Suggerimenti

Tigernuts: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Cyperus esculentus o Chufa è una pianta che è stata incorporata nelle prime civiltà agricole della zona della mezzaluna fertile.

Fu introdotto in Europa dagli Arabi, molto probabilmente durante il Medioevo, quando il loro dominio si estese al Nord Africa. Oggi è noto per aver reso la bevanda nota come horchata .

È anche usato nella medicina popolare per regolare alcuni disturbi dello stomaco, nonché per migliorare la circolazione e prevenire le malattie coronariche.

Punti importanti quando si pianta un tigernut:
  • Nome scientifico: Cyperus esculentus.
  • Nome comune: Tigernut, carice nocciola, coquillo, cutufa, tule, coyolito.
  • Altezza: da 30 a 50 centimetri.
  • Fabbisogno di luce: Luce diretta.
  • Temperatura: climi temperati (da 18ºC a 24ºC).
  • Irrigazione: Frequente.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali caratteristiche ha il tigernut?

Il tigernut è una pianta vivace che normalmente misura dai 30 ai 50 centimetri di altezza, anche se a volte può raggiungere anche gli 80 centimetri. Questa pianta si caratterizza per avere un sistema di rizomi sotterranei da cui spuntano tuberi ovali, meglio conosciuti come tigernuts.

Questi tuberi sono lunghi da 10 a 20 millimetri, di colore scuro e hanno un sapore simile alle mandorle. Il suo gambo è solido, liscio, di sezione triangolare e di colore verde-giallastro.

Da questa emerge un gruppo di foglie strette, ruvide, di colore verde chiaro, che possono misurare da 20 a 100 centimetri di lunghezza. I fiori di chufa misurano da 6 a 12 mm e mancano di corona a coppa e sono dorati o marroni.

Insieme formano un grappolo di spighe allungate sulle punte degli steli, che sono accompagnate da foglie lunghe e strette. I semi invece sono piccoli acheni, lunghi circa 1,5 millimetri. Hanno una forma triangolare e sono di colore giallo o marrone grigiastro.

Quando piantare il tigernut?

Il tigernut veniva tradizionalmente seminato durante il mese di maggio e giugno. Tuttavia, è stata osservata una resa maggiore durante la semina durante la prima quindicina di aprile, poiché in questo mese si presenta la temperatura minima per la semina (12ºC).

Dove piantare il tigernut?

Il chufa viene coltivato in regioni con clima , dove l’umidità relativa varia tra il 65% e il 70% mediterranee o temperate.

Per quanto riguarda la temperatura, dovrebbe essere mite, con temperature medie di 18ºC-24ºC durante il giorno.

È importante notare che le noci tigre sono sensibili alle basse temperature e ai forti venti. Quindi sarà importante conservarlo in un luogo protetto e ad una temperatura stabile.

Lo sapevate…?
In alcuni paesi è stata classificata come una delle peggiori erbacce al mondo per l’accumulo di nutrienti e risorse anche dopo la sua coltivazione. Resti essiccati di tigernut sono stati trovati in sarcofagi e tombe egizie risalenti al IV millennio a.C.

Come preparare il terreno?

Affinché il tigernut ottenga un sapore più dolce e sia di migliore qualità, dovrebbe essere coltivato in terreni argillosi sabbiosi, sciolti, di consistenza leggera, ben drenati e livellati.

Si raccomanda di mantenere la terra libera dalle erbacce per evitare la competizione per le risorse. Questo è importante perché le noci tigre hanno bisogno di sostanze nutritive, specialmente durante le loro prime fasi di sviluppo.

Il tigernut invece è una pianta depauperante, cioè impoverisce il terreno in cui viene coltivata perché assorbe tutti i suoi nutrienti. Pertanto, sarà fondamentale garantire che la terra sia sempre fertile applicando fertilizzanti.

Per arricchire il terreno, si consiglia di applicare fertilizzanti organici, letame bovino o suino con un letto di sabbia. Viene generalmente selezionato come seconda coltura nella rotazione delle colture per sfruttare i nutrienti rimanenti.

Come innaffiamo il tigernut?

La chufa è una coltura che proviene dalle zone umide, quindi il suo fabbisogno idrico è elevato e nelle zone temperate, deve essere soddisfatto con l’irrigazione. Questo dovrebbe essere applicato continuamente e in turni molto brevi per mantenerlo al suo livello ottimale.

Il metodo più consigliato per applicare l’irrigazione è attraverso la gravità del solco. Tuttavia, per le colture più piccole, può essere eseguita manualmente. Allo stesso modo, si stima che il volume d’acqua richiesto sia compreso tra 500 e 700 m 3 per ettaro.

Quanto spesso innaffiamo il tigernut?

La prima irrigazione dovrebbe essere applicata quando la pianta raggiunge un’altezza di 15-20 centimetri, 25 o 30 giorni dopo la semina.

È importante applicarlo in questo momento per non compattare il terreno e non danneggiare lo sviluppo delle piante. Da quel momento in poi, l’irrigazione si adatterà alle condizioni meteorologiche e alle sue fasi di crescita.

Si raccomanda che, a giugno, la frequenza sia di 1 irrigazione ogni 10 giorni; da luglio ad agosto, 1 volta ogni 8 giorni; da settembre a ottobre, 1 volta ogni 10 o 12 giorni.

Come piantare un tigernut passo dopo passo?

La chufa può essere coltivata in appezzamenti o in aiuole. Le istruzioni per la semina in uno qualsiasi dei casi sono condivise di seguito:

  1. Lavare e idratare le noci di tigre essiccate in acqua dolce per 36 o 48 ore.
  2. Negli appezzamenti: fino al suolo precedentemente inumidito, oa clima temperato, in solchi rialzati.
  3. In vaso: preparare il substrato consigliato, riempire il vaso e inumidirlo.
  4. Metti i tuberi a una profondità di 7-8 centimetri, distanziati ogni 8-10 centimetri.
  5. Copri i semi e attendi dai 25 ai 30 giorni per la tua prima irrigazione.

Di che cure ha bisogno il tigernut?

Il tigernut non è una pianta che necessita di molte attenzioni o manutenzioni quando viene coltivata nelle condizioni necessarie. Va solo monitorato che l’approvvigionamento idrico sia quanto necessario, senza carenze e senza eccessi.

Tutte le cure pagheranno in autunno, quando il fogliame della pianta si sarà asciugato. Quindi, sarà giunto il momento di raccogliere e raccogliere i nuovi tuberi, sia per il consumo che per il reimpianto.

Quali parassiti e malattie colpiscono il tigernut?

Essendo una pianta rustica, il tigernut tende a presentare pochi problemi. Tuttavia, può essere influenzata da vermi filo piralide vermi, tarme e coleotteri.

Tra le malattie sono state segnalate quelle causate dai funghi Fusarium e Rhizoctonia .

Riferimenti

  • https://riunet.upv.es/bitstream/handle/10251/114762/Pascual%20y%20Pascual-Seva%2717.pdf?sequence=3&isAllowed=y
  • http://va.chufadevalencia.org/bd/archivos/archivo412.pdf
  • https://repositorio.upct.es/bitstream/handle/10317/3594/pfc5590.pdf;jsessionid=19BD8253BA6BF603E53CAA7F7D005388?sequence=1
  • https://biblioteca.inia.cl/bitstream/handle/123456789/34034/NR11028.pdf?sequence=1
  • https://www.grupoagricoladecuba.gag.cu/media/Agrotecnia/pdf/2007/Revista1/20.pdf
  • http://ponce.sdsu.edu/tres_problemas_coquillo02.html
  • http://www.chufadevalencia.org/ver/14/Cultivo.html

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.