Suggerimenti

Cura della pianta Elaeagnus angustifolia o Albero del Paradiso

Il suo nome Elaeagnus deriva dalla parola greca “elaia”, che significa olivo, per la sua somiglianza con quest’altro albero. È originaria dell’Asia. Altre specie del genere sono : Elaeagnus conmutata, Elaeagnus triflora, Elaeagnus umbellata, Elaeagnus multiflora.

Viene comunemente chiamato Paradiso, Albero del Paradiso, Ulivo di Boemia, Ulivo del Paradiso, Panjil o Panji.

L’Albero del Paradiso può raggiungere un’altezza di 10 metri e ha rami irregolari e un porto aperto. Ha spine sui suoi rami sottili e le foglie hanno l’intero bordo, sono alternate e a forma di lancia. Il colore del fogliame è verde-argento a causa dei peli sulle foglie. Possono essere decidui o perenni, a seconda del clima.

I fiori non sono particolarmente attraenti per la loro forma o il loro colore (giallo) ma per l’aroma che emanano durante i primi mesi dell’estate. I loro frutti commestibili sembrano olive rosse e gialle.

Sono utilizzati nei giardini per formare gruppi o isolati e nelle passeggiate e nei viali. È un albero ideale per i giardini sul mare, in quanto tollera bene la salinità.

L’olivo boemo ha bisogno di essere esposto in pieno sole o all’ombra. Può resistere al freddo e ad alcune gelate, purché non siano abituali.

Può crescere in qualsiasi tipo di terreno, anche se è ideale un terreno fresco e sciolto.

L’irrigazione sarà moderata, aumentando un po’ in estate, anche se è resistente alla siccità.

Non sono necessari potature o abbonati speciali .

L’albero del paradiso è facile da coltivare ma può essere attaccato da afidi .

È possibile moltiplicarsi per talee effettuate in inverno o per semi seminati all’inizio della primavera.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *