Suggerimenti

Come piantare le orchidee

Le orchidee sono un’intera famiglia di piante che ha al suo attivo più di 25.000 specie. Si tratta di fiori dalla forma molto caratteristica, che possono essere di un gran numero di colori e che sono sempre più apprezzati come fiori regalo. Attualmente sono diffusi praticamente in tutto il mondo, ma sono particolarmente importanti in India, Madagascar, Cina e Himalaya.

Se vuoi imparare a piantare queste bellissime piante con fiori spettacolari, continua a leggerci in questo articolo di EcologíaVerde in cui ti mostriamo una guida pratica su come piantare orchidee con passaggi e consigli vari.

Vasi per orchidee: quale scegliere

La stragrande maggioranza delle orchidee sono piante epifite. Ciò significa che si tratta di specie che nel loro habitat naturale vivono ancorandosi su alberi o rocce invece di essere sepolte. Pertanto, se seppellisci la tua orchidea in un vaso con terra come di consueto per le altre piante, molto probabilmente finirai per uccidere la pianta a causa della putrefazione delle sue radici, che è meglio se sono più ventilate.

Pertanto, la scelta del vaso è molto importante nel caso delle orchidee, poiché esistono vari tipi di contenitori oltre ai tradizionali vasi di terracotta e che sono particolarmente indicati per queste piante. La cosa normale con le orchidee sarà usare contenitori piccoli, anche se ci sono delle eccezioni, come il caso delle orchidee Cymbidium, che necessitano di vasi più grandi in cui si inserisce il loro grande apparato radicale. Questi sono i vasi per orchidee più consigliati:

  • Vasi in plastica trasparente: sono i più adatti sia per le orchidee che effettuano la fotosintesi attraverso le radici, sia per quelle le cui radici ci dicono quando la pianta ha bisogno di annaffiare, poiché ci permettono di vedere il suo apparato radicale senza la necessità di manipolare la pianta.
  • Vasi in rete metallica: permettono alle radici di respirare di più, e il loro design li rende facili da appendere in alto, sia per scopi estetici che per posizionare la pianta in punti dove riceve più luce solare.
  • Vasi in legno: sono realizzati con un particolare tipo di legno resistente alla putrefazione. Il suo design lascia anche piccoli fori, che aiutano a migliorare sia la respirazione dell’apparato radicale che il drenaggio del contenitore. Si consiglia di coprire le pareti interne con uno strato di muschio prima di aggiungere il supporto.

Naturalmente si può ricorrere anche ai tradizionali vasi in ceramica o vasi specifici per orchidee che si vendono nei negozi specializzati.

Substrato per orchidee: che è meglio

Esistono tre tipi principali di substrati per orchidee che possono essere realizzati a seconda della specie specifica di orchidea. Tutti coincidono nella loro assenza di terreno, che non giova alle radici di queste piante. Abbiamo scelto miscele composte da una parte di perlite, una parte di carbone di qualità media e quattro parti di buccia di cocco a grana fine, media o grossa o fibra o corteccia di abete.

  • Miscela grossolana: questo substrato è particolarmente consigliato per Cymbidium e altre specie di grandi dimensioni.
  • Mix medio – Consigliato per le specie Cattleya e Phalaenopsis, tra le altre.
  • Impasto fine: è uno dei più utilizzati per Oncidium, Paphiopedilum, Oncidiinae e praticamente tutti quelli che richiedono livelli di umidità più elevati a causa delle loro piccole radici.

In questo altro post di EcologíaVerde puoi trovare una guida su Come realizzare un substrato per orchidee.

Come piantare le orchidee passo dopo passo

Per trapiantare o piantare un’orchidea, segui questi passaggi:

  1. Pulisci la pianta dai detriti: rimuovi qualsiasi residuo di terra o muschio dalla tua orchidea prima di piantarla nella sua nuova posizione.
  2. Elimina le radici cattive: alcune radici potrebbero essersi annerite o avvizzite. Tagliarli con uno strumento adeguatamente disinfettato in modo che la pianta non perda energia in quella parte in cattive condizioni.
  3. Metti l’orchidea nel contenitore: poi riempilo con la miscela di uno dei tre substrati sopra descritti, a seconda del tipo specifico di orchidea.
  4. Dagli un luogo adatto: le orchidee hanno bisogno di una buona scorta di luce e si trovano in un’area in cui circola l’aria, quindi assicurati di posizionare il tuo nuovo contenitore in un luogo adatto. È preferibile che ricevano la luce indirettamente, anche se in abbondanza.

Come piantare orchidee su un tronco o un albero – passaggi

Piantare orchidee sul tronco di un albero che le sostiene è molto semplice. Segui queste istruzioni e vedrai che non è complicato.

  1. Preparare dei ritagli di rete: questi saranno incaricati di mantenere la pianta fissata al supporto fino a quando le sue radici non prenderanno piede.
  2. Riempi le tasche con del substrato: in questo modo l’orchidea avrà una fonte di cibo fino a quando non sarà ben radicata.
  3. Fissate l’orchidea al tronco con la rete con substrato: nel tempo, le radici dell’orchidea si aggrapperanno da sole al suo tronco portante e potrete rimuovere la rete senza alcun pericolo.

Qui troverai alcuni suggerimenti per coltivare orchidee sugli alberi.

Quando trapiantare le orchidee

Le orchidee vanno trapiantate ogni 2 o 3 anni circa, ma la pianta ci dà dei segnali quando necessita di un cambio di contenitore. Se le radici stanno morendo per mancanza di spazio, la pianta è troppo grande per il suo vaso o le foglie più vicine al substrato si sono seccate o appassite, significa che l’orchidea ha bisogno di un trapianto.

In questo altro articolo puoi saperne di più su quando e come trapiantare un’orchidea.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come piantare le orchidee, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.