Suggerimenti

Cura della pianta Elaeagnus × ebbingei o Eleagno

Nella famiglia Elaeagnaceae è integrato il genere Elaeagnus , formato da quasi 100 specie di arbusti e piccoli alberi originari, nella loro immensa maggioranza, dell’Asia. Alcune specie sono : Elaeagnus × ebbingei (ibrido), Elaeagnus × reflexa (ibrido), Elaeagnus pungens, Elaeagnus angustifolia, Elaeagnus oxycarpa, Elaeagnus glabra, Elaeagnus commutata.

Si tratta di un ibrido tra la specie Elaeagnus macrophylla ed Elaeagnus pungens ed è comunemente chiamato Eleagno.

Si tratta di arbusti sempreverdi a crescita rapida che possono raggiungere i 3-5 metri di altezza. Le loro foglie hanno un bordo ondulato, sono dure, di forma ellittica e di colore verde grigiastro o un po’ argenteo. Producono fiori bianchi aromatici molto piccoli e poco decorativi . Fioriscono in autunno. I frutti rossi o arancioni sono commestibili e ornamentali.

Vengono utilizzati per formare barriere antivento, siepi, bordure o come singoli esemplari. Sono ideali per i giardini sul mare o per le piantagioni di alberi da frutto perché migliorano la qualità del suolo.

Eleagne vive bene nelle esposizioni di pieno sole, mezza ombra o ombra (sottobosco). Hanno una buona resistenza al freddo e al gelo (fino a -18°C).

Possono vivere in qualsiasi tipo di suolo , anche in terreni sabbiosi, argillosi o poveri. La piantagione deve essere effettuata in primavera mettendo le piante a circa 40-50 cm di distanza l’una dall’altra.

L’acqua attende regolarmente che il terreno si asciughi prima di annaffiare; può resistere abbastanza bene alla siccità.

Non è richiesto alcun abbonamento speciale .

È consigliabile tagliarli all’inizio della primavera per dar loro un’abitudine più compatta.

Generalmente non presentano problemi con i soliti parassiti e malattie del giardino .

Essi si propagano da talee effettuate in estate o all’inizio dell’autunno.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.