Suggerimenti

Jade Care: [Terra, umidità, potatura e problemi]

Quali sono le caratteristiche della giada?

La giada, popolarmente conosciuta come la pianta del denaro, è una succulenta originaria del Mozambico che ha più di 1400 varietà.

Ma è stata la cultura cinese a venderlo in tutto il mondo come un sontuoso amuleto di abbondanza che può raggiungere anche un metro di altezza.

Ed è un prezioso dono di amicizia, di grande bellezza se coltivato sotto la magia del Bonsai.

Nell’antica arte del Feng Shui è una delle specie preferite.

La sua collocazione ad est della casa è consigliata per garantire armonia familiare, studi di successo e buona salute. E quando è necessario fare fortuna, chiudere buoni affari, quindi la pianta deve trovarsi nella regione sud-est della casa.

Ha, quindi, un posto d’onore in casa, perché la sua fama è associata alla fortuna e all’abbondanza, ma è anche riconosciuta come fonte di longevità, poiché vive molti, molti anni se gli si prodiga la giusta cura.

In origine era conosciuta come Crassula Ovata . Il suo nome si riferisce a proprietà come spessa o spessa, in associazione con la caratteristica principale delle sue foglie carnose di un sensazionale verde screziato.

E la fioritura è davvero molto delicata, perché i piccoli fiori a forma di stella compaiono solitamente in colori come il bianco e il rosa, a fine inverno e all’inizio della primavera .

Tra le varietà più famose abbiamo Hummel’s Sunset, portatrice di foglie con punte gialle e rosse. Oppure il Tricolor Jade, dai toni crema e bianco e l’ Et’s Fingers , con foglie dalle punte rosse e dalla forma tubolare.

Come tutti i tipi della famiglia delle piante grasse, qualsiasi sua varietà è molto autosufficiente, perché richiede davvero poche cure, ma va anche detto che è necessario prestare attenzione ad alcuni punti di interesse che ti porteranno benefici.

Che bisogni di terra ha la giada?

Predilige substrati porosi con grande potere filtrante. Gli piace molto mettere radici in terreni leggeri e sabbiosi. Un substrato per cactus e piante grasse è molto conveniente.

Idealmente, prepara una miscela di varietà di terreno. Ad esempio, è adatto a qualsiasi versione di Jade, sia in vaso, giardino o esemplare tipo Bonsai, per realizzare una miscela di parti uguali di terreno da giardino, perlite e sabbia grossolana, con un tocco strategico di ghiaia.

Quando lo hai in una pentola , è meglio cercarne uno fatto di argilla o fango, perché aiutano a drenare l’acqua più rapidamente dopo ogni giorno di irrigazione.

Come far crescere la giada forte e vigorosa?

Un elemento fondamentale che dona benessere a qualsiasi pianta succulenta come la giada, è una corretta annaffiatura.

Versare acqua in modo esagerato porterà a morte certa. Tieni sempre presente la sua grande capacità di immagazzinare acqua nelle sue foglie.

La chiave per annaffiare è farlo solo quando il substrato è completamente asciutto.

Quindi è necessario controllare il livello di umidità prima di applicare l’irrigazione, verificando con un gesto semplice come affondare il dito nella terra per sentire se c’è acqua.

L’irrigazione deve essere graduata, non si può applicare una dose eccessiva o grande, ma al contrario, piccola e distanziata.

Difficilmente va annaffiata due o tre volte in estate e una o due al massimo in inverno. Allo stesso modo, quando è nella pentola, devi lasciare che l’acqua filtri e scoli completamente verso il piatto e poi rimuoverla per evitare che insetti e funghi si annidino.

La luce è anche la chiave nella vita delle giade. Affinché crescano sane e forti, con foglie splendenti, verdissime e carnose, devono ricevere ogni giorno una buona quantità di luce solare. Ecco perché è preferibile averlo all’aperto o in un luogo della casa molto ben illuminato, vicino a una finestra, in un patio o in un terrazzo.

Basteranno 4 ore di luce solare diretta al giorno. L’ideale è anche lasciarli riposare. Quindi vale la pena metterli in mezz’ombra, perché l’eccessiva luce solare li asciuga.

Un altro fattore chiave è fertilizzare la pianta, sempre dopo aver ricevuto un’adeguata irrigazione, poiché se lo fai al contrario, l’acqua farà scorrere il compost e non è l’idea. Un fertilizzante favoloso per questa succulenta è l’ humus di lombrichi, vermi o qualsiasi altro fertilizzante organico.

Ci sono esperti che raccomandano l’uso del compost per le violette africane. Il momento migliore per fornire un buon compost o fertilizzante è la primavera e l’estate. Nessun riposo, perché in stato di latenza non ne vale la pena, bisogna farlo quando sono attivi, non nei periodi freddi.

Di quale umidità ha bisogno la giada?

L’elevata umidità colpisce qualsiasi varietà di piante succulente, proprio perché sono in grado di trattenere l’acqua nei loro steli e foglie.

Quindi l’eccesso li influenzerà tremendamente con effetti dannosi come il marciume derivante dalla comparsa di funghi e malattie fungine.

Un ambiente secco, o un sistema di riscaldamento in casa, sono ugualmente grandi nemici della salute delle giade. Per quanto riguarda la temperatura, l’intervallo ideale non può superare i 27ºC e la minima raggiunge i 5ºC.

Nemmeno il freddo invernale, la nevicata o il gelo gli vanno bene. La cosa migliore è averlo sempre a temperature comprese tra 10ºC e 15ºC. Anche se va notato che quando le temperature scendono di notte, compaiono i fiori di questa antica pianta .

Ma sì, può resistere al freddo del tardo autunno o dell’inizio dell’inverno, purché la temperatura non sia inferiore a 5ºC.

È necessario potare la giada?

La giada è un piccolo albero che merita una potatura regolare in modo che possa crescere in modo armonioso e compatto. Ma se non viene fatto poiché è piccolo, non è necessario potarlo in modo ricorrente.

Ciò che è estremamente importante è rimuovere le foglie o le parti malate e secche, soprattutto dopo la fioritura. Questo deve essere fatto con forbici da potatura precedentemente disinfettate. È necessario tagliare a una certa distanza dal tronco principale, perché non dovrebbe essere urtato.

Allo stesso modo, puoi prendere delle parti sane per moltiplicare la pianta con l’aiuto della tecnica di propagazione per talea , poiché si “cattura” rapidamente, sia da una foglia che da un ramoscello che metti a terra o in un vaso.

Quanto spesso dovremmo potare la giada?

Come già spiegato, la giada va potata a scopo decorativo e per rimuovere, di volta in volta, le parti secche, avvizzite o malate. Niente di più.

Come evitare parassiti e malattie della giada?

Sebbene l’ albero di giada tenda effettivamente a godere di un’ottima salute data la sua elevata resistenza, può essere colpito dall’attacco di acari, cocciniglie e funghi. Sono veramente suscettibili alle malattie fungine.

cocciniglie

Sono grandi inquilini del disastro, perché si nascondono sotto gli steli e le foglie. Devi controllare l’intera pianta e se si vedono questi insetti, allora devi applicare acqua con uno spray o rimuovere gli insetti usando un batuffolo di cotone imbevuto di alcool, o con l’aiuto di cotton fioc funziona anche.

I giorni di pulizia vanno ripetuti per eliminare eventuali parassiti a scaglie, ma se la pianta è diventata troppo infestata allora procedere ad effettuarne un taglio netto per sterminare il parassita. Esistono anche formule ecologiche molto efficaci come l’utilizzo dell’olio di Neem e l’applicazione del sapone di potassio.

Marciume radicale

È molto comune che si verifichi marciume radicale e dello stelo quando l’umidità del suolo è eccessiva. Ecco perché è estremamente importante lasciare asciugare il terreno tra ogni irrigazione. O le conseguenze saranno incontrollabili.

Un modo per salvare la pianta dal marciume è rimuoverla dal vaso o dall’area del giardino in cui è cresciuta, rimuovere tutte le parti danneggiate e riservare le talee meno danneggiate.

Se hanno delle ferite, vanno lasciate ad asciugare all’aperto e dopo che è guarita va messa in un nuovo vaso in substrati per cactus o piante grasse, portarla in un luogo con una buona illuminazione e quando spuntano nuove radici poi procedi ad innaffiarli con molta parsimonia. .

Funghi

Il più comune è il fungo dell’oidio , un potente nemico che attacca difficilmente in ambienti chiusi , ma sta molto attento nei luoghi aperti dove è custodita questa succulenta. È appropriata l’ applicazione tempestiva di un fungicida .

foglie ruvide

Quando le foglie diventano ruvide, opache e brutte è per mancanza d’acqua, si sono disidratate e necessitano urgentemente di acqua in maniera moderata ma con una certa costanza.

Foglie morbide

E se le foglie diventano morbide, gelatinose, allora indica che sono state colpite da un eccesso di acqua.

Foglie cadenti

Allo stesso modo, se le foglie di una giada iniziano a cadere, ciò indica che l’irrigazione non viene applicata correttamente. Le foglie cadono anche perché le radici si ammalano e non sono in grado di assorbire l’acqua dal terreno, quindi ingialliscono e cadono.

Forse ti interessano anche:
  • Potare una pianta di giada: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione di giada: [necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *