Suggerimenti

Noce brasiliana: quali sono le sue proprietà, benefici e controindicazioni

Il seme della Bertholletia exelsa o Barthollesia excelsa , è conosciuto come noce del Brasile, noce dell’Amazzonia, castagna Para, coquito brasiliano, castagna Beni, Juvía o Sapucaia nell’Orinoco e in Brasile , ed è un alimento la cui richiesta si è diffusa negli ultimi anni.

La noce del Brasile appartiene al gruppo delle noci , come noci pecan , pistacchi , mandorle , noci , semi di zucca , castagne o semi di girasole.

È un albero, noto come castagno o castagno, originario della foresta pluviale tropicale dell’Amazzonia, in Sud America, che comprende i paesi del Venezuela, Guyana, Colombia, Perù, Brasile e Bolivia .

È una specie di grandi proporzioni, che cresce e produce i suoi semi in condizioni naturali, svolgendo funzioni in ecosistemi di grande importanza per la loro conservazione.

Questi alberi, unica specie del genere Bertholletia , della famiglia delle Lecythidaceae , si trovano in gruppi fino a 100 esemplari separati da circa 300 metri l’uno dall’altro. Con più di 1 metro di diametro, raggiungono i 50 metri di altezza e possono vivere per più di 1000 anni .

I semi commestibili si trovano all’interno di un frutto, simile a una noce di cocco , che viene prodotto solo in natura. Trattandosi di una specie autoincompatibile (incapace di produrre semi per autoimpollinazione), l’impollinazione avviene tramite l’intervento di organismi viventi come l’orchidea Coryanthes vasquezii , che attira alcune specie di api. .

Il frutto matura in 14 mesi, raggiungendo un diametro di 15 cm, all’interno del quale si trovano da 8 a 24 semi di 4 o 5 cm di lunghezza. Un albero maturo può produrre tra i 200 ei 400 frutti all’anno .

La raccolta dei frutti è piuttosto rischiosa. Si effettua durante la stagione delle piogge, raccogliendo i frutti che cadono dall’albero, con il rischio di trovare un frutto maturo che superi il chilo di peso sul percorso di caduta a 80 km/h.

D’altra parte, un raccolto troppo intenso metterebbe fine alla sostenibilità dell’albero e dell’ecosistema, con la perdita di molte specie che utilizzano l’albero e persino i gusci del frutto come riparo. Ecco perché è importante considerare l’acquisizione della Noce del Brasile ecologica , un frutto la cui produzione responsabile è di fondamentale importanza nella conservazione della specie e dell’ecosistema.

Valore nutrizionale della noce del Brasile

Il seme di Berthellotia excelsa è un alimento altamente calorico, per l’ elevata concentrazione di lipidi e proteine , ricco di aminoacidi solforati, metionina e cisteina.

Le proteine ​​costituiscono dal 15 al 17% del peso del seme fresco e quasi il 50% nel caso della farina.

Per quanto riguarda il seme secco, così com’è generalmente commercializzato, il contenuto di grassi raggiunge quasi 60g/100g, proteine 14g/100g e carboidrati 7g/100g, con un apporto totale di 714 kcal di energia.

La noce del Brasile è il commestibile naturale che contiene più selenio , oltre a magnesio, ferro, fosforo e calcio, fornendo vitamine B1 (tiamina), B2 (riboflavina), Nicotininamide, a-tocoferolo e y-Tocoferolo.

Il 67% del seme fresco sono grassi monoinsaturi e polinsaturi , come acido palmitico (12-15%), acido stearico (8,7-10,4%), acido oleico (27,2-40%) e acido linoleico (dal 24 al 49%), che hanno buoni effetti sulla salute con proprietà antinfiammatorie .

Tra i minerali, le noci del Brasile contengono anche bario (Ba) e radio (Ra), i cui livelli variano a causa del bioaccumulo nell’albero.

.

Benefici del suo consumo

Per il suo alto valore nutritivo, soprattutto in termini di quantità di proteine ​​vegetali , la noce del Brasile è consigliata nelle diete ad alte prestazioni sportive.

Un elemento notevole dell’apporto nutritivo è la presenza di selenio , motivo per cui è associato alla protezione contro lo sviluppo di tumori , in particolare nell’inibizione di alcuni tipi di cancro.

Leggi: Burro di Karitè , rimedio naturale per rigenerare la pelle

Il selenio (Se) è un micronutriente essenziale che svolge funzioni fisiologiche nel metabolismo degli ormoni tiroidei . Fa parte dell’enzima perossidasi, un sistema antiossidante che previene la formazione di radicali liberi, migliorando le funzioni del sistema immunitario e prevenendo l’invecchiamento precoce, oltre a varie malattie . .

Nella noce del Brasile il selenio è legato nelle sue proteine ​​selenometionina e selenocistina, mentre, con la presenza di tocoferoli come la vitamina E , aiutano a mantenere una buona salute influenzando varie funzioni dell’organismo.

Il selenio, attraverso le selenoproteine, svolge un ruolo chiave nella capacità delle cellule epiteliali intestinali di rispondere alle sfide dell’ossidazione microbica come protettore del tratto gastrointestinale .

Dal canto suo, l’aggiunta di acido linolenico o omega-6, oltre alle proprietà antinfiammatorie, svolge funzioni nella salute del cuore , modificando e diminuendo le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), il colesterolo totale (CL) e i trigliceridi (TG). .

Le noci del Brasile bilanciano il contenuto di grassi con un sano apporto di fibre insolubili e fitosteroli , aiutando ad eliminare il colesterolo. Allo stesso tempo, la fibra contribuisce a una sensazione di pienezza e migliora la funzione intestinale .

Inoltre è un frutto ricco di magnesio , che aiuta a migliorare e mantenere la salute del muscolo cardiaco, intervenendo nella contrazione e nel rilassamento, agendo su problemi cardiovascolari come l’ ipertensione .

Proteggendo le cellule dall’azione dei radicali liberi, insieme alle proprietà antinfiammatorie, le noci del Brasile contribuiscono a :

  • Mantieni una visione sana
  • Abbassare il colesterolo
  • Ridurre il rischio di malattie cardiovascolari
  • Regola i livelli ormonali
  • Proteggere e mantenere la salute della pelle
  • Prevenire il cancro alla prostata, al seno, al fegato e ai polmoni (per la loro attività antiossidante ed effetti antiproliferativi)

Alcuni studi hanno dimostrato che l’assunzione di 100 μg/die (microgrammi al giorno) di selenio (equivalenti a 1-2 noci del Brasile) per 3 mesi, aumenta le concentrazioni di selenio nel plasma, il che suggerisce la possibilità di ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche aumentando la capacità del corpo di regolare i livelli ormonali .

Nella medicina tradizionale indigena gli vengono attribuite proprietà diuretiche e come topico esterno per i disturbi dell’orecchio, preparato nel latte o nell’acqua calda. Inoltre dalla corteccia si ricava un infuso per curare infiammazioni, malattie epatiche e reumatiche e ipertensione.

Controindicazioni delle noci del Brasile

La noce del Brasile è l’alimento naturale per il quale è riconosciuta la più alta radioattività. A causa del sistema radicale sotterraneo estremamente esteso dell’albero, i frutti hanno due elementi con potenziale radioattivo: bario (Ba) e radio (Ra).

Una porzione può contenere 26 mg di bario, di cui il 90% viene trattenuto nell’organismo. Troppo bario può causare gastroenterite, paralisi muscolare e disturbi del ritmo ventricolare.

Da parte sua, anche l’accumulo di radio nel corpo può avere effetti negativi sulla salute.

Da qui l’importanza di seguire rigorosamente una porzione di 1 o 2 noci del Brasile al giorno oa intervalli sporadici per garantire un consumo sicuro e sfruttarne i benefici.

Come consumare le noci del Brasile

Il seme chiamato noce del Brasile viene consumato crudo, tostato, salato, da solo o come ingrediente in preparazioni dolci o prodotti dolciari.

Localmente, dove si ottengono semi freschi, vengono frantumati per ottenere quello che è noto come latte di castagne , utilizzato nei piatti tipici del Perù e della Bolivia, oltre che per il trattamento delle macchie sulla pelle .

Uno dei prodotti più diffusi è l’ olio di noce del Brasile , che si ottiene dalle castagne disidratate e ha un buon coefficiente di digeribilità.

La farina di Noce del Brasile , si ottiene dal residuo dell’estrazione dell’olio. Questa farina può essere mescolata con la farina di frumento per fare il pane o altri alimenti.

L’olio non commerciabile, invece, viene utilizzato per la produzione di saponi , e le bucce, per l’energia dei forni di essiccazione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.