogna. Per quanto riguarda le tipologie di specie, il 60% dell’area forestale spagnola è costituita da formazioni boschive a specie dominante; cioè la percentuale di occupazione di una singola specie nella massa forestale è maggiore o uguale al 70%, oppure nessuna delle specie accompagnatrici raggiunge il 30% di occupazione.

Tuttavia, c’è anche un’enorme diversità nelle montagne spagnole, che si manifesta sia nel numero di specie presenti che nella varietà delle sue formazioni boscose. Secondo il National Forest Inventory, poco più dell’80% delle foreste è costituito da due o più specie di alberi . La formazione più estesa è il leccio con il 15,3% della superficie boscata, circa 2,8 M ha, seguita dai prati (prevalentemente lecci), formazioni agrosilvopastorali esempio di secolare gestione dei boschi spagnoli da parte dell’uomo, con 2,4 M ha, e pino d’Aleppo con 2 M ha.

Principali impatti sulla struttura e distribuzione delle foreste

Fuochi:Il fuoco, che in modo naturale è un elemento regolatore della biodiversità nelle comunità vegetali, ed essenziale in alcuni ecosistemi, produce però anche impatti negativi come l’eliminazione della copertura vegetale, lo spostamento della fauna, l’aumento dell’erosione e la desertificazione. In Spagna, gli incendi sono una delle principali minacce alla maggior parte degli ecosistemi forestali, caratterizzati per la maggior parte dal clima mediterraneo con siccità estive e alte temperature che, insieme al vento, condizionano un’elevata siccità della vegetazione e un alto rischio di propagazione. Nel periodo 2003-2013 si sono verificati in media 5.534 incendi boschivi all’anno che hanno interessato una superficie media annua di 120.453 ettari, di cui il 66% di superficie deforestata, nonostante rappresenti solo un terzo della superficie forestale e il 34% boschiva. Si tratta di un fenomeno fortemente dipendente dalla meteorologia: in periodi di forte siccità come il 2005 e il 2012 si osserva un netto aumento dell’area interessata. Il 96% dei sinistri è invece causato da attività umane (colpa e sinistri o dolo).

Uso del suolo: Dall’inizio degli Inventari Forestali Nazionali nel 1964, le foreste spagnole mostrano un notevole aumento della loro superficie, il risultato della combinazione di diversi fattori, tra cui le politiche di riforestazione e la trasformazione della società rurale dalla metà del del XX secolo (abbandono dell’ambiente rurale, intensificazione dell’agricoltura e invecchiamento della popolazione) che hanno determinato una minore pressione sulle foreste, consentendone la rigenerazione e l’espansione. Pertanto, la superficie della foresta e la sua evoluzione devono essere analizzate insieme al resto degli usi del suolo. Analizzando l’evoluzione degli ultimi dieci anni disponibili (2002-2011), si osserva che in Spagna la superficie forestale è aumentata del 14,9%mentre diminuisce nella stessa proporzione l’area dedicata ai pascoli (incolti, pascoli e prati naturali). Allo stesso modo, la superficie non agricola o forestale è aumentata del 5,4% e le terre coltivate sono diminuite del 4,8% (dati MAGRAMA, Annuario Statistico 2012).

Erosione: L’erosione edafica è uno dei fattori determinanti nell’avanzare della desertificazione in Spagna e costituisce un problema ambientale particolarmente rilevante nell’area mediterranea, con il conseguente impatto sulle masse forestali. I lunghi periodi di siccità, caratteristici della Spagna, aumentano la vulnerabilità del suolo all’erosione. Il 31% della superficie erodibile è interessato da un livello medio e alto di erosione .

Salute delle foreste : la salute delle foreste consiste nel mantenere un adeguato equilibrio dinamico e sostenibile dei sistemi forestali. Un indicatore fondamentale della salute delle foreste è il grado di defogliazione. Nel 2013, l’83,4% degli alberi spagnoli aveva un aspetto sano, cioè presentava una defogliazione apparente <25% rispetto ad un albero a chioma piena, mostrando un andamento stabile nel periodo 2000-2013 (media 83,7% ). A loro volta, gli alberi danneggiati (defogliazione > 25%) hanno rappresentato il 14,2% nel 2013 (2011, UE: 24,2%), un dato vicino alla media di questi anni (14,3%). Le principali cause di danno agli alberi colpiti da defogliazione > 25% sono state abiotiche 35% (siccità, vento…), insetti 27%, efunghi 9% (media 2005-2013).

Di chi nella boscaglia?

Le montagne, a seconda della loro proprietà, possono essere pubbliche (Stato, CCAA, Enti Locali e altri enti di diritto pubblico) o private (persone fisiche o giuridiche di diritto privato, singolarmente o congiuntamente, e foreste limitrofe in mano comuni). A loro volta, le foreste pubbliche possono essere di Demanio Pubblico, comprese quelle comunali e quelle che figurano nel Catalogo delle Foreste di Pubblica Utilità perché sono essenziali per la protezione del suolo dall’erosione, perché evitano o riducono le frane, perché si trovano nelle sorgenti di bacini idrografici, ecc. o essere patrimoniale. Circa il 70% delle foreste spagnole è privato(19,3 M ha) e circa il 27% sono pubblici, principalmente di proprietà di enti locali. Nell’UE-27 il 40% delle foreste è di proprietà pubblica, ma si tratta di una cifra caratterizzata da disparità, poiché nei paesi orientali e sudorientali predomina la proprietà pubblica, mentre in paesi come il Portogallo oltre il 90% sono foreste private.

Puoi consultare la Diagnosi del settore forestale spagnolo

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *