Suggerimenti

Nematodos: Qué Son y qué Enfermedades Causan en el Huerto

Oggi parlerò dei nematodi, vermi microscopici che possono parassitare le radici delle colture e causare malattie in giardino.

Abbiamo visto altre volte che due dei problemi principali nelle piante da giardino sono i  parassiti e le malattie. I parassiti sono prodotti da insetti, molluschi, uccelli, animali… (organismi visibili ad occhio nudo). Nelle malattie , invece, è più difficile individuarne la causa perché sono prodotte da microrganismi : funghi , batteri, virus e, quelli di cui ci occuperemo oggi,  nematodi. 

Cosa sono i nematodi?: Parassita o malattia

I nematodi sono una specie di vermi che vivono nell’acqua e nel suolo e che, quando in concentrazioni molto elevate, parassitano le radici  delle piante, impedendo il normale assorbimento di acqua e minerali.

Non possono muoversi troppo da soli, quindi di solito vengono trasmessi dall’acqua di irrigazione, da substrati contaminati o da strumenti che sono stati a contatto con le zone colpite (quindi attenzione! Disinfettate bene tutto se le vostre piante hanno avuto malattie causate da nematodi). Le larve entrano nelle piante attraverso le parti che sono a contatto con il terreno (solitamente i peli assorbenti delle radici) e così si contrae la malattia.

Come ho già accennato, sono organismi molto piccoli che non possono essere visti ad occhio nudo, sebbene ci siano alcune specie che possono misurare diversi centimetri, come Anisakis (immagino che conoscerai questo noto parassita di alcuni animali marini specie che possono colpire anche le persone).

Quali colture colpiscono i nematodi?

Colpiscono principalmente colture “da radice” come patate, barbabietole, carote, rape o cipolle; ma possono interessare anche altri come lattuga, pomodoro o peperone.

I sintomi dei nematodi

I nematodi iniziano a colonizzare le radici e l’assorbimento di acqua e sostanze nutritive diventa difficile. Ciò si traduce in una diminuzione della crescita delle piante , avvizzimento e ingiallimento delle foglie (fino a quando non si seccano).

Il sintomo più chiaro della presenza di nematodi sono i noduli alle radici.  Se sospetti che la malattia delle tue piante sia stata causata da nematodi, rimuovili dal terreno e osserva le radici. Se è così, ci saranno molte cisti sferiche di diversi colori e/o deformazioni (come ispessimenti) lungo tutta la radice.

Non bisogna confondere questi noduli maligni con i noduli che hanno i legumi sulle radici (questi sono buoni e servono a fissare l’azoto e ad arricchire il terreno).

Prevenire la presenza di nematodi nel frutteto

Prima di tutto, dovresti cercare di non infettare il tuo giardino. Evita di far ricircolare l’acqua di irrigazione o che proviene da luoghi stagnanti come i laghi, e assicurati che substrati e piante che provengono da piantine non tue non siano infette.

Come per molti problemi del giardino, la rotazione delle colture  è un metodo preventivo abbastanza efficace. Soprattutto quando si tratta di colture sensibili (pomodoro, patata, cipolla, barbabietola…) evitate di metterle due anni di seguito nello stesso luogo.

Il contributo della materia organica attraverso  fertilizzanti naturali , come il compost , il letame o verdi concimi , aiuta a controllare patogeni del terreno .  

Alcuni fiori in giardino sono  utili per prevenire i nematodi , come le calendule, la calendula, la camomilla  o la  senape bruna (Brassica juncea) in quanto  producono una radice di secrezioni che li tengono lontani.

Trattamenti ecologici per eliminare i nematodi nelle radici

Se quello che vuoi è un giardino ecologico, come sai, non dovresti usare prodotti chimici o insetticidi artificiali per eliminare parassiti e malattie. Se questo è il tuo caso, ti darò ora alcuni metodi ecologici per eliminare i nematodi.

La prima cosa che dovresti sapere è che si tratta di un microrganismo molto difficile da estirpare (dato che le uova possono rimanere dormienti nel terreno per anni) quindi ti consiglio di utilizzare metodi preventivi per evitarne la comparsa: Meglio prevenire che curare “. 

Anche se non verranno eliminati tutti, se avete avuto nematodi in una zona del giardino, cercate di lasciarlo a maggese l’anno successivo (soprattutto nella stagione primaverile-estiva) e di togliere di tanto in tanto il terriccio. Non avere radici dove stare ed essere esposti al sole (se togliete la terra li porterete fuori) ridurrà al minimo le popolazioni.

Una tecnica molto utile per eliminare gran parte della popolazione dei nematodi è piantare “piante intrappolate”. Consiste nel piantare colture suscettibili di essere attaccate dai nematodi ( Convulvulis, Crotalaria, Cyperus, Portulaca, Anaranthus … ), lasciandole crescere fino al completamento del loro sviluppo e poi, quando le radici sono infettate dai nematodi, eliminarle rapidamente e distruggili.

Ho letto che ci sono alcuni nematocidi biologici (che uccidono i nematodi) ammessi in agricoltura biologica, come “Fornutri 10” o OMDV. Anche l’attivatore biologico “Fire” è un fitofortificante che può aiutarti a rigenerare il terreno.

Infine, due metodi di disinfezione del suolo  abbastanza efficaci: solarizzazione e biofumigazione .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *