Suggerimenti

Guida completa su come piantare i garofani [passo dopo passo + immagini]

Punti importanti per la semina dei garofani:
  • Quando? In estate e fino a metà autunno .
  • Dove? Richiede molta luce solare. Non sono fiori resistenti al gelo. La temperatura ottimale oscilla tra 20-24º C.
  • Come prepariamo il terreno? Il garofano predilige terreni sabbiosi e sciolti, porosi, fertili con buon drenaggio. Non tollera i terreni argillosi.
  • Come innaffiamo? Non è molto esigente con i rischi. Cerchiamo dinon inondare la terra . A giorni alterni in estate, a goccia .
  • Si semina per seme? Aiuole larghe 1 m e profonde 30-40 cm, separate da corridoi di 0,5 m.
  • Semina per taglio? Posizionare le talee da 10 a 15 cm, a una profondità di circa 3 cm
  • Piaghe e malattie? Afidi, tripidi , minatori fogliari, tortrice europea, ruggine e macchie fogliari.

   

Insieme alle rose, probabilmente lo sono  i fiori più popolari in tutto il mondo. 

Il garofano è senza dubbio una delle piante più belle del mondo. Di origine mediterranea, è una pianta che fiorisce più volte all’anno in varie tonalità che vanno dal i rossi , i rosa , i bianchi ei gialli

Uno dei suoi usi più diffusi è come ornamento per eventi speciali, principalmente matrimoni. Ti diciamo come coltivare il garofano in modo semplice. Rendi il tuo giardino bello ed elegante.

Forse ti potrebbe interessare anche come viene seminato:
  • Zafferano. 
  • Bocca di drago.
  • Bei fiori.
  • Fiori selvatici. 
  • Lime d’acqua.
  • orchidee
  • tulipani
  • Rose
  • Vaniglia.

 

Di cosa abbiamo bisogno per piantare il garofano?

Quando dovrebbe essere seminato?

Preferibilmente in  estate a metà autunno. 

Fiorisce durante le stagioni primaverili ed estive. Sebbene la loro fioritura duri circa due mesi , con le dovute cure, indoor , possono fiorire tutto l’anno.

Dove?

 La luce è essenziale per la coltivazione dei garofani, in quanto influenza il loro sviluppo vegetativo , la fermezza del fusto e la qualità e quantità dei fiori.

Richiede grandi quantità di luce solare diretta durante il giorno. Se la luce è insufficiente, i germogli sono deboli e gli steli sottili e fragili.

In termini di temperatura, non sono fiori resistenti al gelo. Temperature costanti di 0°C o inferiori provocano danni e deformazioni. Allo stesso modo, le temperature superiori a 35 ºC sono fatali per la pianta.

La temperatura ottimale in estate è tra i 20 ei 24 ºC , mentre in inverno si sviluppa bene con temperature che oscillano tra i 15 ei 18 ºC.

 

Ogni quanto va annaffiato?

 Non è molto esigente in termini di rischi. 

Durante i primi tre mesi si può annaffiare una volta ogni due giorni , assicurandosi che la terra non fa pozzanghera. 

Successivamente, è sufficiente mantenere il terreno umido al tatto. Nelle stagioni più calde sono sufficienti annaffiature giornaliere e moderate, preferibilmente con sistema a goccia, evitando di toccare foglie e germogli.

Il deficit irriguo influenza negativamente lo sviluppo e la qualità dei fiori , mentre l’eccesso di acqua provoca clorosi generalizzata nella pianta.

L’intervallo ottimale di umidità relativa è tra il 60-70%.

Come prepariamo il terreno?

Il garofano predilige terreni sabbiosi e sciolti, porosi, fertili con buon drenaggio. Non tollera i terreni argillosi.

 Il pH deve essere compreso tra 6,5 ​​e 7,5. 

Cresce bene, allo stesso modo, su substrati artificiali, come lana di roccia e perlite.

Quali sono le associazioni più favorevoli alla coltivazione del garofano?

Dovrebbero essere piantati in un luogo dove crescono solo i garofani , poiché sono sensibili a tutte le piante che devono competere per i nutrienti.

Come coltivare e piantare il garofano passo dopo passo

Pulisci il terreno

Rimuovi erbacce e detriti dalle colture precedenti e tutti i tipi di residui per assicurarti che il tuo garofano possa svilupparsi correttamente. 

La pacciamatura non dovrebbe essere eseguita quando si coltivano i garofani . Devi avere un’adeguata circolazione d’aria negli steli del garofano , in modo che abbia una crescita adeguata.

Dovrebbe essere tenuto sempre privo di umidità e fogliame.

Inumidisci il terreno una settimana prima della semina

In questo modo riduci il rischio di espellere i semi dalla forza dell’acqua.

Fertilizzare il terreno

Cospargi un po’ di materia organica nel terreno per migliorare la qualità generale prima di iniziare a seminare i semi di garofano.

La torba è ottima per favorire la crescita dei garofani. La polvere di corteccia di pino può essere utilizzata anche come compost .

Un terreno ricco di azoto non è il più adatto al garofano.

Trucco:
Se pianti dei legumi ( fagioli , piselli , ecc.) nelle vicinanze, rilasciano azoto nel terreno e sono un ottimo fertilizzante naturale.

Ricordati di non usare troppo fertilizzante , in quanto può essere dannoso , causando una minore fioritura.

Il garofano può essere coltivato in due modi principali

Tramite semi direttamente in giardino o in semenzaio

  • Vengono utilizzate aiuole larghe 1 m e profonde 30-40 cm , separate da corridoi di 0,5 m.
  • Dovresti introdurli ad una profondità massima di 1 cm , cercando di coprirli con un po’ di pacciame .
  • Innaffia il terreno regolarmente fino alla germinazione dei semi , che impiegherà circa 20 giorni.

Per talea

  • Dovrebbe essere fatto in primavera o all’inizio dell’estate.
  • Seguendo le stesse istruzioni per il contenitore, posizionare le talee da 10 a 15 cm , ad una profondità di circa 3 cm , assicurandosi che l’estremità che si interpone non contenga foglie per evitare che il gambo marcisca.
  • Le talee radicheranno in circa 25-30 giorni . Questo metodo è preferibilmente utilizzato nel caso di garofani perenni .
  • Lo svantaggio di questo procedimento è che il garofano non ha un odore così intenso , rispetto alla riproduzione per mezzo dei semi .

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di garofano e Talee di garofano in acqua .

Seleziona le piantine più sane e più forti.

Se più di un seme è germogliato in ogni buca , mantieni il più forte. Per fare ciò, non tirare i deboli , poiché potresti danneggiare le foglie . È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.

Trapianta i tuoi germogli

Se hai piantato o messo in vaso piantine , devi eseguire il trapianto per aver seminato il mese . Scegline uno  zona soleggiata e ariosa in giardino.  Lascia da 10 a 20 centimetri tra ciascuna delle tue piante.

Tutorato

Prima di procedere alla piantumazione, va posta una rete tutore per sostenere la pianta ed evitare che gli steli si pieghino . Dovrebbero essere posizionati prima che lo stelo raggiunga la sua altezza finale . È importante che le maglie siano abbastanza strette per ottenere un buon tutoraggio .

pizzicare

È una tecnica che fa ramificare la pianta.

Consiste nel fare un taglio con la mano sopra il quinto nodo . Di solito è fatto 4-6 settimane dopo la semina. Maggiore è il serraggio, maggiore sarà il numero di fiori, ma probabilmente la qualità di questi diminuirà.

Le caratteristiche che determinano la qualità del garofano sono:

  • La rigidità e la lunghezza dello stelo . I fusti devono essere eretti.
  • La capacità degli steli di emettere germogli laterali.
  • Il numero di fiori per asta.

Raccolto di garofani

La prima raccolta avviene tra tre e quattro mesi dalla semina . Si verifica quando il bocciolo ha i petali esterni aperti, nelle uniflore. Se sono multifiore, la raccolta avviene quando iniziano ad aprirsi i tre fiori terminali.

Il taglio va fatto con i fiori un po’ aperti.

Viene tagliato circa un centimetro sotto il nodo del gambo del fiore.

Parassiti e malattie del garofano

Alcuni dei parassiti e delle malattie più comuni che colpiscono il garofano sono:

afidi

Per combattere gli afidi , il sapone di potassio può essere applicato alla parte inferiore delle piante.

Se la peste persiste o è molto abbondante, applicheremo anche l’ estratto di neem .

viaggi

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali. I tripidi hanno diversi predatori naturali come alcune varietà di acari, in particolare l’ Amblyseius barkeri e la cimice Orius.

Un’altra forma di prevenzione consiste nel posizionare schermi intorno alle colture e ripulire erbacce e detriti.

Per combattere si possono utilizzare anche alternative ecologiche , come il sapone di potassio e, in casi estremi, insetticidi naturali come l’ estratto di neem.

Minatori di foglie

Un modo per prevenire è posizionare schermi intorno alle colture e ripulire le erbacce e qualsiasi tipo di detriti o resti di colture precedenti.

Allo stesso modo, l’infestazione da minatori fogliari può essere prevenuta piantando colture trappola vicino alle piante da proteggere. Puoi piantare cenere, colombina o abutilón per attirare l’attenzione dei minatori e ridurre la loro incidenza nelle tue colture.

Tortrice Europea

Sono Lepidotteri le cui larve mangiano le foglie e bucano i boccioli dei fiori, divorandoli.

Per il suo controllo è efficace un trattamento con Bacillus thurigiensis.

Fusariosi

Il modo migliore per evitare la sua comparsa è l’uso di terreni resistenti al fusarium . I substrati artificiali, come lana di roccia e perlite, sono opzioni eccellenti.

Possono essere utilizzate anche varietà resistenti.

Ruggine

Per il suo controllo si raccomanda di evitare l’eccesso di azoto.

Macchia fogliare

Elimina le piante con la punteggiatura. Evitare l’irrigazione aerea (irrigatore o tubo flessibile).

L’irrigazione è consigliata nei momenti in cui il fogliame si asciuga rapidamente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.