Suggerimenti

Come coltivare lo zenzero in casa

Lo zenzero è una pianta che sta diventando sempre più di moda in tutto il mondo, nonostante sia usata da molti secoli in Asia, per le sue molteplici proprietà salutari. Per questo motivo sempre più persone desiderano avere la propria pianta in casa, perché se hanno spazio è molto più facile sfruttare la radice della pianta e fare in modo che venga coltivata nel modo più naturale possibile.

Se vuoi sapere quali sono le condizioni per avere questa pianta in casa, non perdere questo articolo di EcologíaVerde in cui spieghiamo in dettaglio come coltivare lo zenzero in casa. Prendi nota di tutta la sua cura e goditi i suoi benefici ogni volta che ne hai bisogno.

Proprietà e usi dello zenzero

Come accennato all’inizio, la radice di questa pianta è ricca di benefici ed è quindi ampiamente utilizzata. Le principali proprietà dello zenzero per la salute sono che è una pianta antinfiammatoria, vasodilatatrice, digestiva, analgesica, antistaminica, antispasmodica, antitosse, antimicrobica, anticoagulante e molte altre, il tutto grazie principalmente agli shogaoel e ai gingeroli che contiene.

Gli usi principali dello zenzero per la salute sono prevenire e curare problemi respiratori, digestivi, circolatori, dolori in generale e avere più energia, tra molti altri usi. Insomma, è una pianta che se puoi avere in casa, è meglio che non perda l’occasione. Prendi nota della cura e della coltivazione della pianta di zenzero.

Se hai avuto l’idea di piantare in casa questa pianta medicinale per poterla utilizzare, ti potrebbe interessare anche conoscere I vantaggi di avere un giardino in casa.

Come ottenere il rizoma o la radice di zenzero con il germoglio da piantare

Se vuoi avere la pianta di zenzero nel tuo giardino, prendi nota della prima cosa che devi fare. Per prima cosa, prendi un buon pezzo di radice o rizoma di zenzero o lascialo per un po’ in un luogo con un po’ di umidità in modo che si generino i rizomi. Per fare questo, puoi mettere il pezzo di radice di zenzero o più pezzi in un bicchiere d’acqua per farlo assorbire per 3 o 4 ore, quindi rimuovere i pezzi, lasciarli rilasciare un po’ d’acqua su carta assorbente e poi riporli in un sacchetto.chiuso, se possibile con una cerniera lampo, e avvolgerlo con un panno. Dopo una settimana dovrebbero comparire i primi germogli sul pezzo di rizoma di zenzero.

Pertanto, il pezzo di zenzero prima di essere piantato dovrà avere delle radici più fini, come fili di diverso spessore, nonché piccole protuberanze o germogli verdi attraverso i quali la pianta inizia a estrarre lo stelo.

Come piantare lo zenzero a casa

Quando hai preparato questo pezzo di radice o rizoma con un germoglio, prendi nota di tutto ciò di cui avrai bisogno e dei passaggi da seguire per piantare lo zenzero in casa:

Materiali

  • 1 pezzo di radice di zenzero o rizoma.
  • 1 vaso profondo circa 40 cm e il più largo possibile o un grande appezzamento di terra.
  • 3 parti di terreno, se possibile ecologiche.
  • 1 parte di compost o humus di lombrico.

Passaggi per piantare lo zenzero

  1. Prepara il terreno o il vaso del giardino. Assicurati che abbia un drenaggio adeguato per evitare ristagni d’acqua e prepara il compost o l’humus e il terreno.
  2. Riempi il terreno o la pentola con 1 parte di compost o humus e 3 parti di terriccio organico.
  3. Preparate il pezzo di radice e, se avete molto spazio o più pentole, rompetelo in pezzi in modo da avere un germoglio in ogni pezzo e non di più. Non succede niente se ce ne sono più in un unico pezzo, ma se c’è spazio è meglio perché le piante cresceranno più facilmente e con più spazio.
  4. Per piantare lo zenzero non è necessario fare un buco e posizionare e coprire il pezzo, ma è molto meglio seppellirlo superficialmente. Per fare questo non vi resta che posizionare il rizoma in orizzontale e con cura e movimenti delicati affondarlo un po’ nel terreno misto, fino a quando non sarà più o meno interrato solo a metà e lasciando all’esterno i germogli o i germogli.
  5. Infine, innaffia un po’ il terreno senza toccare direttamente i rizomi, ma intorno ad essi, e puoi mettere il vaso dove vuoi, tenendo conto di quanto abbiamo da dire di seguito.

Ora che hai lo zenzero piantato in un vaso o nel tuo giardino, ti interesserà sapere che 3 o 4 mesi dopo che avrà iniziato a crescere, potrai raccogliere alcuni piccoli pezzi di radici per uso personale. Per fare questo, rimuovi un po’ il terreno da un bordo fino a trovare un rizoma e taglia la giusta quantità. Copri di nuovo bene il rizoma con il terreno e continuerà a crescere.

Posizione e temperatura per coltivare lo zenzero in casa

Per localizzare la pianta di zenzero a casa, dovrai prima essere chiaro se lo avrai all’aperto o al chiuso. Sarà sempre meglio averlo all’esterno, anche se si tratta di un terrazzino o balcone dove c’è un po’ d’ombra.

Quindi, una volta che sei riuscito a piantare lo zenzero, non posizionarlo in una zona di luce solare diretta, poiché molte ore di luce diretta e di calore non sono adatte a lui e possono danneggiare gravemente la pianta. È molto meglio posizionare lo zenzero in un luogo semi-ombreggiato.

La temperatura ottimale per coltivare lo zenzero in casa è che non superi tra i 20 ºC e i 21 ºC e che non sia mai inferiore a 10 ºC, poiché non resiste al caldo o al freddo intenso. Allo stesso modo, se hai la pianta in casa, posizionala vicino a una finestra o un balcone dove può raggiungerla molta luce, ma non il sole diretto e forte, ed evita di posizionare la pianta vicino a condizionatori d’aria o termosifoni.

Come annaffiare la pianta di zenzero

Infine, per quanto riguarda l’ irrigazione della pianta di zenzero in casa, vi consigliamo di utilizzare, soprattutto all’inizio dopo aver messo a dimora i rizomi, acqua mescolata con un po’ di humus di lombrico. Scopri qui i benefici dei lombrichi e saprai perché è bene che tu li abbia nel tuo giardino o frutteto, così come usi l’humus che producono per le tue piante in vaso.

È meglio annaffiare leggermente e frequentemente, vale a dire utilizzare poca acqua contemporaneamente ma annaffiare spesso, facendo attenzione che il terreno sia sempre umido ma mai impregnato d’acqua. Per innaffiare correttamente dovrai versare l’acqua, mescolata con humus o meno, attorno a ciascun rizoma per evitare di bagnarlo direttamente.

Se noti che il terreno si impregna d’acqua o che la pianta sembra soffrire di acqua in eccesso, se si ammala con un aspetto cadente e si scurisce, allora è meglio trapiantare la pianta di zenzero in un’area o in un vaso con nuovo terreno.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come coltivare lo zenzero in casa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.