Suggerimenti

Matricaria, una pianta medicinale che riduce la febbre, migliora la digestione e l’artrite reumatoide

Matricaria ( Tanacetum parthenium o chrysanthemum parthenium ), questa pianta attraente e bella molto simile alla margherita, e apparentemente di origine baltica, sebbene sia coltivata in Asia, America o Europa sia per il suo valore medicinale che per la sua utilità ornamentale. Feverfew è della famiglia Chrysanthemum e Daisy. Popolarmente, è anche conosciuto come erba di Santa Maria, rughe, atanasia, bottone o erba di Sant’Antonio.

La foglia aromatica di questa pianta è fortemente seghettata e ha una tonalità che va dal giallo paglierino al verde più brillante. Il fusto cresce molto denso ed è fine e ramoso; in estate e in autunno questi fusti sono ricchi di cimette bianche o gialle a seconda della varietà di Tanacetum parthenium .

Le sue foglie che hanno scopi terapeutici, è meglio usarle fresche, però sono adatte anche al congelamento, in questo caso vanno conservate ben confezionate in modo che il loro forte aroma non si contamini.

Per realizzare preparati medicinali si utilizzano i fiori e le foglie della pianta.

Usi e applicazioni terapeutiche di Matricaria

– Regola le mestruazioni
– Migliora la digestione
– È efficace in caso di vertigini, nausea e vomito
– Riduce la febbre
– Previene l’emicrania premestruale
– Elimina i parassiti intestinali
– Allevia mal di testa ed emicranie o emicranie.
– Disordini gastrointestinali
– Per ronzio nelle orecchie (tinitos)
– Applicato localmente, migliora i casi di psoriasi.
– Esercita un’azione stimolante
– Ha un leggero effetto lassativo
– Si usa in caso di allergie e asma
– Aiuta nelle vampate di calore durante la menopausa
– È vasodilatatore
– Applicato localmente alle punture di insetti per alleviarle.

– Migliora i casi di artrite reumatoide grazie all’effetto antinfiammatorio (si possono applicare impacchi sulla zona)

Come si coltiva Matricaria

È una pianta resistente e perenne, cresce in pieno sole in terreni asciutti e ben drenati. Si semina in primavera o in autunno e germina molto facilmente. Le sue foglie si raccolgono tutto l’anno, anche se è meglio farlo prima della fioritura estiva.

Il denso fogliame dorato del Partenio porta una vivida nota di colore a qualsiasi giardino, essendo altamente decorativo. Inoltre, sarà molto utile per respingere le zanzare grazie all’odore che emanano i boccioli dei fiori.

Partenio è controindicato per le persone allergiche alle piante della famiglia Daisy e nei trattamenti anticoagulanti. Inoltre, le foglie fresche possono causare una reazione allergica in bocca. È uno stimolante uterino, quindi è necessario evitare di assumere il Partenio durante la gravidanza. Consulta un professionista della salute su come utilizzare questa pianta medicinale nel tuo caso specifico.

Suite 101
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.