Suggerimenti

Parassiti e malattie delle peonie: [Rilevazione, cause e soluzioni]

Le peonie sono considerate un gruppo di piante arbustive che si caratterizzano per offrire una bella fioritura durante la primavera.

I petali dei suoi fiori delimitano un centro dalla forma eccezionale, che conferisce loro un alto livello di eleganza e delicatezza.

Grazie a queste eccezionali caratteristiche, fanno parte delle specie preferite per la decorazione, anche per la creazione di bouquet da sposa.

Hanno una preferenza per il temperato clima , ma non sono molto esigenti circa la loro cura e sono anche molto resistenti all’attacco di parassiti e malattie. In ogni caso, se un agente osa danneggiarli, è meglio essere preparati con tutte le informazioni che il caso merita.

botrite

La botrytis è una malattia comune in molti tipi di colture e nelle peonie la sua tendenza è orientata a tutte le parti della pianta.

In alcuni casi è noto come marciume grigio perché genera un progressivo marciume della pianta , interessando per primi i germogli più giovani .

Successivamente, viene generato uno strato grigio che può essere punteggiato con punti neri, facendo cadere così la parte interessata. 

Può attaccare in climi secchi o umidi, rendendo la pianta brutta e le gemme che non fioriscono correttamente.

Quando un processo è già stato fiorente, ciò che accade è che i petali dei fiori diventano marroni e poi si seccano. Il problema più grande è che si tratta di una malattia che attacca molto rapidamente e genera una notevole quantità di danni.

L’applicazione preventiva di fungicidi naturali aiuterà a prevenirne il verificarsi, oltre a controllare i livelli di umidità nell’ambiente. 

Un altro punto importante è assicurarsi che le concimazioni non siano occupate da un alto livello di azoto perché è anche una condizione che aiuta la sua comparsa.

Marciume radicale

È un’altra malattia in grado di porre fine alla vita utile delle peonie e che ha origine da una grande varietà di funghi.

I suoi effetti iniziano a farsi notare perché la fioritura è notevolmente ridotta , poiché gli effetti negativi sono orientati alla base della pianta: la radice.

Quello che succede, in sostanza, è che le radici tendono a perdere la loro consistenza soda per ammorbidirsi , lasciando il posto a marciume e successiva morte. Ovviamente si tratta di una malattia che si genera dal terreno, dove i rizomi sono infetti.

Quindi, è così importante applicare la disinfezione nelle aree da utilizzare per la semina e avanzare sempre con specie sane. Se una pianta malata con marciume radicale viene rimossa dal terreno, uno degli effetti che si nota ad occhio nudo è la comparsa di una macchia alla base.

Questo può essere bianco, rosa o grigio e ha origine nel fungo stesso, proiettando così le spore e il micelio. È anche importante notare che una pianta infetta non può in nessun caso essere utilizzata per la moltiplicazione.

viaggi

I tripidi potrebbero attaccare le peonie più frequentemente, ma non causeranno grossi problemi se rilevati in anticipo.

Il problema più complicato con i tripidi è che sono piccoli parassiti che sono appena percettibili all’occhio umano.

Tuttavia, quando sono molti, è possibile notarli perché sono neri e creano una piccola macchia sulla struttura. Il danno si produce principalmente sulla foglia poiché sono responsabili dell’assorbimento della linfa che scorre attraverso di esse.

Di conseguenza, le piante iniziano a subire un indebolimento generalizzato che si nota più chiaramente all’aumentare della quantità di tripidi. 

La buona notizia è che ha una soluzione e l’applicazione di un infuso di achillea o dente di leone potrebbe essere controllata efficacemente.

afidi

Gli afidi sono anche in grado di danneggiare le peonie e il segno principale che qualcosa non va è l’ arricciatura delle foglie .

Questi insetti si nutrono della linfa della pianta , come avviene nel caso dei tripidi , ma sono verdi. 

Inoltre è difficile vederli perché non esercitano alcun contrasto con la foglia e utilizzano il ricciolo della stessa come nascondiglio. Il più comune è trovarli nella parte più alta del cespuglio, localizzandoli con l’aiuto di una lente d’ingrandimento, ad esempio. 

Il consumo della linfa della pianta tende a far perdere alla pianta la sua caratteristica energia e questo la fa appassire. Se il numero di afidi che causano il danno è basso, la pulizia manuale delle foglie è una soluzione. 

In caso contrario, è meglio utilizzare il supporto di estratti vegetali, come l’ olio di neem .

Septoria

È una malattia fungina che genera macchie marroni sulle foglie e sugli steli della pianta di peonia. 

Queste macchie sono generalmente di forma rotonda, anche se in alcuni casi possono anche apparire allungate.

Una delle caratteristiche determinanti per riconoscere che è questa malattia e non un’altra con sintomi simili è che si producono bordi che variano tra il viola e il giallo.

Successivamente, questi bordi diventano grigi e il foglio si consuma. Con questo procedimento le foglie possono cadere velocemente o rimanere attaccate allo stelo per un lungo periodo.

Un altro dettaglio importante da evidenziare è che si tratta di una malattia che porta la pianta dalle foglie inferiori a quelle superiori. Va notato che i suoi effetti nocivi non corrispondono solo alla stagione primaverile, ma è anche in grado di colpire la pianta durante l’ inverno .

Come se non bastasse, i suoi effetti negativi si possono notare nella bassa fioritura dell’anno successivo. Per curarlo, è necessario applicare fungicidi approvati per questo tipo di fungo che possono ridurne la capacità di attaccare.

Una piantagione di peonie generalmente rimarrà sana quando le condizioni ambientali sono giuste. Quindi, è così importante prendersi cura di ogni minimo dettaglio.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.