Suggerimenti

Guida completa sul peperoncino Naga jolokia

Il mondo del peperoncino è entusiasmante per molti e sono sempre di più gli amanti della cucina esotica, con diverse sfumature di piccante, peperoncino e salse. Di questi, uno molto noto è il peperoncino fantasma o Naga jolokia, uno dei più piccanti al mondo.

Ed è che, quando entriamo in questo mondo, impariamo a differenziare il sapore piccante che ognuno fornisce, con la sua personalità. Da qui ci si apre un ampio catalogo di peperoncini che si sposa perfettamente con ogni varietà di piatti e secondo la gastronomia del paese.

In questo articolo ci concentriamo sulla scoperta di tutti i fatti interessanti sul peperoncino fantasma, Bhut jolokia o Naga jolokia, come è noto.

Caratteristiche del peperoncino fantasma (Naga jolokia)

Nomi comuni:  Bhut jolokia, ghost chili, ghost pepper, Jolokia.

Esistono molte varietà di peperone, ma possiamo trovarne ancora molte di più nel caso dei peperoncini. In Spagna li conosciamo come peperoncini, anche se sempre di più stabiliamo la divisione tra chile (varietà straniere) e peperoncini (varietà autoctone, come nel caso dei piparras).

Per quanto riguarda il genere Casicum, troviamo varietà all’interno della sinonimia  Capsicum annuum come nel caso del pepe serrano, pepe jalapeño, pepe poblano, paprika, ecc.

Per quanto riguarda la varietà Capsicum frutescens,  si tratta di cultivar considerate da molti identiche a C. annuum ma che, in alcuni casi, sono separate indipendentemente. In questa cultivar troviamo specie come l’African peri peri, Tabasco, Brazilian malagueta e, naturalmente, Naga jolokia.

Infine, all’interno delle ibridazioni di Capsicum, troviamo il Capsicum Chinense, che comprende uno dei peperoni più famosi al mondo, il peperone habanero.

Origine del peperoncino fantasma

Il nome «ghost chili» ha origine dal continente americano, perché nella lingua indiana (India), Bhut è la traduzione di fantasma.

Tuttavia, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, questa varietà proviene dal continente asiatico, in particolare in India (stato dell’Assam).

Tuttavia, il nome internazionale più riconosciuto è Naga jolokia o Bhut jolokia.

Guida alla scala del calore di Scoville

La scala di Scoville è un metodo classico (oggi sostituito dai più moderni metodi cromatografici), con il quale si può catalogare la piccantezza di un peperoncino diluendolo tante volte in acqua fino a far scomparire completamente la piccantezza.

Nel caso di un peperoncino con 100.000 unità di Scoville (SHU), significa che è stato necessario diluirlo 100.000 volte fino a quando la piccantezza non è più rilevabile.

Attualmente il peperoncino Naga jolokia è nella lista dei più piccanti al mondo, almeno in termini di ottenimento naturale della pianta e non di modificazione genetica.

La scala di peperoncino più piccante

L’ attuale elenco dei peperoncini più piccanti del mondo è il seguente, superando di gran lunga la piccantezza offerta dal peperoncino habanero:

  1. Pepe X (2.800.000-3.180.000 SHU)
  2. Soffio del drago (1.900.500-2.480.000 SHU)
  3. Carolina Reaper (1.569.300-2.220.000 SHU)
  4. Naga Viper e Trinidad Scorpion (1.300.000-2.000.000 SHU)
  5. Naga Jolokia (855.000-1.041.000 SHU)

A titolo di curiosità, dire che il Naga jolokia ha avuto il record mondiale di piccantezza nel 2010, anche se è stato rapidamente superato dal Naga Viper 1 anno dopo (2011).

Naga jolokia o guida alla coltivazione del peperoncino fantasma

La sua origine esotica non ne impedisce la coltivazione in terrazza, balcone o giardino nei mesi primaverili ed estivi, cosa comune nelle piante di Solanáeas. In effetti, è relativamente facile ottenere i semi di questa specie online.

Ecco alcuni consigli per piantarlo sia in giardino che in vaso, con comportamenti di crescita e gestione molto simili alla coltivazione tradizionale del peperone.

Se embra, posizione e tempo

Semina

La consueta messa a dimora di tutte le specie di peperoni avviene a fine inverno, in coltura protetta (aiuola, interno della casa, ecc.). In zone molto fredde, effettuiamo la germinazione dei suoi semi all’inizio della primavera, ottenendo i frutti per tutta l’estate.

La semina si effettua con la metodologia tradizionale, in semenzaio o vasetto, con un buon substrato, e mantenendo il composto umido fino all’uscita delle piantine, entro 2 settimane.

temperature

I peperoncini hanno bisogno di temperature calde al riparo dal freddo, motivo per cui vengono piantati in piena primavera e in estate. Sono molto sensibili al freddo e alterano la produzione di fiori e frutti.

Tuttavia, ciò che più giova alla fioritura, oltre ad avere una buona illuminazione, è una differenza tra le temperature diurne e notturne di oltre 8-10 ºC, che è comune in primavera.

Intervallo di temperatura ottimale:

  • Durante il giorno:  da 20 ºC a 25 ºC
  • Di notte:  da 16ºC a 18ºC

Umidità

Il pepe di Naga jolokia non richiede eccessiva umidità e viene coltivato in zone aride o addirittura costiere. L’intervallo ideale è inferiore al 60% di umidità ambientale. Valori più elevati generano problemi in fioritura e una maggiore facilità di ingresso di funghi e batteri.

Alla pianta deve essere garantita anche una buona aerazione.

illuminazione

Il peperoncino fantasma ha bisogno di molte ore di luce solare per produrre una buona quantità di frutta e la fioritura è praticabile. Parliamo di un minimo di 8 ore di luce al giorno.

Può essere coltivata in pieno sole o in mezz’ombra, ma preferibilmente al sole.

Caratteristiche del suolo e del substrato

Terra

I migliori tipi di terreno sono miscele naturali di limo e sabbia. Stiamo lontano da terreni molto argillosi dove il drenaggio è scarso e può causare ristagni idrici e problemi di marciume radicale.

Il peperone necessita di un terreno fertile, ricco di sostanza organica, che mescoleremo bene al terreno prima del trapianto. Per pianta possono essere necessari dai 2 ai 3 kg di sostanza organica. Ciò gioverà alla conservazione dell’umidità rilasciando lentamente i nutrienti alle radici.

Per quanto riguarda il pH, il range ottimale è compreso tra 6,0 e 7,5, anche se preferisce quelli leggermente acidi, dove il ferro è in forma solubile (ferroso contro ferrico) e generano meno problemi di carenze di micronutrienti.

Substrato

Se coltiviamo il peperoncino fantasma in vaso, possiamo scegliere un substrato che combini la fertilità (normale nella torba e nel compost) e che offra un buon drenaggio oltre che un’ottima conservazione dell’umidità (come nel caso della fibra di cocco).

Per Naga jolokia, possiamo realizzare una miscela di 50% di substrato e 50% di fibra di cocco, sebbene possiamo anche fornire un substrato o una torba più universali rispetto alla fibra di cocco.

Irrigazione

Tra tutte le verdure, il peperone e tutte le varietà di peperoncino sono le più suscettibili allo stress idrico (Fernández et al, 2005), quindi è necessario mantenere sempre umido il terreno o il substrato.

Pertanto, stabilire un buon programma di irrigazione è uno dei compiti più complicati e con i maggiori vantaggi se lo facciamo bene.

La solita cosa è annaffiare tra le 2 e le 3 volte a settimana, distanziando i rischi sufficientemente in modo che il terreno non rimanga mai asciutto tra un’annaffiatura e l’altra.

Un piano irriguo per le colture in produzione professionale, adattato alla superficie per m2, potrebbe essere il seguente:

Fase di sviluppo Quantità d’acqua (L/m 2  e settimana) Numero di irrigazioni/settimana
sviluppo iniziale 0-2,5 0-1
Inizio della fioritura 2,5-5 23
Fioritura 2,5-5 23
allegagione 5-7.5 23
sviluppo dei frutti 10-15 3-4
Raccolto 10-15 5-6

irrigazione in vaso

Quando invece si coltiva la nostra Naga jolokia in vaso, cosa che, come abbiamo detto, si può fare senza alcun problema, il piano di irrigazione può essere effettuato come segue:

  • Frequenza di irrigazione: 1-2 volte a settimana con temperature primaverili e 2-3 volte a settimana in estate.
  • Quantità d’acqua: l’irrigazione sarà 1/3 del volume del vaso in cui è piantato. Ad esempio, se la nostra pentola è di 3 litri, aggiungeremo 1 litro di acqua e la faremo scolare attraverso il fondo tra il 10-20%.

Abbonato

L’abbonato è esigente e tutti i nutrienti e i micronutrienti esistenti devono essere forniti. Possiamo integrare gli apporti periodici di sostanza organica con fertilizzanti minerali applicati dalla primavera.

Per fare ciò, puoi utilizzare sia fonti di fertilizzanti liquidi universali che speciali per ortaggi da frutto (pomodoro o pepe, ad esempio). Per conoscere la dose seguiremo le regole di quantità e frequenza del produttore, anche se preferiamo fornire 2 irrigazioni su 3 con fertilizzante (e solo la 3a acqua), senza mai superare 1 ml di fertilizzante per ogni litro d’acqua.

Possiamo anche applicare materia organica liquida che migliorerà lo sviluppo delle radici nella piena produzione.

Sottovarietà Black Naga jolokia.

Moltiplicazione

La semina di Naga jolokia o semi di peperoncino fantasma può essere effettuata all’aperto in primavera, purché le temperature non scendano sotto i 10-15 ºC.

Altrimenti, dovremo seminare i semi in semenzai o vasi all’interno della casa.

L’ideale è garantire una temperatura continua di 20ºC fino alla germinazione. In condizioni normali, il seme ha bisogno di germinare circa 7 giorni nei mesi estivi e poco più, tra 10 e 14 giorni germinati all’aperto.

potatura

La potatura dei peperoncini come il Naga jolokia consiste nel formare i gambi secondari (quelli che escono dopo la croce o gambo principale).

Anche se non avremo alcun problema se non potiamo, con esso ciò che otteniamo è controllare il numero di peperoni prodotti. Se lasciamo solo 2 steli secondari, produrrà meno frutti più grandi. Se lasciamo 3 gambi, più frutti ma con dimensioni più piccole.

Sebbene i peperoncini abbiano solitamente uno sviluppo più limitato rispetto ai peperoni (California, Lamuyo e Italiani), a volte necessitano di supporti o guide sotto forma di canne o altro materiale in modo che il gambo principale non si attorcigli.

Piaghe e malattie

parassiti

  • Tripidi:  Frankliniella Occidentalis
  • Afidi: il più frequente è  Myzus persicae.
  • Acari:  ragno rosso  ( Tetranichus urticae) e ragno bianco ( Polyphagotarsonemus latus).
  • Bruchi:  Spodoptera exigua, Heliothis armigera, Chrysodeixis,  Autographa gamma.
  • Mosca bianca Bemisia tabaci  e  Trialeurodes vaporariorum.
  • Nematodi: il genere più diffuso nelle colture di peperoni e solanacee è la  Meloidogine.

Malattie

  • Oidiopsis ( Leveiulla taurica)
  • Batteriosi (Xantomonas campestris Clavibacter michiganensis  ed  Erwinia caratovora)
  • Phytoptora caps ici
  • Botrite e sclerotinia

Acquista il peperoncino Naga Jolokia

In questo link troverete tantissimi prodotti legati al Naga jolokia: semi, salse, peperoncino disidratato, ecc.

Altri tipi di peperoncini

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.