Suggerimenti

Giardino ecologico: il terrazzo profondo o rialzato

Sia per gli ortaggi che per gli alberi da frutto, il sistema di coltivazione in profondità è stato utilizzato fin dall’antichità e, proprio per i suoi buoni risultati, è sopravvissuto fino ai giorni nostri, essendo uno dei sistemi di coltivazione più apprezzati e utilizzati. Con il letto profondo la resa può essere aumentata fino a 4 volte in più rispetto ad altri tipi di letti.

La chiave del letto profondo è che il terreno sia aerato, morbido e spugnoso, quindi le radici delle colture si sviluppano meglio, poiché hanno più spazio ed è più facile catturare sostanze nutritive e acqua. Ciò fornirà maggiore salute e vigore alle colture, il che si traduce in una migliore risposta a possibili parassiti e malattie.

È un’opzione eccellente, soprattutto per i piccoli spazi, poiché il letto profondo consente di ottenere il massimo da piccole aree.

Quando optiamo per il terrazzo profondo o sopraelevato, dobbiamo essere molto chiari sul fatto che non dobbiamo calpestare la terra in cui coltiveremo, come abbiamo indicato prima, una delle chiavi di questo tipo di coltivazione è che la terra sia morbido, sciolto e arioso. Per questo motivo si raccomanda che la larghezza del letto sia compresa tra 1 e 1,5 metri, per facilitare l’accesso e la movimentazione.

Quando abbiamo già deciso dove andremo a creare il letto, lo delimitamo con una corda e dei picchetti in ogni angolo. La prima cosa è aerare la terra e decompattarla. Se il terreno è molto compatto, potrebbe essere necessario il forcone per decompattarlo più facilmente.

Una volta che il terreno del terrazzo è ben decompresso, se necessario, si può aggiungere materia organica come il compost, per migliorare la qualità e la fertilità del terreno. Stendetela su tutta la superficie.

Successivamente iniziamo a scavare la prima trincea. La profondità e la larghezza della trincea possono essere comprese tra 30 e 50 cm ea seconda delle sue dimensioni avremmo tra 2 e 4 trincee. Riserveremo la terra che abbiamo tolto da questo primo fosso. Se trovate pietre è consigliabile rimuoverle. Ora decompatta il pavimento della trincea.

Scava la seconda trincea e versa la terra sopra la prima, girandola in modo che la parte più interna sia ora in superficie. Questo viene fatto in modo che i microrganismi benefici che forniscono la vita e la fertilità nella terra possano continuare ad essere utilizzati e non persi. Continua a scavare e a versare il terriccio sulla prima carota finché non hai finito. Puoi vedere che molta sporcizia fuoriesce dal livello del suolo. Questo accade quando il terreno viene prima decompattato e successivamente quando abbiamo decompattato il terreno dopo aver scavato la prima trincea. Quando hai svuotato la seconda carota, apri il terriccio.

Continua a ripetere questa operazione tante volte quante sono le trincee. L’ultimo fossato lo riempirai con la terra che hai preso dal primo. E se hai terra in eccesso, puoi usarla per fare piantine o semenzai.

Quando avrete terminato tutte le trincee, livellate la superficie con un rastrello o simile e terminate aggiungendo una copertura o pacciamatura sul letto. Il pacciame manterrà l’umidità, manterrà un buon livello di materia organica, creerà humus, preverrà l’erosione del suolo, ecc. I materiali per la pacciamatura sono: paglia, cartone, carta, alghe, foglie, ecc. Eviterà anche la proliferazione di “erbacce” avventizie o frequentemente denominate erroneamente, ti consiglio di leggere questo articolo sui suoi benefici in modo che tu possa trarne vantaggio.

Ricorda, non calpestare le terrazze per non compattare la terra.

Qui puoi vedere il sollievo che prende la terrazza profonda

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *