Suggerimenti

Rain Gardens: come sfruttare l’acqua piovana in giardino

I frutteti della pioggia sono aree depressive con colture che assorbono l’acqua dalle precipitazioni. Per fare ciò, devono essere posizionati strategicamente per catturare l’acqua di ruscellamento da tetti, strade e altre superfici impermeabili. Il terreno è riempito da uno specchio d’acqua di pochi centimetri, che permette a una parte significativa dell’acqua piovana di filtrare in strati più profondi, e può continuare il suo ciclo naturale, impedendole di raggiungere le fogne. In questo articolo ti darò alcuni consigli per creare il tuo giardino della pioggia.

Dove trovo il mio giardino della pioggia?

La posizione è uno degli aspetti più importanti, poiché dipenderà dal fatto che il giardino catturi o meno l’acqua piovana. In questo senso, devono essere posizionati in modo tale da catturare l’acqua proveniente da superfici impermeabili come scale, discese, tetti, ecc. quindi dovrai esaminare la trama per individuare queste aree.

Inoltre, dovresti assicurarti che il terreno dove andrai ad impiantarlo non sia troppo argilloso , poiché, in tal caso, tenderà ad allagarsi perché il suo tasso di infiltrazione è molto basso.

Per sapere se il tuo terreno è argilloso o no, devi prendere una manciata di terra, inumidirla e provare a fare una palla. Se la palla si sbriciola o non si riesce a farla, è un terreno con una percentuale di sabbia relativamente alta, quindi avrà una buona capacità di infiltrazione.

Al contrario, se la palla è appiccicosa, morbida e facile da lavorare, sarà un terreno argilloso, con tendenza alla pozzanghera, quindi sarebbe consigliabile mescolarlo con sabbia o incorporare il drenaggio.

Dove NON localizzare i giardini della pioggia

  • Su reti fognarie o fosse settiche. Distanzialo almeno 15 cm.
  • Su impianti poco profondi, servizi gas, luce, telefono, acqua…
  • In prossimità di pendii ripidi, poiché l’acqua può causare frane.
  • A meno di 3 m dalle fondamenta degli edifici circostanti.
  • Dove la falda acquifera è a 30 cm dal giardino delle piogge.
  • Aree in cui è presente uno strato impermeabile sotterraneo che impedisce le infiltrazioni.

Costruzione di giardini pluviali

Dimensioni e profondità

Le dimensioni del giardino pluviale sono determinate dalla superficie impermeabile totale da cui proviene l’acqua di ruscellamento, ed è normalmente fissata al 7-20% di questa. Questa sarebbe almeno l’area necessaria per raccogliere l’acqua piovana da quelle aree, ma puoi allargarla.

L’aiuola deve trovarsi tra 15 e 20 cm sotto il livello del suolo e il bordo di tale dislivello non deve presentare alcun tipo di ostacolo che impedisca il passaggio dell’acqua.

Emendamenti del suolo

Oltre ai dislivelli che dobbiamo creare per l’aiuola, si consiglia di rimuovere i successivi 30 cm di terreno per effettuare una serie di modifiche che contribuiscano a migliorare la struttura e le proprietà del terreno e consentano una crescita sana delle piante. È necessario prestare attenzione che il letto sia livellato in tutte le direzioni per evitare accumuli irregolari d’acqua.

Una volta livellato, devi incorporare uno strato di circa 8 cm di sabbia, un altro di 5 cm di compost o concime organico e un altro di 3 cm del tuo terriccio e mescolarlo il più uniformemente possibile, livellando poi il terreno. Se il terreno è adeguato e hai fatto un buon mix, non deve causare pozzanghere che influenzano lo sviluppo della coltura.

Ritenzione pendenza

Quando si scava la trincea si corre il rischio che le sponde si sfaldino. Per evitare ciò possiamo realizzare una struttura di contenimento con doghe in legno, materiali plastici o pietre.

Un’altra soluzione sarebbe quella di creare pendii con pendenze meno ripide dove seminare erba o altra vegetazione che aiuti a sostenere i fianchi, aumentando così la biodiversità del frutteto e la sua ricchezza ecologica. Possiamo sfruttarlo per piantare specie che possono fungere da serbatoio per nemici naturali o impollinatori, contribuendo al mantenimento dell’equilibrio ecologico nella coltura.

Selezione delle colture

Un rain garden ben costruito non differisce da uno convenzionale, quindi, come sempre quando si sta per realizzare una coltura o un giardino, bisogna tenere conto delle condizioni ambientali della zona quali temperature, umidità relativa, insolazione, periodo dell’anno, il tipo di terreno, ecc. Da lì, hai una vasta gamma di colture tra cui scegliere . Naturalmente, è necessario eseguirne una corretta manutenzione e integrarla con l’ irrigazione nei periodi di scarse precipitazioni.

Come puoi vedere, la riduzione e la sostituzione dei paesaggi naturali con le città modifica la dinamica dell’acqua e la sua composizione . L’integrazione di frutteti e giardini pluviali può contribuire in modo significativo a ridurre il deflusso delle acque piovane, proteggendo la qualità dell’acqua e aiutandola a seguire il suo ciclo naturale. Quindi abbi il coraggio di allestire il tuo giardino della pioggia a casa!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.