Suggerimenti

Quali piante sono velenose nel giardino?

Attenzione ai bambini, pericolo! Recentemente un uomo è morto per avvelenamento di una pianta raccolta dal suo giardino . Sì, alcune piante che crescono nei nostri giardini sono così tossiche da far ammalare noi, i nostri bambini e il nostro cane o gatto . Cosa sono queste piante ? L’agrifoglio con le sue bacche rosse o il mughetto, anche se fanno dei bei mazzi di fiori, per esempio, non mancano di avere un effetto sulla nostra salute. Ma non è solo questo. Conoscere queste piante e scoprire cosa fare se qualcuno ingoia le foglie, i fiori o le bacche di una pianta velenosa .


Piante pericolose per bambini, adulti e animali

Aconito

Questa magnifica pianta, che è meravigliosa nei giardini di confine o di massiccio, giardini in altitudine, è una delle più tossiche in Francia.
Non lo chiamano aconito e uccidono i lupi per niente!
Infatti, anche se può uccidere i lupi, è particolarmente pericoloso per gli animali o per gli esseri umani.
Dopo aver consumato le sue foglie e le sue radici, si sentono ustioni seguite da vomito e quindi da un disagio che può portare alla morte.

Arum

L’arum, con il suo lungo cono, il lungo stelo e le lunghe foglie, è certamente un fiore molto elegante.
Questo è probabilmente il motivo per cui si trova così spesso nei giardini, ignaro che i suoi frutti, le bacche, il fogliame e la linfa possono causare gravi avvelenamenti nei nostri animali domestici e anche negli esseri umani, dove la sua ingestione può causare irritazioni durature alla gola, vomito, eventualmente convulsioni e, nei casi più gravi, la morte.

Belladonna atropa belladona

Sono le radici, le foglie e soprattutto i frutti della belladonna, chiamata erba del diavolo, ad essere molto tossici.
L’ingestione dei frutti della pianta, così invitante per i bambini, provoca congestione del viso, secchezza delle fauci e delle mucose, sete intensa, debolezza, tachicardia, allucinazioni, delirio, agitazione che può portare al coma e persino alla morte.

Caprifoglio

Le foglie e soprattutto le bacche di caprifoglio, una pianta rampicante delicatamente profumata, sono velenose.
L’ingestione di bacche può causare problemi digestivi come la diarrea, ma raramente è fatale.

Cicuta, Cicuta piccola e cicuta grande

L’ingestione di cicuta le cui foglie assomigliano al prezzemolo fino a confondersi può causare problemi digestivi, ma non gravi.
La grande cicuta è la più tossica.

Colchico

Il bulbo, i semi, le foglie, l’intera pianta è estremamente tossica.
La lampadina che rappresenta la parte più tossica
L’ingestione può causare vomito, diarrea, dolore addominale, paralisi e coma.

Ginestra

Questo grande arbusto, molto decorativo e compatto, è tossico solo in dosi molto elevate.
Ma anche in piccole dosi, l’ingestione di semi e fiori può causare notevoli problemi digestivi.

Glicine

È l’ingestione dei baccelli e dei semi contenuti nei fiori di questa vite rampicante che sono tossici al punto da causare gravi problemi digestivi: vomito, nausea e crampi addominali.
Il succo della pianta provoca solo irritazione.
D’altra parte, una proiezione di questo succo nell’occhio può causare danni alla cornea.

Holly

Rosso, arancione, giallo o bianco, sono le bacche e le foglie dell’agrifoglio ad essere velenose.
E mentre è sicuro mangiare una o due bacche, ingoiare più di 5 bacche può causare vomito e diarrea.

Il tasso, che si trova spesso nei giardini, ha un frutto che contiene un seme velenoso.
La masticazione e l’ingestione di questi semi può causare irritazione della bocca e dell’esofago, o anche convulsioni.
In caso contrario, il contatto con alcuni tassi provoca irritazioni cutanee.
È meglio non avvicinarsi troppo.

Alloro ciliegio

Le bacche di oleandro sono velenose.
Se un bambino ne ha ingeriti meno di 5, non avrà alcun problema. Si consiglia solo di dargli un po’ d’acqua.

Alloro, azalea, rododendro

Oleandro, azalea e rododendro appartengono alla stessa famiglia e sono velenosi.
L’ingestione può causare irritazione della bocca, vomito e diarrea.

Edera rampicante

Le bacche di edera nera assomigliano ai mirtilli, ma sono molto più pericolose.2 a 3 bacche possono causare solo avvelenamenti che portano a ustioni in bocca e poi problemi digestivi: vomito e diarrea che possono svilupparsi in allucinazioni, convulsioni, coma, e a volte anche la morte.
Fortunatamente, il sapore amaro delle bacche dispiace ai bambini e agli animali domestici.

Anche se si ritiene che porti fortuna, le foglie, i fiori, le radici e persino l’acqua del vaso nella valle sono velenose.
L’ingestione di grandi quantità della pianta può causare vomito, diarrea e dolori addominali in esseri umani e animali, e anche avere effetti cardiovascolari.

Oenanthe Saffron

Lo zafferano nano è una pianta erbacea con piccoli fiori bianchi, molto vicini tra loro, raggruppati in ombrelle.
L’intera pianta è estremamente tossica e le radici sono le più pericolose.
Dopo l’ingestione, il vomito, i dolori addominali, la salivazione abbondante e talvolta il coma e persino la morte.

Rabarbaro

Sono le foglie, e più specificamente le punte, ad essere tossiche a causa del loro contenuto di acido ossalico.
Consumato in grandi quantità, questo acido può causare intossicazioni: nausea, vomito, crampi addominali.

Un bambino ha ingoiato bacche, fiori o foglie da una delle vostre piante, cosa devo fare?

Non aspettare che compaiano i sintomi dell’avvelenamento, chiamare il centro antiveleni più vicino.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.