Suggerimenti

Parti della pianta: [radice, fusto, foglie, fiori e frutti]

In questo articolo imparerai quali sono le diverse parti di una pianta e quali funzioni hanno nello sviluppo di questi meravigliosi esseri viventi.

Una pianta è un essere vivente che appartiene al regno vegetale e ha una composizione e una struttura organica. La loro origine si trova oltre i 500 milioni di anni e furono i primi esseri viventi a colonizzare l’ambiente terrestre.

Le piante crescono in quasi tutte le parti del mondo, alcune sono così piccole da poter essere viste solo al microscopio, altre alte come pini che si vedono da lontano.

Diverse specie di piante crescono non solo a livello del suolo in terreni ben irrigati, ma anche in oceani, fiumi, laghi e paludi; nei deserti, sulle rocce, sui rami degli alberi e su pezzi di legno marcio, tra gli altri.

Alcune piante mangiano insetti e altre rubano il cibo ai vicini; A differenza di tutti gli esseri viventi, le piante trascorrono tutta la loro vita in silenzio e in un unico luogo.

Tutte le piante nella loro condizione di esseri viventi producono la propria materia organica attraverso la fotosintesi, motivo per cui sono anche chiamate esseri autotrofi.

   

Dalla pianta più semplice alla più complessa, hanno la seguente struttura: radice, fusto, foglie, fiori e frutti.

Radice

Costituisce l’organo della pianta che cresce in senso opposto al fusto, sostiene la pianta, assorbe acqua e sostanze nutritive dal terreno.

La struttura radicale è composta da un asse o radice principale da cui si staccano più assi laterali o radici secondarie, che presentano un gran numero di peli assorbenti.

A proteggere l’estremità della radice c’è un rigonfiamento chiamato cappuccio. E la parte della radice che separa il cappuccio dai peli assorbenti è la zona di crescita.

   

Funzioni radice

Le radici svolgono due funzioni principali: 1-. Fissare la pianta al terreno e 2 assimilare, tramite i suoi peli assorbenti, l’acqua ei sali minerali che andranno a costituire la linfa grezza.

Esistono tre tipi di radici in base alla loro forma

  • Radice assonomorfa . È uno che mostra una radice principale, da cui emergono diversi assi laterali o radici secondarie. È caratteristico di quello ebraico.
  • Radice fascicolata . In essa la radice principale non si distingue da quelle secondarie, poiché hanno lo stesso spessore e sono disposte come un ciuffo di peli, ad esempio la radice della cipolla .
  • Radice napiforme . È formato da una radice principale molto ispessita, nella quale si accumulano sostanze di riserva. Questo è il caso della radice di carota .

Attraverso una parte chiamata collo, la radice si unisce alla parte successiva della pianta: il fusto.

   

Stelo

È la struttura o asse principale della pianta grazie alla quale rimane eretta, sostiene i fiori e le foglie ed è un vaso comunicante delle foglie con la radice.

Nell’asse principale del fusto si distinguono i nodi dove emergono le foglie e i rami. Lo spazio tra due nodi è chiamato internodo.

I germogli sono i germogli del fusto che ne permettono lo sviluppo e questi possono essere terminali; che sono responsabili della crescita e della lunghezza del fusto e delle ascelle da cui crescono i rami.

Funzioni dello stelo

Lo stelo sostiene le foglie ei fiori in modo che; i primi possono svolgere la fotosintesi e, i secondi, assolvere al loro compito riproduttivo.

Funge anche da vaso conduttivo per le sostanze assorbite dalla radice (linfa grezza) che salgono attraverso il suo interno fino alle foglie, da dove i nutrienti prodotti nella fotosintesi (linfa lavorata) vengono distribuiti in tutta la pianta.

   

Tipi di gambo

Gli steli sono classificati secondo tre criteri:

  • Durata. Possono essere annuali, se crescono per un anno intero, e perenni , se crescono per due o più anni.
  • Consistenza. Sono erbacee se sono morbide e verdi, e legnose se sono rustiche e non verdi.
  • Disposizione rispetto al suolo. Possono essere aerei, acquatici o sotterranei.

Le aeree sono le più frequenti; la cosa normale è che siano erette, come quella di un pino o di una palma , ma possono anche essere rampicanti , come nel caso del fusto dell’edera .

Quelli acquatici si sviluppano sott’acqua, ad esempio quelli presentati dalle ninfee. Sotto terra crescono sottoterra e di solito sono spessi perché accumulano sostanze di riserva.

Fogli

Le foglie sono le estensioni laminari, solitamente verdi, che emergono dal tronco o dai rami.

Parti fogliari

  • La lama, o parte laminare della foglia.
  • Il raggio, che è la faccia superiore, e la faccia inferiore, invertono, che è solcata dai nervi, che sono i vasi attraverso i quali scorre la linfa grezza ed elaborata.
  • Il picciolo , l’angolo dove la foglia si unisce allo stelo.

È anche la struttura che assorbe la luce e funge da fabbrica alimentare della pianta; luogo della fotosintesi.

   

Funzioni del foglio

La fotosintesi avviene nelle foglie , un processo mediante il quale viene prodotta la materia organica che serve da cibo per la pianta. Le foglie regolano la quantità di acqua che raggiunge l’intera pianta attraverso la traspirazione, meccanismo per eliminare l’acqua sotto forma di vapore.

Questa perdita d’acqua avviene durante il giorno attraverso gli stomi, che sono fori che si trovano nella parte inferiore delle foglie.

Tipo di foglie

I diversi tipi di foglie sono classificati secondo le seguenti disposizioni:

Tipo di nervo

  • Uninervias : Se le foglie che hanno una sola vena, come quelle dei pini.
  • Pinnate: se presentano un nervo principale da cui partono altri nervi secondari;
  • Palmato:  Se da un punto del nervo principale escono altri secondari della stessa importanza, si parla di nervo palmato ;
  • Parallele : Se mostrano un fascio di nervi paralleli da un’estremità all’altra della foglia.

   

forma limbo

  • Semplice , quando il limbus è intero, cioè è formato da un solo pezzo, e
  • Composito , se la lama è divisa in pezzi chiamati volantini.

Bordo del limbo

  • Le foglie possono essere intere (bordo liscio),
  • seghettato, seghettato,
  • Smerlato (bordo a forma di onda),
  • Lobulato (bordo a forma di lobo, cioè con parti arrotondate e sporgenti),
  • split (bordo suddiviso in lobi di tipo irregolare),
  • Giochi, ecc.

   

fiori

Sono la struttura riproduttiva delle piante angiosperme. Questa parte è più appariscente nelle angiosperme che nelle gimnosperme.

I fiori sono composti da:

  • Sepali . Formano il calice, che protegge le parti interne del fiore.
  • petali Foglie generalmente colorate che attirano gli insetti per trasportare il polline. L’insieme dei petali forma la cosiddetta corolla.
  • Carpelli . Insieme di foglie saldate che si trovano all’interno del fiore. Formano l’organo riproduttivo femminile o pistillo.
  • Stami . Costituiscono l’organo riproduttivo
  • fiore maschio.

Frutta e semi

Le angiosperme si caratterizzano per il fatto di produrre frutti, organi dall’ovaio del fiore che possono contenere al loro interno uno o più semi , che una volta germinati danno origine a nuove piante.

Il frutto è l’ovaio maturo e sviluppato delle piante da fiore. La parete dell’ovaio si ispessisce man mano che diventa la parete del frutto e prende il nome di pericarpo, la cui funzione è quella di proteggere i semi.

Nelle piante gimnosperme e nelle piante senza fiori non ci sono veri frutti, sebbene alcune strutture riproduttive come le pigne siano comunemente prese per frutti.

I frutti si dividono principalmente in:

  • Carnoso: Quando la parte che circonda il seme è una massa succosa, come ad esempio pomodoro e pesca .
  • Secco : se il seme è circondato da una struttura più o meno indurita, come i semi di girasole o le noci.

I frutti sono responsabili della dispersione dei semi in modo che possano germogliare e svilupparsi. Affinché una nuova pianta si sviluppi e abbia origine, devono cadere in un luogo adatto:

   

Processo di dispersione dei semi

  • Per il sostentamento degli animali : ci sono frutti che servono come cibo per gli animali, ma i loro semi non vengono digeriti e passano attraverso il tubo digerente senza subire alterazioni. Successivamente, vengono espulsi con le feci in luoghi diversi, il che favorisce la loro dispersione.
  • Trasporto di animali: i frutti non commestibili aderiscono alla pelle degli animali mediante ganci di fissaggio e vengono quindi trasportati da un luogo all’altro.
  • Dal vento. Esistono altri tipi di frutti in cui il calice si trasforma in una serie di peli, il vilano o “girandola”, che ne favorisce la disseminazione da parte del vento. Anche i frutti alati come l’ acero e l’olmo sono trasportati dal vento .
  • Per altri supporti: In altri frutti come le noci di cocco, i semi hanno coperture che consentono loro di galleggiare e disperdersi nell’acqua.

Bibliografia e riferimenti

  • Fragoso, R; Luisier A., ​​​​(1971) Storia naturale, vita di animali e piante. Settima edizione, Instituto Gallach de Librería y Ediciones, SL Barcellona-Spagna.
  • Enciclopedia Le mie prime conoscenze su piante, serpenti e conservazione . (1961). Edizione spagnola del Dr. Frank Thompson. Editoriale Grolier Incorporated New York. Stampato in Messico.

Banca dati digitale

  • 10 piani . Materiale in PDF. Riprodotto da: www.jardinbotanico.uma.es ›storie› download ›quad PDF
  • Parti di piante e fiori . Materiale in PDF. Riprodotto da: https://www.blm.gov/or/resources/recreation/mcgregor/files/partes_de_plantas.pdf .
  • Duran Orta, Margherita . Organografia vegetale. Università statale Hidalgo. Materiale in PDF. Riprodotto da: https://www.uaeh.edu.mx/docencia/P_Presentaciones/prepa3/organografia_vegetal.pdf .
  • Silva Anahí, Biologia Vegetale. Pagina 1. ISFD – Scuola Normale Superiore – Insegnanti argentini. Materiale in PDF. Ristampato da: https://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:aix9ExbDWpQJ:https://red.infd.edu.ar/blog/wp-content/uploads/2014/11/SilvaLibro-digital-Bot % 25C3% 25A1nicapdf-1.pdf + & cd = 17 & hl = es-419 & ct = clnk & gl = ve & client = firefox-bd

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *