Suggerimenti

Dimorfoteca: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

La dimorfoteca è una delle specie di piante da esterno ideali per arredare giardini .

La sua forma arbustiva, unita al fatto che offre una fioritura senza pari, lo rende un favorito per i temi ornamentali.

Sebbene possano essere posizionati in qualsiasi zona del giardino, spesso è comune sfruttarlo per inquadrare una determinata area. 

Quindi, se stai cercando un’opzione eccellente con queste condizioni, qui parleremo di piantare la dimorfoteca. Fallo.

Punti importanti quando si semina una libreria dimorfica
  • Quando? In estate, trapianto in inverno .
  • Dove? All’aperto, con molta luce solare.
  • Come prepariamo il terreno? Con elevata umidità e l’uso di fertilizzanti naturali per piante da fiore.
  • Come dovremmo annaffiare? Al mattino, senza bagnare le foglie oi fiori .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? 2 o 3 volte a settimana a seconda del periodo dell’anno in questione.
  • Di che cure hai bisogno? Molta luce solare diretta, fertilizzante, potatura.
  • Quali parassiti e malattie ha? Muffa grigia e mosca bianca .

Quando piantare una dimorfoteca ?

Il momento preferito per posizionare i semi dimorfici e farli germogliare correttamente è durante l’estate. Tuttavia, è necessario fare attenzione che il trapianto venga effettuato durante l’ inverno poiché ci saranno le condizioni migliori per far prosperare le piantine.

In quei giorni è meglio scegliere quella con una temperatura più favorevole (non sotto lo zero) e, preferibilmente, con piogge. In questo modo il terreno sarà ben inumidito per generare l’ambiente migliore.

Dove piantare una dimorfoteca?

Uno spazio in giardino dove sia in grado di ricevere abbastanza luce solare diretta su base giornaliera è l’ideale per questo tipo di pianta . In effetti, il loro sviluppo più alto e migliore si genera quando è in ambienti caldi, ma ciò non li esime dal fare bene in altri climi.

È necessario verificare che abbia abbastanza spazio sui lati e verso l’alto per crescere, in quanto i suoi esemplari possono raggiungere anche i 60 centimetri di altezza.

Come preparare il terreno?

Il livello di umidità del terreno è il punto più rilevante per garantire che la dimorfoteca sia in perfette condizioni.

Data questa realtà, è fondamentale innaffiare frequentemente la zona prima della semina e mantenere un ritmo adeguato nelle fasi di crescita e fioritura.

Anche l’uso di fertilizzanti naturali per piante da fiore è ben accolto ma dovrebbe essere somministrato secondo le raccomandazioni degli specialisti per evitare sovraccarichi di nutrienti.

Come si innaffia la dimorfoteca?

Per le condizioni della specie, il momento migliore per applicare l’irrigazione è la mattina , appena sorge il sole, in modo che trascorra la giornata ben idratata.

L’acqua va aggiunta direttamente alla base della pianta senza bagnare le foglie oi fiori per evitare che marciscano.

Ogni quanto annaffiamo la dimorfoteca?

L’irrigazione va effettuata 2 o 3 volte a settimana a seconda delle condizioni climatiche della zona. Cioè più volte in estate e meno in inverno .

Come piantare una libreria dimorfica passo dopo passo?

La semina della libreria dimorfica può essere effettuata in due modi: talee da una pianta esistente o semi. Qui lavoreremo attorno ai semi.

  1. Preparare un semenzaio con terriccio da giardino ben inumidito. È importante assicurarsi che il terreno abbia un buon livello di drenaggio. In caso contrario, può essere miscelato con un elemento che contribuisce in tal senso, come la fibra di cocco.
  2. Disporre i semi coprendoli con un piccolo strato di terra sopra . Non è necessario seppellirli in profondità perché altrimenti perderanno l’accesso all’ossigeno necessario per germinare.
  3. Il semenzaio va posto in uno spazio con una temperatura confortevole , preferibilmente intorno ai 20°C. Se hai quella temperatura naturalmente all’esterno , puoi lasciarla lì e ricevere luce solare indiretta. Nel caso in cui faccia molto caldo, è meglio posizionarlo in casa e lasciarlo prendere il sole attraverso una finestra.
  4. Inumidire quotidianamente il letto di semina per mantenere il buon livello di umidità iniziale . Dovrebbero essere necessari circa 20 giorni prima che i semi dimorfici germinino e che la loro prima piantina diventi evidente.
  5. Trapiantare le piantine dopo 4 settimane di permanenza nel semenzaio nel posto finale in giardino. È importante scegliere un luogo molto soleggiato.

Di che cure ha bisogno la dimorfoteca?

La cura principale di cui ha bisogno questa pianta è quella di godersi il sole il più a lungo possibile.

Per la questione della nutrizione è consigliabile l’utilizzo di fertilizzanti per piante da fiore , ma è anche possibile farne di casalinghe, come il compost .

Nelle giornate estive si può evitare la perdita di umidità dal terreno aggiungendo uno strato di pacciamatura alla base della pianta. La potatura è necessaria per mantenere il cespuglio in buone condizioni, ma dovrebbe essere eseguita dopo che ha completato il suo processo di fioritura.

In questa potatura dovrebbero essere incluse foglie, rami, germogli e qualsiasi altra parte che si osserva danneggiata.

Quali parassiti e malattie influenzano la libreria dimorfica?

La resistenza della libreria dimorfica riduce la preoccupazione di attacchi di parassiti o malattie di qualsiasi tipo.

Tuttavia, in rari casi è stato osservato che la muffa grigia può devastare un cespuglio che è cresciuto bene.

Per far fronte alla malattia, è meglio tagliare le parti colpite con molta attenzione e disinfettare bene gli strumenti utilizzati.

Un altro caso si verifica con la mosca bianca, che è in grado di generare morsi in alcune zone della pianta , provocandone l’ indebolimento. A causa del tipo di fiori di questa specie, è più o meno comune che sia circondato da insetti e altri animali impollinatori.

Ma, in generale, non esercitano un danno maggiore sulla sua struttura come nel caso dei parassiti. Una delle caratteristiche più sorprendenti della dimorfoteca è che acquista maggiore resistenza man mano che trascorre più tempo in giardino.

Pertanto, sebbene sia in grado di generare una fioritura annuale, è una specie vegetale piuttosto perenne .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.