Suggerimenti

Concime per orchidee: come farlo

Le orchidee sono una famiglia di piante molto apprezzate nel giardinaggio per i loro bellissimi fiori, anche se hanno la sfortunata reputazione di essere piante molto difficili da curare. Anche se è vero che alcuni membri di questa famiglia richiedono cure molto specifiche, la maggior parte delle orchidee che puoi acquistare nei negozi specializzati sono piante che richiedono livelli di cura abbastanza elementari. Ma anche in questi casi il fertilizzante è un punto chiave in quasi tutti. Queste piante necessitano di un concime adatto e correttamente applicato per svilupparsi bene e sopravvivere a lungo.

Se vuoi imparare a fare il compost per le orchidee fatte in casa, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Tipo di fertilizzante per orchidee: com’è?

I fertilizzanti per orchidee cercano di fornire alla pianta tutti gli elementi chimici che troverebbe nel suo habitat naturale ma che, invece, non sono presenti in un comune substrato per piante o nel terreno di un giardino.

I più importanti sono azoto, fosforo e potassio, elementi vitali per la formazione delle strutture e dei tessuti vegetali. Anche calcio, magnesio e zolfo sono molto importanti. Tutti questi elementi devono essere presenti nel concime per orchidee, anche se sempre in quantità adeguate, poiché un eccesso di essi può essere dannoso quanto la loro assenza.

Come fare il fertilizzante per orchidee fatte in casa e naturali

Puoi risparmiare un sacco di soldi sul fertilizzante chimico, mentre riutilizzi, se approfitti di alcuni dei prodotti di scarto che vengono generati in casa per fornire alcuni nutrienti extra alle tue orchidee. Questi sono alcuni dei migliori prodotti fatti in casa che ti consigliamo se vuoi imparare a fare il compost naturale e fatto in casa per le orchidee.

gusci d’uovo

I gusci vuoti delle uova che usi possono essere una ricca scorta di calcio che le tue orchidee apprezzeranno sicuramente. Per sfruttarli è necessario lavarli completamente e lasciarli asciugare per una notte.

Quindi, aiutandovi con un mortaio, schiacciate i gusci fino a quando non saranno finemente schiacciati, in una consistenza in polvere. Cospargete i gusci d’uovo sul substrato e l’acqua stessa sarà quella che farà penetrare la polvere nel substrato quando innaffiate.

acqua di cottura

Puoi usare l’ acqua di cottura delle patate o del riso per fornire calcio, potassio e vitamina B extra alle tue piante, ma solo se le hai cucinate senza sale. È fondamentale prestare molta attenzione a questo punto, perché non importa quanto poco sale hai usato in cucina, se ne prendi un po’ e lo usi con le tue orchidee le danneggerai gravemente e potresti persino ucciderle. Conservare l’acqua di cottura delle patate e del riso solo quando li avrete cotti senza aggiunta di sale e annaffiarli ogni due settimane con essa.

Latte di mucca

Il calcio può essere fornito alle orchidee anche attraverso il latte di mucca. Se il latte viene diluito in acqua, con il 20% di latte e l’80% di acqua, le orchidee possono essere annaffiate con esso ogni 15 giorni.

sali di Epsom

Un cucchiaino di questi sali diluito in 2 litri di acqua fornisce alla pianta un magnesio in più che apprezzerà. Si possono annaffiare ogni 15 giorni, anche se è necessario che i sali utilizzati non contengano agenti aromatizzanti.

bustine di tè usate

Bustine di tè verde o altri tipi di tè, idealmente biologici, che sono già stati utilizzati negli infusi possono essere essiccati per dare alla tua orchidea, o ad altre piante, nutrienti aggiuntivi. Una volta asciutto, apri il sacchetto e stendi i suoi resti attorno alla base della pianta. Questa forma di abbonamento può essere applicata una volta al mese.

Quando e come usare il fertilizzante per orchidee

Le orchidee sono piante alquanto delicate per quanto riguarda l’apporto di nutrienti. Un eccesso di alcuni nutrienti sarà dannoso per la pianta quanto la loro carenza, quindi è necessario prestare particolare attenzione per rispettare i periodi di concimazione qui specificati.

Quando si tratta di fertilizzanti liquidi, è sufficiente incorporarli nell’acqua di irrigazione della pianta. Con i fertilizzanti solidi, invece, la cosa più semplice è spargerli sopra il substrato e lasciare che l’acqua di irrigazione stessa penetri negli elementi fino alla profondità delle radici. Inoltre, è meglio non utilizzare più di due degli input di cui sopra alla volta. Se vedi che la tua orchidea sembra seccarsi o indebolirsi, lava il vaso per rimuovere gli elementi accumulati e riduci la dose di fertilizzante.

Ora che sai come fare il compost per orchidee, ti consigliamo anche di imparare qui Come realizzare un substrato per orchidee.

Se desideri leggere altri articoli simili a Fertilizzante per orchidee: come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.