Suggerimenti

Ape: come salvare le api in cammino verso una nuova vita

Le api s sono minacciate di estinzione. Non siate felici all’idea di evitare i loro morsi , è un disastro, un dramma ecologico. Infatti, l’ape , un insetto impollinatore, assicura una funzione vitale sul nostro pianeta: l’impollinazione , cioè il trasporto del polline dagli stami al pistillo. E dobbiamo capire che l’impollinazione è il cuore della natura e dei suoi processi riproduttivi. Senza l’insetto impollinatore , l’85% delle piante non potrebbe riprodursi. Con la scomparsa di l’ape , la maggior parte della verdura proveniente da alberi da frutta e arbusti può essere minacciata. Sapendo che circa il 13% del cibo che mangiamo proviene dall’impollinazione, come possiamo agire per evitare questo dramma ecologico e quindi salvare le nostre api . Scopri 10 soluzioni per salvare le api e altri insetti impollinatori

.


Salvare le api


Scomparsa delle api: chi è responsabile

Mentre gli ambientalisti e gli apicoltori denunciano da tempo i danni causati dai pesticidi, in particolare i neonicotinoidi, commercializzati in tutto il mondo da due grandi gruppi industriali, che avvelenano e uccidono le api quando si foraggiano sulle piante trattate, altri fattori sono responsabili del declino delle api: il cambiamento climatico, gli acari, i parassiti, i virus e la distruzione degli habitat naturali causata dalle monocolture applicate su un singolo appezzamento o gruppo di appezzamenti a livello agricolo o addirittura regionale.


10 soluzioni per salvare le api e altri insetti impollinatori

Perché ognuno di noi, secondo le proprie possibilità, può agire contribuendo al salvataggio delle api e degli insetti impollinatori.


1 – Mangiare più miele, preferire il miele francese

Aiutare gli apicoltori in Francia, se possibile sul posto.

La maggior parte di loro perde tra il 30 e il 50% delle proprie colonie e deve ricostruire le proprie mandrie per continuare la propria attività.

Evitate di acquistare miele nei supermercati se non è certificato biologico.

Può essere importato dalla Cina, che attualmente è il principale produttore di miele, o dall’Europa dell’Est, e può essere rietichettato, tra l’altro, come “Origine Francia” quando entra nel paese.

Questi mieli sono composti in parte da acqua e sciroppo di zucchero, derivanti dalla fermentazione di riso, orzo, miglio o mais.

Acquistare e consumare un miele locale, così, pur avendo cura della vostra salute, sosterrete gli apicoltori della vostra zona, permettendo loro di sviluppare la loro produzione


2 – Diventare organico e locale

Mangiando cibo biologico, non solo vi prendete cura di voi stessi e della vostra famiglia, ma incoraggiate anche l’agricoltura senza pesticidi neonicotinoidi e fertilizzanti chimici, che sono problematici quanto i pesticidi.

Alimentandosi localmente, sostiene gli agricoltori e i contadini locali, preserva l’ambiente, il know-how e i prodotti locali, contribuendo al contempo all’equilibrio socioeconomico della regione.


3 – Sponsorizzare un alveare

Sponsorizzare un alveare significa agire per salvare le api.

Il sito Un tetto per le api offre alle aziende e ai privati la possibilità di partecipare alla conservazione delle api e allo sviluppo delle loro colonie.

A partire da 8 euro/mese c' o 96 euro all’anno si possono sponsorizzare 4.000 api ricevendo 6 vasetti da 250g all’anno a casa.


Se avete un giardino


4 – Smettere di usare prodotti chimici

Ma utilizzare solo erbicidi insetticidi per la casa , insetticidi assicurazione r e fertilizzanti naturali


5 – Acquistare o creare un apicoltura

La cassetta di nidificazione è di solito l’ultimo rifugio per diverse specie di api solitarie, soprattutto se si è circondati da vicini o da campi agricoli dove si usano regolarmente pesticidi o erbicidi.

Per fare una cassetta di nidificazione, basta riempire una piccola scatola di legno, profonda da 10 a 20 cm, con steli secchi e cavi come il bambù.

Oppure si può tagliare a metà un tronco in direzione dell’altezza e poi praticare dei fori profondi dieci centimetri, di diametro variabile – da 3 a 10 mm – a circa 2 cm di distanza l’uno dall’altro, quindi posizionare la cassetta di nidificazione alta 30 cm a 2 m da terra, e le api solitarie che vi deporranno le uova non amano le correnti d’aria, al sole, esposte a sud, al riparo dalle intemperie, e molto vicine a una zona fiorita.


6 – Piantare piante e fiori

Api come alcune varietà di piante da miele: fiordaliso, borragine, camelina, cardo, papavero, trifoglio dolce, origano, pervinca, trifoglio, ma anche fiori come dalia, gladiola, giglio, bardana, cicoria, biancospino, viperina.

Tutte queste piante, ricche di polline e nettare, favoriscono l’insediamento delle api.

Piantateli generosamente in un angolo del vostro giardino in modo che gli insetti impollinatori e le api possano nutrirvi.

Una colonia di api raccoglie circa 40-50 chili di polline all’anno.

E le api devono raccogliere un milione di fiori per fare un chilo di miele!


7 – Piantare arbusti

Piantate nel vostro giardino anche gli arbusti che hanno il miglior potenziale di polline e nettare in modo che le vostre api abbiano abbastanza da mangiare durante la stagione delle api: il biancospino monogamo con la sua fioritura abbondante e violenta, molto ricercato dalle api e da altri insetti impollinatori il cespuglio ardente con bacche rosse, il cui nettare viene utilizzato per fare il miele dai fiori primaverili, corniolo maschio, che ha una fioritura precoce di piccoli fiori gialli, bardana, un arbusto della foresta che è una buona fonte di nettare per le api, lampone, ribes nero e uva spina, nespola, un albero da frutto dimenticato, o prugnolo,


8 – Installare un punto d’acqua per le api

Le api hanno bisogno di acqua per diluire il miele per nutrire le larve e rinfrescare l’alveare.

Cercano acqua stagnante contenente sostanze vegetali in decomposizione (sostanze azotate) e sali minerali. Durante tutto l’anno, offrigli da bere anche se sembra un po’ affollato.

Facilmente accessibile, può essere una pozzanghera artificiale contenente argilla, ghiaia e ciottoli o una grande barca rovesciata.

L’acqua, ovviamente senza pesticidi, deve essere fornita regolarmente.

Si possono aggiungere due grammi di sale per litro.


9 – Installare uno o più alveari nel proprio giardino

L’installazione di uno o più alveari nel vostro giardino è probabilmente il modo migliore per aiutare a salvare una specie animale in via di estinzione.

Ma sapere che un alveare produce dai 10 ai 40 kg di miele significa anche avere la possibilità di assaggiare il proprio miele.

Prima di pensare all’installazione di alveari nel vostro giardino, assicuratevi prima di tutto che né voi né le persone intorno a voi siano allergiche alle punture d’api, quindi consultate la vostra prefettura e il municipio per conoscere le regole per l’installazione degli alveari e le distanze da rispettare dalle proprietà vicine.

Ogni comune, ogni prefettura, ha il suo regolamento.

Se nulla impedisce l’installazione di un alveare, è possibile acquistare il materiale necessario per la sua installazione, contando in media 60 euro per l’acquisto di uno sciame, e 150 euro.


10 – Parlare della scomparsa delle api

Dite ai vostri amici, ai contadini, ai funzionari eletti nel vostro comune, di mobilitarli su questo tema.

Più parliamo della scomparsa delle api, più saremo in grado di aumentare la consapevolezza del nostro ambiente, meno useremo i pesticidi e più contribuiremo alla loro conservazione.

Il collasso delle api deve essere fermato!

Combatti per loro!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *