Suggerimenti

Potatura del pesco: come e quando farlo? [Guida completa]

 Il pesco, detto anche Prunus Persica, È un albero da frutto della famiglia delle Rosacee che predilige terreni profondi , leggeri e ben drenati.

Ha un ottimo contenuto nutritivo perché fornisce calorie ed energia necessarie per integrare la dieta grazie al suo valore vitaminico e proteico.

Forse ti interessano anche:
  • Pianta un pesco passo dopo passo. 
  • Parassiti e malattie del pesco.
  • Come concimare un pesco.
  • Lebbra del pesco.

Perché potare il pesco?

Ci sono peschi a crescita libera , che non richiedono molte potature, e pergolati, i cui frutti sono più facili da ottenere.

I peschi a crescita libera si verificano in zone calde;  i pergolati, invece, sono interessati alle zone fredde.

Chiamato anche pesco – il pesco e il pesco sono una cosa sola – proviene dal continente asiatico, in particolare dall’Afghanistan, dall’Iran e dalla Cina ed è stato portato in Occidente dai romani.

Le ragioni per potare un pesco sono le seguenti:

  • Correggere i difetti, dandogli una forma di vetro.
  • Prevenire l’accumulo di rami per consentire il passaggio dell’aria ed evitare rami lunghi.
  • Migliora la penetrazione dello spruzzo.
  • Migliora la qualità del futo.
  • Oscillare i rami.
  • Aumenta l’ ingresso della luce.
  • Aumentare la produzione.
  • Aumenta la fioritura.
  • Massimizza lo spazio.

Qual è la data migliore per potarlo?

Il pesco fiorirà dopo ogni potatura, con un clima caldo e freddo soddisfacente. I tempi della potatura dipendono dal numero di alberi da coltivare.

Così, i coltivatori di pochi alberi possono aspettare che il bocciolo rosa faccia la potatura; quelli con grandi raccolti non dovrebbero potare prima del necessario.

 Potare i peschi in estate  può dare risultati migliori in termini di brevità.

Tuttavia, se l’idea è quella di tagliare le corone , è meglio aspettare fino alla fine dell’inverno o subito dopo il raccolto estivo.

Quali punti importanti dovresti tenere a mente?

Secondo il suo sviluppo,  si devono tenere in considerazione le caratteristiche dei peschi,  poiché quelli a crescita libera hanno dimensioni diverse.

  • In piedi alto, con un tronco da 1,60 a 1,80 in età adulta.
  • Portamento medio, con altezza variabile da 1 metro a 1,20, con rami sviluppati in tutte le direzioni a partire dalla sommità del tronco.
  • In piedi basso, con un tronco molto corto di appena 0,6 m, con rami che si estendono dalla sommità del tronco.

Tuttavia, il pesco può raggiungere anche un’altezza maggiore, 6 o 8 metri.

Il pergolato di pesco va coltivato sotto muro, in due modi:

  • Come una palma, con due rami della stessa altezza posti in parallelo a 50 cm l’uno dall’altro.
  • Come una palma a ventaglio dove i rami escono da un corto tronco , dallo stesso punto distribuiti a ventaglio.

Poiché questo tipo di traliccio non è facile da acquisire, spetterà al potatore acquistare una pianta di un anno per modellarlo.

Dovresti rimuovere il 40% dei rami ogni anno per rafforzare la crescita dell’albero da frutto dopo la potatura, in modo che ci siano rami fruttiferi.

Come potare un pesco? Passo dopo passo

  1. I peschi a crescita libera dovrebbero essere potati di tanto in tanto per stimolare la produzione di rami.
  2. Tra novembre e marzo occorre tagliare qualche centimetro dall’estremità dei rami , lasciando 30 cm di lunghezza.
  3. Ogni tre anni, nel mese di novembre, è necessario eliminare i rami legnosi in eccesso ei rami mal collocati o in cattive condizioni ; il taglio deve trovarsi nel punto di partenza del ramo.
  4. Vanno eliminati i rami che fruttificano molto distanti dai rami principali di diametro maggiore.
  5. Si tenga un solo ramo legnoso, che sia più vicino alla base, e si pota sopra il secondo germoglio ben formato ; le due gemme produrranno rami misti in primavera , garantendo così continuità nella produzione dei frutti .
  6. Una cosa che il coltivatore dovrebbe sapere è che esistono solo due tipi di tagli di potatura: potatura e diradamento dei rami ; qualsiasi altro tipo è una variazione di questi due.
  7. Le guarnizioni sono l’eliminazione o la rimozione di un ramo in crescita , principale o secondario che sia.
  8. Il diradamento o diradamento dei rami è l’eliminazione dei rami completi, principali o secondari ma eliminandoli dalla loro origine.

Cosa succede se facciamo le divisioni?

I tagli dovrebbero causare:

  • Aumento della crescita dei rami del ciclo attuale.
  • Diminuzione dei livelli di luce all’interno della chioma degli alberi.
  • Aumenta la fioritura del pesco.
  • Rami inflessibili.

Cosa succede se facciamo un diradamento?

Al contrario, il diradamento provocherà:

  • Aumento dei livelli di luce all’interno della chioma degli alberi.
  • Promuove indirettamente la fioritura.
  • Migliora la penetrazione dello spruzzo.
  • Facilitare l’essiccazione rapida delle foglie.
  • Migliora il colore del frutto .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.