Suggerimenti

Afidi: cosa sono? Come identificarli? Come li combattiamo?

L os Gli afidi sono insetti preistorici originali del periodo Cretaceo. Ci sono più di 4.700 specie, di cui Aphis gossypii e Myzus persicae sono solo due delle più comuni nelle colture .

Cosa sono gli afidi?

Il primo, comune nelle colture di cucurbitacee , rutáceas e malvaceae , mentre il secondo (meglio noto come afidi verdi o afidi del pesco) è più frequente nella frutta e in alcuni ortaggi.

Sono piccoli insetti, di vari colori e dal corpo liscio e ovoidale. Alcuni hanno ali e sull’addome hanno piccole appendici che permettono loro di secernere una sostanza che respinge i loro nemici naturali.

Producono anche una melassa zuccherina che espellono attraverso l’ano e che serve da cibo per le formiche , che in cambio le proteggono dai loro predatori naturali.

Questa stessa secrezione è molto utile anche per le api, poiché la incorporano nella produzione del miele.

Il suo apparato boccale succhia , il che significa che si nutre di linfa . Assorbendo la linfa, provocano un indebolimento generale della pianta , che si manifesta come ritardo nella crescita e ingiallimento delle foglie e dei fusti .

Inoltre, durante l’alimentazione, gli afidi iniettano sostanze tossiche contenute nella sua saliva, provocando la deformazione di foglie e frutti.

Nonostante il loro nome, gli afidi non sono tassonomicamente imparentati con pulci o pidocchi .

Si riproducono per mezzo delle uova , anche se possono farlo anche asessualmente e hanno un alto tasso di riproduzione tanto che, nel giro di pochi giorni , una singola pianta può esserne affollata .

Formano grandi colonie , poiché gli afidi di solito rimangono sulla pianta in cui nascono , ma dopo diverse generazioni sviluppano delle ali che permettono loro di migrare verso una nuova pianta.

Solitamente si depositano sulla pagina inferiore delle foglie e, grazie al modo in cui si nutrono (perforano la superficie, invece di lacerarla), possono passare inosservate per molto tempo fino a quando non sono visibili danni alla pianta o la colonia è troppo grande .

I principali danni a piante e frutti sono:
  • Deformazione fogliare.
  • clorosi nel fogliame, causando la morte prematura.
  • Deprezzamento del prodotto, dovuto a malformazioni e scolorimenti.
  • La secrezione che espellono favorisce la comparsa di funghi.

Infine, gli afidi sono vettori di diversi tipi di virus che causano malattie delle piante, tra cui il virus del mosaico del cetriolo e il virus del mosaico giallo della zucchina.

Quali colture colpisce?

L’impatto degli afidi è particolarmente significativo in melone , fragola , mora , pesca , cotone e in una grande varietà di colture di agrumi .

Li possiamo trovare anche in verdure come lattuga , pomodoro, cavolfiore , cetriolo , zucchine , zuccaspinaci , peperoncino e molti altri. 

Come combattiamo gli afidi?

Per prevenire la comparsa di afidi nelle nostre colture possiamo posizionare una rete di protezione intorno al nostro giardino .

Allo stesso modo si consiglia la totale eliminazione delle erbe infestanti e di ogni tipo di scarto o residuo di colture precedenti.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali. I principali predatori degli afidi sono gli Aphidoletes aphidimyza , che è una piccola mosca le cui larve si nutrono di più di settanta specie di afidi.

Tra i suoi predatori anche la vespa Aphidius matricariae , e le vespe Aphidius colemani e Lysiphlebus testaicepes.

Altri predatori sono le coccinelle (o coccinelle ) e le merletti.

Per combatterli, inoltre, si può applicare sapone di potassio o biodegradabile sul lato inferiore delle piante. Va applicato molto presto al mattino o al pomeriggio, quando il sole non colpisce più le foglie.

Il sapone aiuterà a pulire la melassa espulsa dall’afide e ammorbidirà la cuticola.

Se la peste persiste o è molto abbondante, dopo aver pulito le foglie con il sapone, applicheremo l’ estratto di neem , che fungerà da insetticida.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.