Suggerimenti

Quali semi possono essere utilizzati nella produzione biologica?

In agricoltura biologica si è molto importante mantenere biodiversità agricola e coltivare varietà locali e tradizionali di frutta, verdura, legumi e cereali, che sono atte ad un clima specifico e del suolo, hanno sviluppato una resistenza naturale a determinati parassiti e malattie, conoscenze sulle loro coltivazione e la gestione viene trasmessa di generazione in generazione ei cibi locali fanno parte delle ricette della cucina tradizionale.

Per generazioni, gli agricoltori biologici hanno scambiato liberamente i semi tradizionali prodotti biologicamente, e questo ha permesso di preservare e conservare un’ampia varietà di semi autoctoni di qualità.

In base ai Regolamenti Europei (si veda anche il Regolamento in America Latina per la produzione biologica ) nella produzione di alimenti biologici possono essere utilizzati solo ed esclusivamente semi e materiali che sono stati prodotti in modo biologico.

Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Ambientali fornisce informazioni sulla disponibilità di varietà di sementi biologiche provenienti da tutta Europa, consultabili qui .

Puoi anche accedere a informazioni più preziose sui semi biologici su:

Consigli sulla produzione biologica

Produci semi in agricoltura biologica

Manuale tecnico: Produzione artigianale di semi di ortaggi per l’orto familiare

Guida alla raccolta dei semi dagli ortaggi più comuni

Manuale di coltivazione dei semi

Manuale: raccogli i tuoi semi

Il Regolamento Europeo prevede delle eccezioni nel caso in cui non siano presenti varietà biologiche di semi e in questi casi eccezionali possono essere utilizzati semi provenienti da un’azienda agricola in conversione all’agricoltura biologica . Inoltre, gli Organismi di Controllo di ciascuna Comunità Autonoma possono autorizzare l’utilizzo di sementi e altro materiale di produzione vegetale non biologico nel caso in cui questi non fossero disponibili in agricoltura biologica. Per questo, l’operatore deve richiedere il permesso di semina prima di iniziare questo lavoro e l’Organismo di controllo deve essere colui che lo autorizza. È un requisito essenziale che i semi convenzionali da utilizzare siano stati trattati solo conprodotti fitosanitari autorizzati in agricoltura biologica .

Gli Organismi di controllo autorizzano l’utilizzo di sementi o patate non biologiche solo in casi specifici e ben definiti:

> Che non esiste un fornitore in grado di fornire semi o tuberi-seme e che l’operatore li richiede con largo anticipo prima della semina.

> Se l’operatore dimostra che esistono alternative ecologiche adeguate di una specie

> Quando l’operatore ricerca una varietà di specie non iscritta nella suddetta Banca Dati del Ministero.

> Giustificato per ragioni di conservazione della varietà, ricerca e prove di campo su piccola scala.

Per quanto riguarda l’acquisizione di piantine, stoloni, talee, ovaiole, bulbi, chele, rizomi per la sostituzione di alberi da frutto, oliveti, ecc. e per i nuovi impianti, secondo il Disciplinare, questi devono essere prodotti da almeno due anni in produzione biologica . Se le varietà desiderate non possono essere trovate all’interno della produzione biologica, verranno utilizzate quelle che provengono dalla conversione all’agricoltura biologica. Se potessero ancora essere acquistati, potrebbe essere autorizzato l’uso di piantine non biologiche.

Sono inclusi anche quei semi destinati a coperture vegetali in colture legnose come mandorli, uliveti e alberi da frutto in genere e seguirebbero gli stessi criteri descritti.

Gli operatori biologici devono informare l’Organismo di controllo corrispondente della dichiarazione delle colture che vengono prodotte e lasciare un registro mediante la loro registrazione, in questi casi non è necessaria l’autorizzazione. È pratica comune nella produzione biologica mantenere la conservazione dei semi da seminare negli anni successivi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.