Suggerimenti

9 errori comuni del giardiniere principiante

Normalmente iniziamo tutti a fare gli stessi errori quando vogliamo coltivare il nostro cibo biologico in un orto (in campagna o in città). Abbiamo voluto raccogliere alcuni esempi di questi errori più comuni in modo che tu possa evitare di commetterli e andare avanti molto più velocemente nella tua avventura di giardinaggio.

Errori comuni del giardiniere principiante

Usa semi ibridi invece di semi biologici

Hai comprato dei semi, li semini, le piante crescono, portano frutto e togli i semi per poterli coltivare la prossima stagione. Dimenticare. I semi ibridi non ti permettono di ottenere semi fertili dalle piante, cioè non germoglieranno mai e ogni anno dovrai acquistare nuovamente i semi.

Assicurati sempre di utilizzare semi biologici e autoctoni in modo da poter creare la tua banca di semi in cui conservarli per seminare in altre stagioni e quindi non devi acquistare più semi. Questo ti permetterà di scambiare semi con altri giardinieri e coltivare altre varietà di piante e così potrai aumentare la biodiversità del tuo giardino.

Non migliorare il terreno di coltivazione

Non possiamo dimenticare che la terra è un organismo vivente ed è in continua evoluzione. Acqua piovana, irrigazione eccessiva, ecc. possono causare fluttuazioni delle condizioni del suolo perché possono lavare via i nutrienti ed erodere il suolo. Alcune delle verdure che coltiviamo hanno bisogno di più nutrienti di altre

È importante controllare il pH del terreno prima della semina, ma va controllato anche durante la stagione di semina principale e con il passare del tempo perché può cambiare. Compost e lombrichi hanno un effetto regolatore sul terreno e lo mantengono stabile.

Pianta piante che hanno bisogno di pieno sole all’ombra

Molte volte per ignoranza mettiamo le piante nel posto sbagliato e chiaro, poi sorgono problemi durante la loro crescita. Se piantiamo una pianta di pomodoro in una zona ombreggiata, limiteremo molto la sua crescita e la quantità e qualità dei frutti che ci darà.

La maggior parte delle piante, sia orticole che ornamentali, hanno bisogno del sole durante la loro crescita ed è così che possiamo ottenere il massimo da esse. Se nel tuo caso hai solo spazio con mezz’ombra per creare il tuo orto biologico, non preoccuparti, ci sono piante che possiamo coltivare in mezz’ombra .

Irrigazione superficiale

Le annaffiature poco profonde sono l’altro estremo dell’eccesso di acqua. Molte volte si innaffia la parte aerea, ma ciò nonostante le radici ottengono pochissima acqua, e ricordiamo che le piante “bevono” l’acqua attraverso le loro radici. Un modo per vedere se le piante hanno bisogno di più acqua è che nel pomeriggio (soprattutto durante i mesi caldi) le foglie siano leggermente piegate verso il basso, ecco quando dovremmo annaffiare.

Inoltre, un’irrigazione insufficiente causa un mancato sviluppo delle radici e non possono crescere più in profondità nella terra. Per effettuare una buona irrigazione non è necessario aumentare la frequenza con cui si irriga, basta aumentare la quantità di acqua di irrigazione. L’irrigazione a goccia è una buona opzione perché ci aiuta a utilizzare l’acqua in modo sostenibile favorendo l’irrigazione profonda.

Acqua troppa

Molte volte l’entusiasmo di iniziare un orto ci porta ad essere molto generosi con l’acqua, troppo generosi. I semenzai o le piante necessitano di un’irrigazione costante ma poco in termini di quantità di acqua che forniamo ad ogni irrigazione. Ma una volta che i semi sono germogliati e la piantina è cresciuta, ha già sviluppato le radici, quindi bisogna spargere le annaffiature.

Le radici delle piante sono sensibili all’acqua in eccesso e se annaffiamo molto e il terreno non ha un buon drenaggio, rimarranno in acqua per gran parte del tempo e questo può far marcire le radici, annegare e non possono essere effettuata la respirazione.

Le piante che vengono continuamente innaffiate tendono ad essere più morbide, più sensibili e appassiscono più facilmente al sole.

Semina fuori stagione

Molte volte in un dato momento ci eccitiamo, iniziamo ad allestire il nostro giardino e non ci accorgiamo che le piante hanno il loro ciclo di vita a seconda delle stagioni, cioè non possiamo piantare nessuna pianta orticola in nessun periodo dell’anno.

Sicuramente, in molte occasioni, i semi vengono seminati e solo pochi (o nessuno) germinano, o le talee vengono tagliate e a malapena mettono radici e muoiono quando le piantiamo. Questo accade molte volte perché non è il periodo migliore dell’anno per farlo.

Per essere sempre molto chiaro su cosa piantare o seminare nel tuo orto biologico, controlla il calendario di semina per ottenere i migliori risultati.

Non preparare i semenzai

È molto tipico che, per ignoranza o per vaghezza, non prepariamo i semenzai e seminiamo direttamente nel terreno o nel vaso. Se le condizioni atmosferiche sono ottimali per la germinazione del seme, non succede nulla, ma questo è difficile. Nei semenzai i semi hanno maggiori probabilità di germinare perché possiamo controllare molto meglio la temperatura e l’umidità di cui hanno bisogno. Inoltre, a volte il terreno può essere troppo duro e questo rende difficile lo sviluppo delle piccole radici della piantina.

Preparare semenzai o piantine è semplice e un buon modo per iniziare il tuo giardino, non dimenticarli!

Pianta le stesse piante negli stessi siti ogni anno

Coltivare le stesse piante nello stesso punto in cui lo facevamo prima è molto comune. Fare questo è un grosso errore perché promuoveremo la proliferazione di parassiti e malattie allo stesso tempo impoveriremo il suolo e non saremo in grado di sfruttare i macro e micronutrienti che ha.

Per interrompere il ciclo degli insetti parassiti dobbiamo attuare la rotazione delle colture perché in questo modo non sono in grado di proliferare, poiché lo fanno solo in determinate piante specifiche e se ne piantiamo di diverse non potranno moltiplicarsi.

Unisciti ad altri giardinieri che stanno già godendo i loro orti biologici con l’aiuto del nostro libro “Orti urbani e aiuole” in cui troverai molte informazioni utili sull’orto biologico urbano, scaricalo ora!

Utilizzo di prodotti sintetici

Da quando abbiamo iniziato a creare il nostro giardino, è possibile che iniziamo a preparare i nostri fertilizzanti naturali , compost organico , repellenti per parassiti e malattie , miglioratori e altri rimedi ecologici che ci aiutano a migliorare le condizioni dei terreni agricoli e delle piante.

Il ricorso a prodotti artificiali creati da sostanze chimiche di sintesi danneggia il terreno di coltivazione e quindi le piante a medio e lungo termine. Non è necessario rivolgersi a loro quando abbiamo così tante opzioni da utilizzare e molte di queste opzioni possono essere gratuite o a un costo molto basso.

Inoltre, l’uso di prodotti artificiali può avere effetti molto dannosi sugli animali tanto importanti per il mantenimento della biodiversità orticola quanto gli impollinatori, comprese le api.

Migliorare la qualità e la fertilità del suolo per piante forti e buoni raccolti: go natural, che è stato usato “per tutta la vita” prima della ironicamente chiamata rivoluzione verde .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *