Suggerimenti

Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]

Le orchidee sono piante che mostrano un comportamento di alto livello intorno alla fioritura squisita.

La sua specie è molto apprezzata nel mercato ed è in grado di regalarci una meravigliosa varietà di colori a seconda della tipologia.

In genere sono abbastanza resistenti e questa condizione è aumentata maggiormente grazie al fatto che oggigiorno per la semina si utilizzano piantine già lavorate.

Ciò non li esenta dall’ammalarsi, quindi prestare attenzione ai parassiti e alle malattie comuni impedirà loro di soffrire inutilmente.

marciume nero

Nella maggior parte dei casi, per quanto riguarda l’orchidea, è una malattia causata da batteri, anche se a volte compaiono funghi.

Questi batteri tendono ad insediarsi nel substrato , attivandosi quando le condizioni ambientali sono date: elevata umidità e poca ventilazione .

La malattia attacca principalmente le foglie, ma si possono notare effetti anche sui bubboni e sui germogli dei germogli. In ognuna di esse sono presenti delle macchie nere che sono evidenziate da una consistenza liscia, come se fossero fatte di gelatina .

Le macchie non solo rendono le piante brutte, ma danneggiano anche la loro salute, portando all’avvizzimento e, molto probabilmente, alla morte. Un altro dettaglio importante è che generano un cattivo odore e le macchie possono anche trasudare liquido se vengono premute.

Il problema più grande è che è in grado di colpire un intero campo di orchidee in pochi giorni. Inoltre, è abbastanza difficile da controllare, essendo una delle misure frequenti per bruciare le piante colpite per evitare la moltiplicazione.

Come misura preventiva si consiglia di tenere le piante in luogo ventilato, soprattutto di notte quando l’umidità tende ad essere più elevata. È approvato anche l’ uso di prodotti battericidi , che aiutano a prevenire la generazione dell’attacco o, in mancanza, a ridurre le possibilità di danni.

cocciniglie

Le cocciniglie sono insetti che si nutrono della linfa che ottengono succhiando le foglie delle orchidee.

Hanno la proprietà di compiere questa azione velocemente e, più ce ne sono , maggiori sono i danni che provocano.

Mentre passano, rilasciano anche una sostanza gialla e zuccherina nota come melassa. Questo può servire come base per il fungo audace .

Sono difficili da individuare ad occhio nudo perché si nascondono nella parte posteriore delle foglie, ma quando si presentano con la loro armatura bianca sono visibili. Quando sono molto numerosi e lo spazio a disposizione non è sufficiente, è probabile che si trovino anche nei fiori.

Sono parassiti che non accettano l’umidità in eccesso , quindi è comune vederli in ambienti asciutti. Questa è una buona notizia per combatterli, poiché applicando lavaggi con acqua saponata o insetticidi , sarà possibile affrontarli.

acari

Gli acari sono insetti microscopici che colpiscono le piante nutrendosi della fibra vegetale che hanno.

Sono molto difficili da rilevare ad occhio nudo e l’orchidea può sembrare in perfette condizioni fino a quando non iniziano a comparire i sintomi.

Le zone attaccate tendono a presentarsi, dopo alcuni giorni, con formazioni di macchie e puntini gialli. Sebbene possano danneggiare l’intera struttura del foglio, il più comune è che si nascondono nella parte inferiore del foglio, rendendone più complessa la visualizzazione.

Uno degli acari più frequenti è il ragnetto rosso e oltre a provocare lesioni sulle foglie, forma su di esse anche una sottile ragnatela. Quando l’attacco è molto avanzato e numeroso, la pianta comincia a sentirsi in decomposizione ed è anche possibile che influisca sulla fioritura.

Un trucco da giardinaggio per riconoscere se si tratta di acari o se il disagio proviene da un’altra fonte consiste nel passare un foglio bianco con dell’alcol nella parte inferiore delle foglie. In presenza di insetti, sulla carta si vedranno minimi punti grigi che si muovono, quindi non ci saranno dubbi sulla loro presenza.

Marciume radicale

Un’altra malattia che causa la putrefazione delle parti delle piante è questa, che è prodotta dall’attacco di alcuni funghi.

Hanno la capacità di attaccare tutti i tipi di orchidee , soprattutto quando non vengono coltivate seguendo le misure di intervento consigliate.

Poiché lavorano la pianta dalle radici, è meglio usare un nuovo substrato in ogni piantagione, in modo da evitare quelle contaminate. È inoltre buona norma che il substrato abbia la capacità di drenare efficacemente l’acqua ed evitare così un’eccessiva umidità nell’ambiente.

Un altro punto importante in termini di prevenzione riguarda la ventilazione, poiché è molto necessario evitare l’accumulo di vapore e umidità

Poiché i funghi più comuni che causano il marciume radicale sono la rizoctonia e il fusarium, è fondamentale che i fungicidi utilizzati abbiano un’azione decisa su di essi.

lumache

Le lumache sono insetti che hanno una struttura simile a un verme ma la consistenza è piuttosto acquosa o levigata, se vuoi. 

Il loro obiettivo principale di attacco è sui fiori , dove consumano parti di questi e causano buchi.

Un altro sintomo caratteristico della loro presenza ha a che fare con una serie di macchie colorate trasparenti che lasciano lungo il loro percorso.

La cosa più preoccupante, in ogni caso, è che si tratta di animali che hanno una grande capacità di trasmettere malattie, soprattutto di tipo virale. Catturarli non è un lavoro molto complesso perché sono visibili, sebbene in realtà mantengano una vita notturna.

L’ideale è posizionare trappole con patate crude o foglie di lattuga in modo che escano per nutrirsi e così possano essere catturate e sterminate. Le piantagioni di orchidee all’aperto sono soggette a meno danni rispetto a quelle che si trovano all’interno delle serre.

Quindi, nei momenti in cui è necessario coltivarli in questo modo, diventa molto più essenziale controllare i livelli di umidità.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.