Suggerimenti

Orchidea Phalaenopsis: cura

Esiste una grande varietà di queste piante, ma le Phalaenopsis sono una delle orchidee più apprezzate e diffuse nel giardinaggio e nella decorazione. Chiamati per la loro somiglianza con le ali di farfalla, questi bellissimi fiori provengono principalmente dall’Australia e dalle Filippine, così come da alcune altre aree dell’Asia e dell’Africa.

In questo articolo di EcologíaVerde vedremo quali sono le principali caratteristiche e cure dell’orchidea Phalaenopsis o dell’orchidea farfalla, quindi se vuoi averne una in casa, continua a leggere queste righe.

Caratteristiche dell’orchidea Phalaenopsis

L’ orchidea farfalla è anche chiamata orchidea alevilla e orchidea a bocca. Come altre orchidee, sono piante epifite, il che significa che invece di ancorarsi al terreno con le loro radici, usano altri alberi o piante come ospiti a cui aggrapparsi.

Un’altra particolarità di queste piante è che sono in grado di svolgere la fotosintesi con le loro radici, che sono forti e verdi, generalmente aeree. Le sue foglie sono grandi e nascono molto vicino alle radici. In essi si può distinguere molto chiaramente il nervo centrale, e sono di un colore verde molto vivido.

I suoi fiori escono da una specie di lunghi bastoncini che la pianta produce e che solitamente è necessario sostenere affinché non cadano. Hanno petali di colori molto diversi e anche con motivi maculati, molto suggestivi e belli.

Orchidea Phalaenopsis: cure di base

In questa pratica guida vedrai quali sono le cure di base dell’orchidea Phalaenopsis, dalla sua irrigazione, substrato e fertilizzante alla sua posizione, luce necessaria e temperatura adeguata:

Come innaffiare l’orchidea Phalaenopsis

Come tutte le orchidee, questa pianta non tollera l’umidità eccessiva o il ristagno d’acqua, sia nelle foglie che nelle radici. Per questo motivo vanno annaffiate sempre al mattino e, se possibile, per immersione. Questo avviene immergendo il vaso in acqua per alcuni minuti e lasciando che la pianta assorba l’acqua necessaria, quindi estraendola e lasciando che i fori di drenaggio rimuovano l’acqua in eccesso.

Tuttavia, è importante non annaffiare la Phalaenopsis con l’acqua del rubinetto. Solitamente queste acque sono molto dure e hanno un contenuto di minerali troppo elevato, quindi è necessario utilizzare acqua minerale leggera o trattare l’acqua per demineralizzarla.

Inoltre, si consiglia vivamente di spruzzare un po’ d’acqua intorno alle foglie e alle radici aeree più volte al giorno. Questa pianta tropicale ha bisogno di un’umidità ambientale abbastanza elevata, quindi le sue condizioni naturali possono essere emulate meglio.

Qui puoi imparare molto di più su quando e come innaffiare le orchidee.

Luce e posizione dell’orchidea farfalla

La phalaenopsis non tollera bene l’esposizione diretta al sole, ma non cresce bene nemmeno in ambienti ombrosi. Cerca una stanza molto luminosa, ma dove i raggi del sole non cadano direttamente sulla tua pianta. Anche l’uso di una tenda che lascia entrare un po’ di luce naturale può essere un’ottima opzione.

Temperatura ideale per Phalaenopsis

Essendo una pianta tropicale quale è, non tollera il freddo intenso o le temperature molto elevate con la siccità. L’intervallo di temperatura ideale per l’orchidea farfalla è compreso tra 23ºC e 24ºC, ma con un’umidità ambientale sufficiente può resistere a temperature fino a 30ºC. Per quanto riguarda il freddo, non far scendere in nessun caso la temperatura sotto i 13 ºC.

Substrato e fertilizzante

Le orchidee necessitano di substrati speciali molto leggeri che forniscano un buon drenaggio, altrimenti l’irrigazione può rendere il terreno troppo umido e finire per danneggiare le piante con la sua umidità in eccesso. Inoltre, queste piante possono avere momenti in cui necessitano anche di fertilizzanti specifici, che vengono applicati più regolarmente prima che la pianta inizi a fiorire e vengono solitamente utilizzati vaporizzati o spruzzati sul substrato.

In queste altre guide al giardinaggio spieghiamo più in dettaglio come realizzare un substrato per orchidee e come fare il compost per orchidee.

Quando e come trapiantare un’orchidea Phalaenopsis

È abbastanza comune che questa pianta venga conservata in contenitori o vasi trasparenti, in modo che le sue spesse radici verdi possano anche svolgere la fotosintesi e quindi aiutare la fioritura. Questo ci aiuta anche a conoscere lo stato di salute della pianta e a valutare se ha bisogno di acqua o meno, perché quando diventano biancastre si stanno seccando e necessitano di annaffiature fino a quando non sono di nuovo verdi.

Tenendo presente questo, l’orchidea farfalla deve essere trapiantata solo quando è diventata troppo grande per il suo contenitore o quando è stata attaccata da un fungo o da un batterio che deve essere eradicato dal substrato.

Quando si trapianta un’orchidea Phalaenopsis, bisogna tenere presente che va fatto sempre durante il periodo di riposo vegetativo, nei mesi freddi, ed è necessario utilizzare un substrato specifico per orchidee. Inoltre, nelle settimane immediatamente successive al trapianto è opportuno evitare le concimazioni e misurare molto bene i rischi per evitare gli eccessi, oltre a tenerlo al riparo da luci molto intense.

In questo altro articolo di EcologíaVerde spieghiamo più in dettaglio quando e come trapiantare un’orchidea. Inoltre, di seguito potete vedere due video del nostro canale YouTube sulla cura di questa pianta e sugli errori più comuni nella cura delle orchidee.

Se desideri leggere altri articoli simili a Orchidea Phalaenopsis: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.