Suggerimenti

Come raccogliere e conservare correttamente i semi

Imparare a raccogliere e conservare correttamente i semi può esserci molto utile per essere più autosufficienti nel nostro frutteto o giardino , poiché ci dà la possibilità di svolgere l’intero processo di riproduzione delle piante, dalla germinazione alla fioritura .

Per avere questa opzione dobbiamo conoscere i metodi per raccogliere e conservare i semi , come farlo correttamente e poi utilizzarli per la semina o anche in alcuni casi per il consumo dei semi nella nostra dieta.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Sebbene l’acquisto di semi biologici possa essere molto economico, ottenerne uno è un processo che può essere molto soddisfacente.

La prima cosa da tenere a mente quando si raccolgono i semi è usare una pianta di qualità. Tra le piante dello stesso tipo che abbiamo, dobbiamo osservare qual è la più forte e la migliore e usarla per il nostro obiettivo, poiché in questo modo ci assicuriamo che anche la trasmissione genetica sia di qualità.

In secondo luogo, dobbiamo individuare dove si trovano i semi di ogni pianta. Normalmente i semi si trovano nel fiore o nel frutto che la pianta genera.

Nel caso dei semi nei frutti, è più facile riconoscerli, poiché è la parte difficile che troviamo all’interno. I frutti possono essere monosperme quando contengono un solo seme, come l’avocado o la ciliegia, o polisperme quando ne hanno più di uno, come la mela o la zucca.

Quando i semi sono nel fiore, spesso sono più difficili da trovare. Per individuarli devi strappare i petali del fiore e conservare la sua parte interna. In alcune piante troverai il seme sulla punta dei loro stami, se le prendi c’è una piccola parte più dura ed è il seme del loro fiore, come nel papavero. In altri fiori vedrai fili allungati e sottili attorno al pistillo, quei fili allungati sono i semi, per esempio il garofano moresco. E altre volte il seme è nella parte inferiore del fiore, nel pistillo.

C’è un modo pratico per riuscire a raccogliere bene i semi e consiste nel circondare il fiore con un sacchetto di carta e stringerlo al suo gambo. Quando saranno pronti per spargere i semi, cadranno nel sacco e quindi la loro raccolta sarà facile per noi. Inoltre, possiamo aiutarli a cadere facendo movimenti improvvisi con il fiore. Una volta effettuato questo procedimento, tagliamo il fiore e lo mettiamo capovolto, aprendo il sacchetto in cui otterremo i semi. Un buon esempio per utilizzare questo metodo è la cipolla.

.

Come ottenere i semi dalle verdure più comuni

Zucca, zucchine, fagioli, fagioli di Lima, piselli, cetrioli, melone e mais

La posizione dei suoi semi è molto semplice. All’interno del vegetale troviamo i semi che appaiono come entità più dure e in molte quantità. Possiamo estrarli facilmente, pulirli se hanno residui di polpa vegetale e lasciarli in un luogo fresco e asciutto.

Melanzane, cetrioli e pomodori

Per ottenere i suoi semi il procedimento è un po’ più elaborato.

Bisogna scegliere i frutti migliori in anticipo e lasciarli maturare completamente. Dopo la raccolta, dovremo aprirli e con l’uso dell’acqua separare la polpa dal chicco, che è il seme. Dopo questo processo devono essere asciugati in un luogo fresco e asciutto.

Peperoni e peperoncino

I semi si trovano all’interno del peperone o del peperoncino. Hanno una forma tondeggiante e sono posti nella parte inferiore dell’ortaggio. Bisogna toglierli dalla frutta e lasciarli asciugare in un luogo fresco.

Cipolle, porri, ravanelli, barbabietole, cavoli e lattuga

Queste verdure fioriscono ed è nel fiore che possiamo trovare i semi. Come abbiamo detto prima, possiamo utilizzare il metodo del sacchetto di plastica per ottenere i semi o raccoglierli manualmente.

Broccoli o cavolfiori

Devi far fiorire la pianta e uscirà una parte centrale o pellet. Tagliare le parti laterali e lasciarlo crescere.

In esso fiorirà e i semi si depositeranno in baccelli. Se li lasci asciugare, diventano marroni e contengono già i semi all’interno. È ora di tagliarli ed estrarre i semi.

Puoi eseguire lo stesso processo con piante aromatiche e ornamentali

Alloro, basilico, erba cipollina, coriandolo, aneto, finocchio, origano, menta e prezzemolo

Dopo la fioritura, i fiori si seccano ed è il momento di estrarre i semi, poiché rimangono all’interno. Possiamo tagliare lo stelo che ha i fiori secchi e aiutarti con le dita ad estrarre il seme che è in ogni fiore.

Con tutte queste piante puoi eseguire lo stesso processo.

Girasoli, nasturzio, papavero, fiore di luna e campane

Sono alcuni dei fiori ornamentali da cui puoi facilmente ottenere il loro seme. Devi solo aspettare che il fiore si asciughi e in quel momento troverai il seme all’interno, nella parte più vicina allo stelo. Raccoglili usando le mani.

E come conservo i semi?

Per conservare i semi è importante prima asciugarli bene per evitare la comparsa di muffe.

Per asciugare completamente i semi che si vogliono conservare è sufficiente appoggiarli su carta o tovaglioli e lasciarli in un luogo fresco e asciutto, ben aerato ma senza correnti di vento in modo che non si disperdano.

Una volta che i tuoi semi si sono asciugati correttamente, puoi metterli in barattoli di vetro che impediscono l’ingresso di aria, e cercare di essere di colore scuro in modo che la luce del sole non li danneggi o li faccia germinare. Un altro modo per conservarli è metterli in buste di carta o sacchetti di carta. Si sconsiglia di conservarli in sacchetti per la biancheria in quanto può aumentare l’umidità e farli germogliare. Vengono quindi conservati in un luogo buio e fresco.

Indipendentemente dal fatto che li conservi in ​​un barattolo di vetro o in una busta di carta, ricordati di indicare di quale pianta si tratta e quando hai raccolto i semi per facilitarne l’identificazione.

> Leggi Perché è importante realizzare un quaderno da campo per il tuo giardino

Ci auguriamo che questo articolo ti sia stato utile e che tu possa eseguire con successo la tua raccolta di semi basata su questi metodi e la loro successiva conservazione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.