Piante

Genere Echinopsis

Con un nome derivato da  echinos  , che significa spinoso o spinoso come un riccio o un riccio di mare, i  cactus echinopsis  sono 128 specie di piante originarie del Sud America note per i loro fiori audaci e luminosi. 

I fiori di cactus Echinopsis sbocciano durante la notte ei fiori durano solo un giorno. In realtà, i fiori sono al massimo della loro bellezza per un’ora o due al massimo.

Questo è ciò che mi ha trasformato da appassionato di cactus a fotografo di cactus… il desiderio di cercare di preservare qualche aspetto della sua strana bellezza.

Genere Echinopsis.

I cactus del genere Echinopsis sono piante perenni che appartengono alla famiglia dei cactus e ne esistono più di 170 specie.

Origine e habitat.

Echinopsis in fiore.

Sono originari del Sud America, Argentina, Cile, Ecuador, Bolivia, Brasile, Perù, Paraguay e Uruguay. Sono molto diffusi, spaziando dai piccoli cactus globosi ai cactus arboricoli.

Il nome di Echinopsis, deriva dalle parole, echinos = riccio e opsis = aspetto. Sembrano ricci, per la quantità di spine.

Ha grandi somiglianze con altre famiglie di cactus, ma ci sono ovvie differenze.

Sono l’Echinopsis, un tipo di cactus esotico, con colori vivaci e bellissimi fiori. Sono ricoperti di spine e talvolta hanno forme strane.

Gli Echinopsis si distinguono dagli Echinocactus per la lunghezza del tubo floreale. Si distinguono da Cereus, per la forma e le dimensioni dei loro steli, e da entrambi, per la posizione dei loro fiori sullo stelo.

Il suo habitat sono zone sabbiose, con ghiaia, su pendii e anfratti, in zone montuose.

Come sono gli echinopsis?

Fiori

Gli Echinocactus si riconoscono facilmente in quanto si distinguono per la forma allungata dei loro fusti globosi, che hanno spine a forma di stella e perché hanno fiori grandi, che vanno dal bianco al rossastro o rosato.

Fioriscono in primavera, due giorni di fioritura e persistono per circa 12 giorni, fino alla caduta.

Sono facili da coltivare, cioè in pieno sole, all’aperto e in presenza di suoli ben drenati.

Cultura.

Per coltivare l’Echinopsis, in generale, è meglio mantenerli tra i 15 ° ei 25 ° C. Con temperature fredde, il supporto deve essere molto asciutto.

Questo cactus è ben resistente al freddo, poiché il suo habitat naturale è ad alta quota. Temperature da 0º a 5ºC, hanno bisogno di svernamento.

Irrigazione, quando il supporto è asciutto, evitando pozzanghere e possibile presenza di funghi.

In inverno è necessario fornire pochissima acqua e l’ambiente deve essere asciutto. La temperatura non deve superare i 10 ° C di notte e in climi molto freddi può far scendere fino a 5 ° C.

Nelle giornate molto calde, beneficiano di frequenti spruzzi d’acqua al tramonto. Il terreno non dovrebbe mai essere saturo d’acqua, poiché le radici morbide e fibrose marciscono se vengono mantenute bagnate troppo a lungo.

Annaffiare ogni settimana in ambienti ben illuminati e areati. Sebbene questi cactus siano abbastanza resistenti alla siccità in generale, affinché crescano bene dovremo annaffiare quando il substrato sarà asciutto.

Substrato e compost.

Useremo un substrato per cactus, a cui possiamo aggiungere un po ‘di sabbia o perlite, in un rapporto di due a uno.

Una parte di sabbia o perlite e due parti di compost. Pratica un buon drenaggio nella pentola, preferibilmente in terracotta.

Per compostare, utilizzare fertilizzante liquido commerciale diluito nell’acqua di irrigazione. Paghi solo in primavera, estate e saltuariamente. Il più utilizzato è generalmente, una proporzione del 30% -30% -30%, di azoto, fosforo e potassio, oltre al resto degli elementi necessari.

Piaghe e malattie.

Come quasi sempre, la malattia principale è il marciume del fusto e delle radici, dovuto all’eccesso di acqua di irrigazione.

Vedremo come effetti di un’annaffiatura eccessiva, che la pianta si raggrinzirà e si scurirà, perdendo rigidità, piegandosi e annerendosi se il marciume progredisce.

Se ci troviamo in zone fredde, lo stelo può diventare screpolato a freddo. Riposizionalo in una zona calda, con luce diretta.

Il principale parassita che può colpire l’Echinopsis è la cocciniglia cotonosa, che si nutre della linfa della pianta.

Applicare con un panno o latte imbevuto di alcool e strofinare sulla zona interessata per diversi giorni. Pochi giorni dopo, cadranno.

Come misura preventiva, una volta eliminata, lavare la zona interessata con acqua e rimuovere i resti dell’insetto e l’alcol utilizzato.

Se la peste si diffonde, usa un insetticida commerciale preparato a tale scopo.

Riproduzione.

Le echinopsis si riproducono per seme o per germogli basali o ventose, prelevati dalla base della pianta.

Per talea riproduciamo un clone della madre e per seme potrebbe esserci variabilità genetica, quindi saranno piante diverse dalla pianta madre.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.