Suggerimenti

Praticare rotazioni colturali e associazioni nell’orto biologico

Gli autori che difendono la coltivazione ecologica e sostenibile, come Claude Aubert da cui raccogliamo le loro opinioni su rotazioni colturali e associazioni , si impegnano in queste pratiche per coltivare senza utilizzare prodotti chimici o trattamenti tossici negli ortaggi, mantenendo e fornendo nutrienti che favoriscono la fertilità naturale del suolo, e spostarsi verso la policoltura invece che verso le monocolture, tra alcuni motivi.

.

Rotazione e alternanza

La rotazione è la successione delle colture all’interno dello stesso appezzamento. L’alternanza è la divisione del terreno coltivato in appezzamenti ciascuno dedicato ad una diversa coltura della rotazione.

Il principio fondamentale è molto semplice: alterneremo colture che hanno diversi tipi di vegetazione, apparati radicali ed esigenze nutrizionali. Le radici delle varie piante che si susseguiranno potranno esplorare tutti gli strati della terra e utilizzare tutti gli elementi che contengono in proporzioni equilibrate.

In pratica, cercheremo di rispettare le seguenti regole:

– Faremo in modo che si susseguono piante con diversi tipi di vegetazione :

  • Verdure a foglia verde : bietola, cicoria, aglio, sedano, cardo, cipolla, cavolo cappuccio, dente di leone, spinaci, finocchio, lattuga, porro e valeriana.
  • Ortaggi a radice e tubero : topinambur, sedano rapa, pastinaca, rapa, patata, ravanello, barbabietola, scorzonera e carote.
  • Ortaggi da frutta : melanzane, zucca, melone, cetriolo, peperone, anguria e pomodoro.
  • Legumi : piselli, fave, fagioli, lenticchie, piselli e ceci.

– Eviteremo che si succedano due piante di diverso tipo vegetativo ma che appartengano alla stessa famiglia botanica , ad esempio:

  • Bietola, spinaci e barbabietola rossa (famiglia delle Chenopodiaceae)
  • Sedano e carota (famiglia delle Ombrellifere)
  • Cicoria, tarassaco, lattuga e scorzonera (famiglia composta)
  • Patate e pomodori (famiglia belladonna)

Verrà introdotto regolarmente, se possibile ogni due anni, un legume che arricchirà il terreno di azoto , sia per il consumo (pisello, fava, fagiolo, lenticchia, cece, ecc.) sia come sovescio (pisello da foraggio, trifoglio, cavoli, ecc.).

Alterneremo colture esigenti , che richiedono abbondanti concimazioni organiche, a colture meno esigenti che prediligono una moderata concimazione organica.

  • Le piante esigenti, che necessitano di un forte compost e supportano materia organica parzialmente composta, come il compost giovane e persino un po’ di letame fresco, sono il sedano, la zucca, il cavolo, gli asparagi, il mais, la patata, il cetriolo e il porro.
  • Le piante meno esigenti, che prediligono un moderato concime organico a base di compost molto decomposto, sono bietola, cicoria, cipolla, tarassaco, indivia, spinacio, pisello, fagiolo, lattuga, lenticchia, ravanello, barbabietola, carota e la maggior parte delle piante aromatiche.
.

L’associazione delle colture

Associare le piante per aiutarsi a vicenda è sempre stata una pratica nota. L’ agricoltura biologica si sforza di recuperare le conoscenze tradizionali sulle associazioni vegetali.

Associare le piante tra loro ha molteplici vantaggi:

– Terra, spazio e acqua sono sempre meglio utilizzati nelle colture associate che nelle monocolture, in quanto alcune piante crescono alte, mentre altre coprono il terreno, alcune hanno radici che affondano in profondità, mentre altre mandano le radici in orizzontale, le piante colpite dal sole ne approfittano dell’ombra di chi la cerca, insomma, non si spreca nulla, né l’energia solare, né la terra, né l’acqua.

– I rischi di cattivi raccolti sono ridotti al minimo, poiché se una delle specie in associazione cresce male perché l’annata è sfavorevole, le altre si svilupperanno meglio e si otterrà sempre il miglior raccolto possibile tenendo conto del clima del anno.

– Gli attacchi dei parassiti sono quasi sempre più deboli nelle colture associate che nelle monocolture.

– C’è meno invasione di erbe avventizie poiché il terreno è completamente occupato molto rapidamente

– In alcune associazioni le piante esercitano un’azione reciprocamente vantaggiosa.

– La resa è sempre maggiore in una coltura associata: gli incrementi di resa sono spesso dell’ordine del 50% e possono raggiungere il 100% o addirittura superarlo.

Dovrebbe essere testato e studiato nel giardino stesso, poiché un’associazione può essere molto buona in una regione, ma non avere interesse in un’altra.

Ecco alcuni suggerimenti per possibili associazioni . Sta a ciascuno provarli e scoprirne di nuovi.

L’associazione di graminacee e leguminose . È praticato dagli agricoltori di tutti i paesi e i suoi effetti benefici sono riconosciuti. Sappiamo che le radici dei legumi secernono aminoacidi che possono essere assorbiti direttamente dalle radici delle graminacee associate. Graminacee (cereali) e legumi sono le due colture più importanti per il consumo umano, quindi non sorprende che troviamo questa associazione ovunque. Questa associazione ha più applicazioni di quanto sembri:

  • La prateria o il frutteto-prato, e anche certi prati rustici, sono associazioni di graminacee (loglio, festuca, fleolo, dattilo, ecc.) e leguminose (trifoglio, luppolina, lupinella, erba medica, veccia, ecc.)
  • Alcune miscele di sovescio, tra le quali le migliori, combinano graminacee (segale, avena, loglio) e leguminose (veccia, pisello, fava, trifoglio)
  • Tra le colture orticole, l’esempio più classico è l’associazione di mais e fagioli che gli indiani d’America praticano da millenni. Il mais può essere usato come tutore per i fagioli enrame, in attesa di essere piantato fino a quando il mais è alto circa otto pollici. Gli indiani aggiungevano spesso una terza pianta, la zucca o zucca, che occupa il terreno orizzontalmente tra i piedi del mais e dei fagioli, e beneficia alquanto dell’ombra. Questa associazione dà ottimi risultati.

L’associazione di ortaggi a crescita rapida ea crescita lenta . È ovvio utilizzare la superficie nel miglior modo possibile e produrre la stessa con una superficie molto più piccola. Vediamo alcuni esempi:

  • Carote con lattuga e ravanelli . È molto classico seminare in primavera un misto di semi di carota, ravanello e lattuga. I ravanelli vengono raccolti per primi, seguiti dalle lattughe, lasciando spazio alle carote. Un altro modo è seminare tre file di ravanelli o lattuga tra ogni due file di carote su un appezzamento largo 1,20.
  • Cavoli e lattughe . I cavoli vengono messi a dimora con la loro normale spaziatura, quindi piantiamo una fila di lattughe ogni due file di cavoli e, all’interno delle file di cavoli, una lattuga ogni due cavoli.
  • Carote e rape . Le seminiamo a file alterne, le rape vengono raccolte prima che le carote abbiano raggiunto il loro pieno sviluppo.

– Alcuni altri esempi di associazioni di colture sono:

  • Fagiolo di enrame e cetriolo . Pianteremo due file di fagioli enrame in ogni appezzamento, a 80 cm di distanza, pianteremo una fila di cetrioli tra le due file di fagioli.
  • Pastinaca o scorzonera e indivia riccia o cicoria seminate a file alterne. La pastinaca e la scorzonera hanno radici fittizie, mentre l’indivia e la cicoria riccia hanno un apparato radicale poco profondo.
  • Porro di carota . Questa associazione è considerata efficace nel respingere sia la carota che la mosca del porro. I risultati sono incoerenti: ottimi in alcuni frutteti, deludenti in altri. Con le carote precoci, tre file saranno piantate a 40 cm l’una dall’altra in un appezzamento largo 1,20 m, con una fila di ravanelli ogni due file di carote. I porri verranno piantati al posto dei ravanelli quando i ravanelli saranno stati raccolti. Con le carote invernali alterneremo, in ogni appezzamento di 1,20 m, due file di carote e due file di porri.
  • Carota e cipolla . Alternando semineremo tre file di cipolle e due file di carote, o viceversa, distanziando le file di 25 cm.
  • Sedano rapa e cavolfiore . Piantiamo una fila di cavolfiori al centro di un appezzamento largo 1,20 e una fila di sedano rapa su ogni lato, a 40 cm dalla fila di cavolfiori.
  • Legumi e altre famiglie . I legumi da giardino, come piselli, fave, fagioli o lenticchie, si associano bene, non solo alle erbe, ma alla maggior parte delle verdure. Particolarmente benefica è l’associazione di piselli (o piselli), fave o fave, con cavoli o carote a file alterne.
  • Pomodoro e cipolla . Piantiamo in primavera, fine febbraio o inizio marzo, un filare di cipolle al centro del lotto di 1,20 m destinato a ricevere i pomodori, questi ultimi vengono piantati alla consueta distanza in fila su ogni lato del fila di cipolle. , a 35 o 40 cm da queste.
  • Spinaci primavera con porro o sedano rapa . Gli spinaci vengono seminati in file distanti 40 cm. Porri o sedano rapa vengono piantati in fila tra ogni fila di spinaci.
  • Cipolla e fragola . A file alterne

Logicamente, questo elenco non è limitativo, ma si possono fare molte altre combinazioni e associazioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.