Suggerimenti

Sempreverde: che cos’è? Che tipi di alberi ce l’hanno? Perché viene prodotto?

In botanica, una perenne è una pianta che ha foglie tutto l’anno e sono sempre verdi.

Questo è così anche se la pianta conserva il fogliame solo nei climi caldi, ed è in contrasto con le piante decidue, che perdono completamente il fogliame durante l’inverno o la stagione secca.

Famiglia Esempio
Cupressaceae Sequoia
Pinacee Pino
Taxaceae Tasse
Ciateacee Felce
Fagaceae Quercia viva
Mirtacee Eucalipto
Magnoliaceae Magnolia del sud
Arecaceae Noce di cocco
Araucariaceae Kauri

Cosa significa perenne in botanica?

Una pianta perenne è una pianta che ha una durata che deve essere pari o superiore a due anni e che produce semi in più di un’occasione.

Nel caso delle foglie si dice che siano perenni perché presenti tutto l’anno. Non cadono, non si seccano.

Cosa sono i sempreverdi?

Una pianta sempreverde ha una qualità particolare e vantaggiosa delle sue foglie che non cadono né si staccano in nessun periodo dell’anno, anche nelle giornate di maltempo. Le sue foglie durano almeno due anni di vita prima di iniziare la muta.

Ma va chiarito che sebbene  anche le foglie cadono, sostituendo quelli secchi con quelli sani e frondosi , non potranno mai farlo fino a quando non sono nude , come accade in decidui alberi .

Il mantenimento delle sue foglie è considerato in botanica un adattamento all’ambiente , perché hanno la proprietà di resistere , come avviene nelle piante decidue , che scomparire in caso di maltempo e quel cambiamento permette loro di sopravvivere alla burrasca.

Ed è quello?  cambiare l’intero fogliame è un compito piuttosto dispendioso in termini di energia, quindi l’albero non sarà sempre disposto a farlo e siccome la natura è sempre saggia , queste piante perenni in inverno preferiscono conservare le foglie , in modo da potersi anche nutrire   stabilmente , resistendo alla tempesta o alle nevicate.

Per fare questo usano risorse energetiche e alcune varietà o specie hanno foglie rinforzate con villi o forme che conferiscono loro maggiore resistenza. 

Per esempio:
Il Leccio è un albero con foglie piccole ricoperte di peluria per prevenire il congelamento nelle nevicate invernali e la perdita d’acqua nelle calde estati.

I pini, invece, mostrano sulle foglie una sorta di cera che li protegge dalle basse temperature, mantenendoli forti per affrontare le nevicate .

Ma si trovano soprattutto in climi tropicali o stabili, caldi o freddi , senza grandi variazioni. Ad esempio, piante situate in montagna in Sud America o in luoghi tropicali dei Caraibi.

Quella capacità di rimanere su un piano di parità conferisce loro la caratteristica vantaggiosa di essere considerati alberi sempreverdi.

Qual è la differenza tra annuali e perenni?

Le piante annuali sono piante con un ciclo di vita che dura solo un anno.

Crescono da seme , fioriscono, producono semi e muoiono in una stagione di crescita. Quindi devono essere ripiantati ogni primavera .

Il termine ” perenne ” si riferisce alle piante erbacee (“verdi”) poiché le piante legnose, come gli alberi, sono perenni per definizione.

Qual è la durata della vita di una pianta perenne?

Una pianta perenne o semplicemente perenne è una pianta che vive per più di due anni.

Alcune fonti citano che le piante perenni sono piante che vivono per più di tre anni. Il termine (per- + -penetrante, ” attraverso gli anni “) è spesso usato per differenziare una pianta da annuali e biennali a vita più breve.

Quali piante perenni piccole o a crescita lenta possiamo trovare?

  • Sedum ( specie di sedum ).
  • Agastache ( Specie Agastache ).
  • Coreopsis ( specie Coreopsis ).
  • Stella di Natale ( Pulsatilla vulgaris ) .
  • Semprevivo tettoro.
  • Yucca ( Yucca filamentosa ). 
  • Achillea. ( specie Achillea ).
  • Penstemon.
  • Aquilegia Vulgaris

Quali piante perenni richiedono poca cura e sono resistenti?

  • Ibisco resistente .
  • Hosta .
  • felci
  • menta .
  • Coreopsis.

Le piante perenni muoiono in inverno?

Le piante perenni muoiono in inverno . Nei climi più freddi, la maggior parte delle piante perenni muore (anche se ci sono alcune piante perenni sempreverdi).

Nei climi più caldi, possono rimanere dormienti. Dal momento che devi piantarle solo una volta e goderne per anni, le piante perenni sono la spina dorsale di qualsiasi giardino o frutteto .

Le piante perenni sono in grado di riprodursi?

Le piante perenni a rapida diffusione riempiono rapidamente le lacune nei giardini fioriti . Una volta stabiliti, questi tipi di piante perenni spostano le erbacce, riducendo la necessità di diserbo costante.

I fiori a crescita rapida aggiungono colore al giardino durante lo stesso anno in cui vengono piantati.

Quali tipi di sempreverdi possiamo trovare? 

Albero di canfora ( Cinnamomum camphora )

Questi alberi di grande nobiltà raggiungono fino a 20 metri di altezza, dal cui legno si estrae la famosa canfora, potente analgesico dai molteplici usi in casa.

Higueron ( Ficus citrofolia )

È una specie tropicale che sopravvive con l’aiuto di altri alberi quando inizia la sua fase di crescita.

Può raggiungere i 17 metri di altezza e mostrare un fogliame immenso che sprigiona frutti che alimentano molti animali selvatici.

Cedro del Libano ( Cedrus libani )

Questo albero ancestrale biblico vive in montagna. Le sue foglie donano essenze dalle proprietà antisettiche.

Quercia da sughero (Quercus suber)

È uno degli abitanti più assidui delle foreste mediterranee e nell’ambito del commercio del vino occupa un posto di grande rispetto, perché dalla sua corteccia si ricava il sughero per coprire le bottiglie di vino.

Produce anche una ghianda amara che viene utilizzata per ingrassare il maiale iberico.

Cipresso (Cupressus sempervirens)

La più nota è la varietà di cipresso “stricta”, tipica dei cimiteri o dei cimiteri. Questo albero ha un legno così buono che viene utilizzato per fare chitarre ed è il simbolo funerario naturale che trasmette maggiore pace.

Abete spagnolo (Abies pinsapo)

È un abete tipico della Penisola Iberica, suo habitat naturale, dove raggiunge sicuramente i 30 metri di altezza.

Il suo contributo in bellezza al paesaggio è indiscutibile, ecco perché fa molto male che sia costantemente minacciato da incendi boschivi di diversa origine.

Pino silvestre (Pinus sylvestris)

Esistono molte varietà del cosiddetto pino selvatico . I più famosi sono: pino mugo , albar, rosso, tra gli altri.

Si estende in tutto l’emisfero settentrionale del pianeta e la sua migliore qualità è la sua capacità di resistere alle basse temperature e alle intemperie. La sua più grande debolezza: non supporta l’inquinamento ambientale.

Olivo (Olea europaea)

Conosciuto anche con il nome di olivo, è un albero che raggiunge una longevità invidiabile. L’ulivo è un vero simbolo del Mediterraneo, associato alla pace e all’armonia in molte culture.

Carrubo (Ceratonia siliqua)

Integra anche l’habitat mediterraneo, con un’altissima resistenza e grande adattabilità ai cambiamenti ambientali. Un fatto curioso è che il suo seme servì come   primo standard del carato, l’unità di misura in gioielleria,   del diamante.

Mocan ( Visnea mocanera )

È una specie irripetibile in un periodo di estinzione. Vive solo nelle Isole Canarie (Spagna) e Madeira (Portogallo). I suoi fiori a forma di campana che compaiono a dicembre emanano   un aroma squisito.

Arancio (Citrus × sinensis)

L’arancio è uno degli agrumi più apprezzati al mondo. Una delle caratteristiche dell’arancio è che la sua foglia è molto resistente ed è anche perenne.

Albero di limoni

Come l’arancio, anche il limone , altro famoso agrume , non perde le foglie in inverno .

Acacia

Alcune varietà di questo albero ornamentale , comunemente noto come Acacia, sono sempreverdi.

Comune nelle zone calde e tropicali, l’ Acacia è un’ottima scelta per decorare i giardini e il suo legno può essere sfruttato anche per estrarre la linfa e trasformarla in profumo.

Qual è la differenza tra sempreverde e deciduo?

La differenza fondamentale tra sempreverde e decidua è semplice.

Nella prima c’è una resistenza a tutti i tipi di tempo , perché come già detto, queste piante si adattano alla realtà atmosferica e non perdono le foglie. Ma gli alberi decidui sì.

L’albero, per la propria conservazione , preferisce   entrare in un periodo di letargo per non resistere a temperature rigide , rimane privo di foglie, nudo e   assume un letargo dove risparmia energia fino a quando non si riattiva quando il freddo si placa e la stagione primaverile si verifica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *