Suggerimenti

Suggerimenti per la coltivazione del peperone italiano

Il peperone italiano è una delle varietà più rappresentative della famiglia dei peperoni ( Solanaceae). È oggi, insieme ai peperoni California e Lamuyo, uno dei più coltivati ​​a livello di frutteto e professionale (principalmente nelle serre di Murcia e Almería).

In questa scheda vegetale vi parleremo dei segreti per il buon mantenimento di questa pianta, oltre ad alcune caratteristiche differenzianti del peperone italiano. Hai il coraggio di coltivarlo?

Caratteristiche del peperone italiano

Il peperone italiano è una delle varietà più conosciute e tradizionali, molto apprezzata in gastronomia per il suo sapore caratteristico e il suo profumo meraviglioso. Viene solitamente utilizzato per friggere e come accompagnamento a carne, pesce e altre verdure (soprattutto patate).

A livello di cura in giardino, segue le stesse dinamiche di altre varietà di peperoni, compreso il peperoncino. La sua coltivazione viene svolta all’aperto nei mesi primaverili ed estivi, con l’arrivo di buone temperature.

Tuttavia, in serra segue diversi cicli di crescita:

  • Coltivazione dall’estate all’inverno: tipica dell’orticoltura di Almeria, semina tra giugno e settembre e durata del ciclo da 6 a 8 mesi.
  • Coltivazione dall’inverno all’estate: tipica dell’orticoltura murciana, semina a dicembre e gennaio fino alla fine del ciclo in estate.

Questi tipi di piante crescono rapidamente nei mesi estivi, quindi avrai sicuramente bisogno di tutor. Si possono utilizzare corde di rafia o canne per guidare lo sviluppo della pianta, poiché quando raggiunge un’altezza superiore a 1 metro, di solito fa fatica a stare in piedi.

Per quanto riguarda la produzione media, la media è compresa tra 3 e 6 kg/m2, a seconda del ciclo di semina e della durata della campagna.

Analizzeremo la cura principale del peperone italiano con gli 8 punti principali della sua coltivazione.

1. Climatologia del peperone italiano

Temperatura

Il peperone italiano è una pianta sensibile al freddo. Per questo viene coltivato nei mesi estivi o in coltura protetta.

Per una buona qualità del polline e una buona allegagione è necessaria una temperatura minima diurna di 15 ºC. Al di sotto di questo valore, la crescita si ferma e la pianta ha difficoltà a produrre e ingrassare i frutti.

Intervallo di temperatura ottimale: 

  • Durante il giorno: da 20ºC a 25ºC
  • Di notte: da 16ºC a 18ºC

Umidità

Non necessita di eccessiva umidità per la sua coltivazione, poiché i climi umidi influiscono sull’allegagione e facilitano l’ingresso di malattie crittogamiche.

L’intervallo ottimale di umidità ambientale è compreso tra il 50% e il 70%, con una media ideale del 60%.

Dall’80% c’è il rischio che il peperone italiano sia colpito da batteri come Pseudomonas o Xanthomonas.

illuminazione

Il peperone italiano necessita di una buona dose di sole, con tra le 10 e le 12 ore di luce al giorno. Può essere piantato in mezz’ombra o direttamente al sole, anche se l’esposizione a temperature elevate può macchiare il frutto.

2. piano

Un terreno con un mix di consistenze tra sabbia e limo è la situazione ideale per lo sviluppo ottimale delle sue radici. I terreni argillosi accumulano umidità in eccesso e possono causare marciume radicale.

Pertanto, dobbiamo garantire alla pianta del peperone italiano un corretto drenaggio.

L’intervallo reale di è compreso tra 6,5 ​​e 7,5. Sono classificati come terreni leggermente acidi.

3. Irrigazione

Il peperone è considerato una delle verdure con maggiore facilità allo stress idrico (Fernández et al, 2005). Pertanto, il compito più delicato da programmare è la quantità di acqua da applicare e la sua frequenza.

Gli studi effettuati nei centri di ricerca consigliano di applicare il seguente programma, pur apportando degli adattamenti al tipo di terreno che abbiamo e allo sviluppo della pianta.

Fase di sviluppo Quantità d’acqua (L/m 2  e settimana) Numero di irrigazioni
sviluppo iniziale 0-5 0-1
Inizio della fioritura 5-10 1-2
Fioritura 5-10 1-2
allegagione 5-10 1-2
sviluppo dei frutti 15-20 3-4
Raccolto 25-30 5-6

In generale, il quadro di impianto abituale per i peperoni italiani è di 10.000 piante per ettaro. Praticamente 1 pianta per metro quadrato. Queste informazioni sono utili per estrapolare i dati della tabella precedente alla vostra zona di coltivazione.

4. Concime al peperoncino italiano

La concimazione del peperone italiano, a livello professionale, viene effettuata apportando nell’acqua tutti i nutrienti di cui la pianta ha bisogno. Questo viene fatto tenendo conto del meq/L o mmol/L forniti da ciascun nutriente e dall’acqua stessa.

I valori consigliati per questa coltura, in generale durante l’intero sviluppo, sono i seguenti:

mol/l NON 3– H2PO4– _ _ _ SO 42- K + Ca2 + mg 2+
Peperone 12 1.5 1.5 6 5 Due

Questi valori sono da detrarre dalla ricchezza minerale dell’acqua, che solitamente spicca principalmente in calcio e magnesio.

Poiché alcuni nutrienti sono chimicamente incompatibili tra loro (come calcio e fosforo), di solito vengono separati in serbatoi, ma iniettati contemporaneamente (serbatoio A + serbatoio B). Anche così, se la concentrazione è bassa e il pH è acido, possono essere mescolati.

Vanno inseriti anche i micronutrienti, molto importanti nella coltivazione dei peperoni italiani. Tra questi, il ferro di particolare importanza per garantire la fotosintesi.

Elementi Fede min Cu zinco B. Mo
ppm (mg/l) 1.5-2 0.8 0.06 0,15 0.4 0,05

Leggenda:

  • Fede: ferro
  • Mn: manganese
  • Cu: rame
  • Zn: zinco
  • B: boro
  • Mo: molibdeno

Per un’irrigazione di 60 m3/ha (10.000 m2), un abbonato tipico può essere il seguente, contando il contributo di un’acqua media (calcio e magnesio):

5. Messa a dimora del peperone italiano

La semina del peperone italiano all’aperto avviene nei mesi primaverili, con temperature controllate che non scendono al di sotto dei 15 ºC. Per fare questo, può essere fatto in asili nido professionali o al chiuso.

Dobbiamo garantire una temperatura costante tra 25 ºC e 30 ºC.   In condizioni normali, il seme ha bisogno di germinare circa 7 giorni nei mesi estivi e poco più, tra 10 e 14 giorni in inverno, in coltura protetta.

Quando la pianta matura e ha un minimo di 4 o 5 foglie sviluppate, può essere trapiantata nel luogo finale.

6. Parassiti e malattie

principali parassiti

  • Tripidi:  Frankliniella Occidentalis
  • Afidi:  il più frequente è  Myzus persicae.
  • Acari:  ragno rosso ( Tetranichus urticae) e ragno bianco ( Polyphagotarsonemus latus).
  • Bruchi:  Spodoptera exigua, Heliothis armigera, Chrysodeixis,  Autographa gamma.
  • Mosca bianca:  Bemisia tabaci  e  Trialeurodes vaporariorum.
  • Nematodi:  il genere più diffuso nelle colture di peperoni e solanacee è la  Meloidogine.

Principali malattie

  • Oidiopsis ( Leveiulla taurica)
  • Batteriosi (Xantomonas campestris Clavibacter michiganensis  ed  Erwinia caratovora)
  • Phytotora capsici
  • Botrite e sclerotinia

7. Moltiplicazione del peperone italiano

Il peperone italiano si riproduce in modo ottimale attraverso i semi, dove troviamo sempre più varietà diverse e ibridi ad alto rendimento.

In commercio puoi trovare un’ampia varietà di semi, per alternare e avere una raccolta scaglionata di diversi tipi di peperoni.

8. Potatura

Oltre al pergolato, un compito importante è distribuire correttamente l’energia della pianta tra tutti gli steli. Per questo, di solito vengono lasciati 2 steli principali dalla croce e di solito viene inizialmente potato per stabilire questa forma.

Per fare questo, la cosa più pratica è lasciarti il ​​seguente video, dove viene discusso come potare il peperone, indipendentemente dalla sua varietà.

Piante orticole correlate

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.