Suggerimenti

Potatura alberi: come e quando si fa e strumenti necessari

Cos’è la potatura?La potatura consiste, essenzialmente, nell’asportare una parte di un albero, di un arbusto o di una pianta fiorifera per aiutare la natura nel senso e nella direzione utili all’uomo.

Consiste nell’insieme delle operazioni che vengono eseguite direttamente sullo scheletro o sulla chioma delle piante al fine di:

  • Modificare e/o controllare le dimensioni, limitare la crescita delle piante
  • Forma la pianta e regola la quantità di fiori e frutti
  • Migliora la qualità dei frutti
  • Regola la fruttificazione ogni anno

Il seguente articolo cercherà di fornire una serie di concetti base sulla potatura della frutta , per aiutare il lettore a rispondere a tre domande molto importanti:

Perché, quando e come dovrebbe essere potato?

Quali strumenti sono necessari per potare?

In tutti i casi gli attrezzi devono permettere un taglio netto, senza strappare il ramo, per cui devono essere ben affilati. Dopo l’uso, devono essere puliti, disinfettati e lubrificati per una migliore conservazione.

La disinfezione degli attrezzi una volta utilizzati è importante per evitare la trasmissione di malattie da una pianta all’altra. Puoi mantenere puliti i tuoi strumenti semplicemente pulendoli con alcool etilico o acqua candeggina al 50%.

Le superfici di taglio di diametro superiore a 5 cm devono essere sigillate con vernice a base d’acqua contenente fungicidi o un prodotto cicatrizzante. Alcuni mix utilizzabili sono:

  • Ossicloruro di rame (pasta a base di ossicloruro di rame e poca acqua)
  • Vernice al lattice
  • Vernice al lattice + fungicida Captan (1 litro di Latex + 80 grammi di Captan 80% WP)

Quando potare? Tempo e regole generali per la potatura

Si possono distinguere due tipi di potatura in base al loro tempo di completamento:

1.- Potatura invernale: si può fare quando cadono le ultime foglie, fino alla fine dell’inverno quando le gemme sono ancora a riposo.

2.- Potatura “verde”: si effettua nell’albero da frutto con le foglie. A seconda dell’obiettivo perseguito, esistono due diversi momenti per la sua realizzazione:

  • Potatura tardiva primaverile: viene effettuata solo per eliminare crescite indesiderate (ventose) che competono con il normale sviluppo del frutto.
  • Potatura autunnale: viene effettuata dopo la raccolta per aumentare l’ingresso e la distribuzione della luce all’interno dell’albero, e in questo modo per ottenere una migliore qualità delle gemme fruttifere per la stagione successiva. Viene anche utilizzato per trattenere la crescita della chioma, una volta che l’albero ha raggiunto l’altezza desiderata e lo spazio corrispondente.

Nel caso di un frutteto familiare, la gestione delle piante, anche se dovrebbe favorire la produzione di frutti, non è così rigorosa come nel caso di un frutteto a produzione estensiva. Per gli alberi da frutto dell’orto familiare, prenderemo quindi in considerazione alcune domande fondamentali che ne migliorano lo sviluppo:

  • La potatura deve favorire l’ ingresso di luce e aria in tutta la chioma, lasciando solo i rami guida necessari al mantenimento della struttura.
  • Le piante da frutto devono avere un equilibrio tra la parte floreale (che alla fine darà i suoi frutti) e la parte vegetativa (foglie).
  • Vanno rimossi i vecchi rami e “ventose” , che sono rami lunghi, vigorosi, leggermente legnosi con poche gemme che crescono verticalmente, generalmente in prossimità di un taglio o ai lati di rami grossi o dalla base.
  • Formare una coppa non molto alta che permetta un’adeguata raccolta dei frutti. A tale scopo si possono tagliare rami grossi che sono cresciuti in altezza e/o piegare i rami più flessibili per rallentare la circolazione della linfa e generare più boccioli fiorali .
  • Non consentire angoli molto chiusi tra i rami (idealmente più di 45º).
  • I nuovi rami che si sviluppano su entrambi i lati dei rami più spessi non dovrebbero essere troppo ravvicinati (separazione di 15 cm o più).

Prima di entrare nel dettaglio su come devono essere potate le diverse specie, è importante distinguere i tipi di potatura esistenti, tenendo conto del loro scopo:

Tipi di potatura

A) Potatura di allevamento: viene eseguita sulla giovane pianta per guidarne lo sviluppo. Viene effettuato durante i primi quattro anni dopo la semina, e durante questa fase viene data priorità alla formazione della struttura della pianta, selezionando i rami principali che formeranno la struttura finale.

Schema di un percorso formativo dal 1° al 4° anno

B) Potatura della fruttificazione : il suo obiettivo è quello di migliorare lo sviluppo dei boccioli fiorali, preservando un equilibrio tra la produzione dei frutti e delle foglie. Ha caratteristiche diverse per gli alberi da frutto a nocciolo rispetto alle drupacee, come verrà spiegato in seguito. Tale potatura viene effettuata dall’entrata in produzione della pianta.

C) Potatura di ringiovanimento: si effettua ad albero già formato, eliminando polloni, rami spezzati, vecchi o malati. Si può fare a fine raccolta e sfruttare per eliminare vecchi rami fruttiferi e dare opportunità a nuovi rami fruttiferi. Anche qui i rami possono essere potati per limitare l’altezza della chioma e guidare la diffusione degli arti.

Come devo fare i tagli?

Quando un ramo o un ramo viene potato, viene tagliato sopra il bocciolo per essere favorito a circa un centimetro, con l’inclinazione che lo protegga dalla caduta di acqua e terra.

Nel caso di rami grossi, i tagli vengono effettuati in modo tale da facilitare la cicatrizzazione della ferita, cercando di non lasciare un moncherino anche se il taglio parte dalla forcella. La potatura inizia con un taglio, fino a quasi la metà del suo diametro, nella parte inferiore (taglio a) ea circa 20-30 cm dal tronco da cui ha origine; circa 10 cm più in fuori e dall’alto si effettua un nuovo taglio (b) che permetterà di separare il ramo, che si spezza sotto il proprio peso senza staccare la corteccia. Tagliando (c) il moncone rimanente viene rimosso.

Ora, avendo le nozioni sui tipi di potatura, e su come effettuare i tagli, spiegheremo come va potata ogni specie in particolare:

Pesco o pesco

I germogli fruttiferi si trovano sul ramo di un anno, sono tondeggianti e più grandi di quelli vegetativi. Entrambi appaiono raggruppati su fusti vigorosi e solitari su rami sottili. In generale, la pianta mal potata o potata fiorisce principalmente sugli steli nella parte superiore della chioma.

La potatura annuale produce il rinnovamento dei rami fruttiferi. Il diradamento dei rami danneggiati, deboli e quelli mal posizionati o troppo cresciuti consente di chiarire la corona. Il moderato accorciamento dei rami rimanenti consente la formazione di nuovi fusti che daranno frutti l’anno successivo. Una potatura molto intensa riduce il numero dei fiori e indebolisce la pianta.

prugna giapponese

Fruttifica contemporaneamente su rami lunghi e corti (mazzi). In genere necessita di un meticoloso diradamento, rimuovendo i rami superflui e accorciando fino al 50% della vegetazione dell’anno precedente. La maggiore luminosità favorisce la crescita di bouquet fruttati.

Albicocca o albicocca

Le gemme fruttifere dei rami di un anno sono simili al pesco, fruttifica anche a grappoli posti su rami di un anno o più.

Il diradamento migliora la luminosità all’interno della chioma, l’accorciamento del 30% dei fusti rimanenti favorisce la formazione di nuovi rami.

albero di mele

La fruttificazione ha origine da un bocciolo misto che produce diversi fiori e un bocciolo, questo bocciolo è tondeggiante e si trova generalmente all’estremità di brevi rametti di due o più anni. Esistono altre formazioni che possono dare origine a germogli fruttiferi, nel caso dei “sacchi”.

Questa specie non necessita, in genere, di una potatura intensa, che prevede il diradamento di alcuni rami e l’accorciamento di alcuni fusti.

pero

Cresce più alto del melo e la sua potatura è simile. L’assottigliamento del vetro migliora l’ingresso di luce e aria, che favorisce l’uniforme maturazione dei frutti. L’accorciamento del 30% dei fusti dell’ultimo germogliamento favorisce la formazione di rami fioriferi.

La figura seguente mostra alcuni tagli che possono essere effettuati in questa specie:

ciliegia

I mazzi di uno e due anni sono potati corti (fino a un terzo) e si prediligono rami di tre anni o più; I mazzi di maggio non vengono potati, vengono diradati solo se sono molto vicini o poco orientati.

mele cotogne e noci

Richiedono una potatura di manutenzione leggera per correggere lo sviluppo della chioma. Va notato che la fruttificazione avviene alle estremità dei rami.

Potatura degli agrumi

Potatura di formazione

La potatura di addestramento può essere eseguita in vivaio o dall’acquirente stesso. Gli obiettivi della potatura di addestramento sono di formare una struttura di supporto adeguata per sostenere il carico futuro dell’albero.

L’altro obiettivo della potatura al ricevimento delle piante dal vivaio o quando vengono estirpate in vivaio è quello di equilibrare la parte aerea della pianta con le radici che sono state potate o potate durante l’estrazione del filare vivaistico.

I passaggi da seguire sono:

  1. a) Taglio alto 50 cm per favorire lo sviluppo dei rami laterali.
  2. b) Lasciare 3-4 rami laterali disposti equidistanti.
  3. c) Germogli accorciati.

Potatura di Fruttificazione in piante adulte

Il periodo migliore è alla fine dell’inverno e prima del germogliamento primaverile. In generale, è conveniente farlo dopo la raccolta. Questo è facile da realizzare nelle varietà a raccolta precoce e di mezza stagione. Nel caso di quelli con produzione tardiva, si deve decidere tra sacrificare parte della produzione dell’anno a beneficio del raccolto successivo o avere la piena produzione e perdere parte dell’anno successivo, poiché il frutto deve essere già potato. e quasi maturo (inverno) sulla pianta o con la pianta con piccoli frutti appena allegati (primavera – estate).

Non dovrebbe essere fatto ogni anno (su questo punto ci sono divergenze di opinione tra gli specialisti). Ma bisogna tener conto che minore è la frequenza, maggiore è l’intensità, maggiore è lo spessore dei rami da tagliare e maggiore è il costo dell’operazione. Allo stesso modo, più spessi sono i rami, maggiore è la possibilità di ingresso di malattie.

Nel limone si consiglia una potatura ogni 2 – 3 anni. In questo caso, non si farà alcun tentativo di modellare la pianta perché questo è quasi impossibile a causa del tipo di ramificazione.

La potatura tra bassa e alta produzione regola la produzione e ne favorisce la regolarità.

Per realizzare la qualità della potatura dobbiamo osservare i seguenti aspetti:

  1. a) Se la potatura era troppo morbida, il prossimo germoglio sarà breve.
  2. b) Se la potatura è stata troppo intensa, causerà un forte germogliamento, la formazione di un gran numero di “ventose” e scarsa fruttificazione.
  3. c) Una potatura ben eseguita stimolerà la crescita dei germogli medi e con essi una produzione equilibrata. Le piante piccole sono più efficienti nella produzione e questo si ottiene, da un lato, con il tipo di piante (varietà e portainnesto utilizzati) e, dall’altro, con la regolazione della potatura.

Considerazioni guida per gli alberi da ombra

Vengono potate regolarmente fin dal periodo giovanile per sviluppare un portamento robusto con rami alti e resistenti.

Dei rami che si incrociano si tagliano quelli meno importanti, lasciando quello che favorisce la crescita e la forma imposta alla chioma. Los Fresnos, Alamos, Arces, Paraísos e Olmos, ammettono la potatura a conduzione annuale a fine inverno, evitando di effettuare tagli ripetuti nello stesso luogo in modo che non si formino “ceppi” che ostacolano la circolazione della linfa.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *