Suggerimenti

Cura del kiwi: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Che caratteristiche ha il kiwi?

Il Kiwi è una vite legnosa rampicante da frutto originaria della Cina dove è il frutto nazionale, espansa all’inizio del XX secolo in Nuova Zelanda e successivamente in Europa e America.

Il Kiwi produce uno squisito agrume, attraverso circa 60 specie la cui buccia può variare per forma e dimensione, ma non tutte hanno un buon sapore, in quanto ve ne sono di amaro e acido.

Quelli dal sapore squisito appartengono alla famiglia delle actinidiaceae, e le loro foglie sono decidue, lunghe e tondeggianti con peli e una dimensione di 30 cm di lunghezza; I suoi fiori sono ermafroditi (dispositivi sessuali maschili e femminili) con 5 petali ben definiti.

Il nome kiwi che identifica questa pianta deriva dalla Nuova Zelanda, dove è stato adattato dal nome dell’uccello kiwi, che è uno dei simboli di quel paese dell’Oceania, per le sue forme simili a quelle del frutto; Lì, tagliate nella panna montata, compongono le pavlova, dolci tipici di grande delizia.

Lo sapevate…?
Nella seconda guerra mondiale, questo frutto ha calmato la fame dei soldati neozelandesi nel mezzo delle sanguinose battaglie che hanno avuto luogo nella prima metà degli anni ’40.

Negli Stati Uniti, dove questa pianta è stata esportata dalla Nuova Zelanda dal 1950, è conosciuta come melonete , perché i suoi frutti sembrano piccoli meloni . Viene coltivato con enfasi anche in Italia, Grecia, Cile e Francia.

È un frutto dalla consistenza morbida, di forma ovale, con buccia fibrosa di circa 5 cm, colore bruno scuro e polpa verde, molto commestibile per il suo buon sapore, così come i suoi semi neri . Essendo una pianta esotica appetibile, in alcuni paesi viene coltivata con estrema cura, perché rappresenta un’industria con buoni dividendi economici.

Il kiwi ha proprietà medicinali perché è ricco di vitamina C e antiossidanti, perché protegge il corretto funzionamento del sistema immunitario. È bene consumarlo due volte al giorno per soddisfare il fabbisogno di vitamina C di un adulto.

Stimola il processo digestivo perché contiene actinidina, un enzima che aiuta a digerire le calorie. Inoltre, poiché contiene acido folico, è consigliato alle donne in gravidanza, e poiché è povero di grassi, è adatto alle diete.

Di che terreno ha bisogno il kiwi?

Il Kiwi non è una pianta che si adatta a qualsiasi terreno, in quanto non sopravviverà senza le condizioni pedoclimatiche richieste, quindi va piantato in luoghi specifici, ma, contrariamente a questo ostacolo, ha la caratteristica che è facile coltivare.

Il terreno deve essere ben drenato perché il kiwi non sopporta i ristagni d’acqua, estrema cura che bisogna fare quando si innaffia. L’irrigazione deve essere regolare, preferibilmente a goccia , soprattutto nei mesi caldi, evitando sempre l’aridità del terreno in modo che cresca senza ostacoli.

Nella preparazione del terreno dobbiamo tenere conto di una serie di cose, come pulire le erbe e rastrellare per ottenere un livellamento adeguato, aggiungendo uno strato di letame di vacca fermentato.

Nel posizionare i supporti, dobbiamo lasciare una distanza ragionevole (4-5 m) tra loro prima di procedere alla piantagione, assicurandoci di avere un esemplare maschio e uno femmina o un innesto di entrambi, che possiamo acquistare in negozi specializzati.

Pianteremo i maschi per garantire la fecondazione delle femmine, un kiwi maschio ogni cinque femmine disposte a file alterne, preferibilmente nei mesi di novembre e febbraio. È consigliato per orti urbani, non per interni o terrazzi e balconi, perché in quei casi ci darà problemi.

Come far crescere i kiwi forti e vigorosi?

È necessario tenere conto che il kiwi è una pianta a crescita rapida , quindi, quando si sviluppa, come pianta rampicante, dobbiamo costruire supporti solidi, uniti con fili, dove allargherà i suoi rami man mano che cresce. .

È una pianta originaria della Cina e della Nuova Zelanda dove ci sono ambienti molto freddi; in questo senso il kiwi resiste alle basse temperature, ma se lo abbiamo in un luogo dal clima molto ostile, è necessario proteggerlo in serra.

Un altro elemento da considerare è il fertilizzante , che deve avere una certa quantità di nutrienti come azoto, fosforo e potassio, soprattutto dopo la fioritura.

In Spagna c’è una buona produzione di kiwi nelle varietà da seme della pianta Hayward classificate come varietà femminili e maschili come impollinatori.

I maschili più popolari sono: Matua, Tomuri e M-3 , e quelli femminili, Hayward, Abbott, Jones, Monty, Bruno e Gracie , ognuno con le proprie caratteristiche, alcuni di taglia media, alcuni grandi e altri grossi, ma tutto d’obbligo, per il suo sapore straordinario che conquista i palati più stravaganti.

Di quale umidità ha bisogno il kiwi?

Il kiwi necessita di un’elevata umidità ambientale, per questo motivo la sua coltivazione è sconsigliata nelle zone calde, tanto meno nelle zone con gelate di -10ºC, in particolare tra i mesi di novembre e aprile.

Dobbiamo essere consapevoli che l’ambiente non diventa secco e caldo, nel qual caso è opportuno intraprendere azioni protettive, come spruzzare le sue foglie per mantenerle fresche.

È necessario potare il kiwi?

La potatura è fondamentale per dare forma all’albero, cercando lo sviluppo del suo tronco principale e dei bracci laterali per coprire i fili.

Quanto spesso dovremmo potare il kiwi?

La potatura del kiwi dovrebbe essere eseguita in due periodi dell’anno, in inverno e in estate. Così come la potatura invernale serve per dare addestramento, la potatura estiva serve per l’illuminazione, l’areazione, la manutenzione e la pulizia, con l’idea di eliminare gli ostacoli che si presentano alle piante, come foglie in cattive condizioni, fiori appassiti, deteriorati rami. , in modo che nascano nuovi rami e foglie.

Si consiglia di effettuare questa potatura estiva due volte, tra i mesi di aprile e giugno. Si cercheranno anche diradamenti dei frutti per migliorare la produzione, due volte, prima e dopo la fioritura; prima eliminare i fiori appassiti, e dopo l’allegagione, eliminare i frutti in cattive condizioni.

Come evitare parassiti e malattie del kiwi?

Le malattie che attaccano il kiwi sono:

muffa grigia

È un fungo della famiglia delle botrytis , che colpisce il frutto e talvolta la pianta stessa, a causa delle alte temperature e dell’umidità costante. Per rifiutarlo è necessario mantenere la pianta in un luogo ventilato e l’uso di prodotti chimici di tipo botricida.

Cancro batterico

Si manifesta con essudazioni arancioni, affettazione necrotica dei rami e caduta dei germogli, che bisogna combattere con la potatura delle parti colpite e l’isolamento della pianta. Il ragno rosso e le tarme della frutta sono altri nemici naturali, che dovremmo preferibilmente attaccare con disinfettanti ecologici.

Forse ti interessano anche:
  • 21 tipi e varietà di kiwi più famosi e deliziosi
  • Talee di kiwi: [Innesto, Stagione, Radicazione e Semina]
  • Parassiti e malattie del kiwi: [Rilevamento, cause e soluzioni]
  • Potare i kiwi: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione Kiwi: [Necessità, Frequenza e Procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.