Suggerimenti

Potare le ortensie: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Per risultati decorativi nel tuo giardino a base di incredibili ortensie, devi prestare attenzione al processo di potatura.

Lontano da quello che potresti pensare subito, non è qualcosa di molto complicato, ma devi seguire una struttura di passaggi per ottenere risultati migliori.

Riassumeremo ciascuno di essi in questo articolo che servirà da guida e fonte di consultazione ogni volta che ne avrai bisogno. Quindi approfitta dei dati, annota se ne hai bisogno e mettiti subito al lavoro.

Perché potare le ortensie?

La potatura delle ortensie è un’azione che influenza direttamente la salute della pianta . Innanzitutto perché attraverso di esso vengono eliminate le parti in cattive condizioni, ma anche perché è indispensabile per il controllo della sua struttura.

Le ortensie possono sviluppare rami molto lunghi che potrebbero eventualmente intaccare gravemente perché non è in grado di sopportare un peso eccessivo.

L’inevitabile conclusione che avrai è che i rami si spezzino e la pianta perde l’equilibrio e il vigore che tanto ti piace. Questo è il motivo principale per cui la potatura simboleggia una delle cure più notevoli in questa specie.

Quando è meglio eseguire la potatura dell’ortensia?

Come nella maggior parte dei casi che corrispondono a piante da fiore, è meglio aspettare l’inizio della primavera per potare .

Se vivi in ​​una zona dove gli inverni sono molto freddi e le gelate sono frequenti, ricordati di aspettare che passino le possibilità di un gelo tardivo.

Quali strumenti dovremmo usare quando potiamo le ortensie?

Per potare le ortensie lo strumento chiave è una forbice da giardino . Questo deve avere un buon bordo in modo che i tagli vengano eseguiti in un’unica procedura e che non ci siano parti scheggiate.

Anche una corretta disinfezione è fondamentale e per questo è consigliabile utilizzare alcol da farmacia e pulire tutte le parti. Come strategia di protezione personale, si consiglia di utilizzare guanti e occhiali protettivi .

Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando si potano le ortensie?

La conoscenza della struttura generale della pianta dell’ortensia è essenziale per avanzare in sicurezza in questo compito. Le piante di ortensia hanno tre aree chiave che vengono prese in considerazione durante la potatura. Questi sono:

  1. I rami con struttura legnosa perché sono i più vecchi e non hanno possibilità di fiorire. Sono in grado di assorbire molta energia dalla pianta e interferire con lo sviluppo dei germogli che offriranno la fioritura. Pertanto, devono essere eliminati.
  2. I rami giovani sono quelli che non hanno una struttura legnosa e che determinano un impatto positivo sulla struttura della pianta. La cosa normale è ridurne le dimensioni alla metà della sua lunghezza ad ogni potatura.
  3. I polloni , a differenza di altre specie, in questo caso sono fondamentali perché è proprio da loro che la pianta potrà produrre fiori . Pertanto, devono essere autorizzati a svilupparsi.

Come potare le ortensie senza danneggiare la pianta?

Per avanzare con sicurezza nella potatura delle ortensie, è meglio seguire i seguenti passaggi:

  1. Eseguire una facile manutenzione non appena la fioritura è terminata . Ciò include la rimozione di fiori appassiti e altre sezioni in cattive condizioni. A questo punto la potatura è molto leggera e viene eseguita solo per non lasciare punti di ingresso per parassiti o malattie con quelle aree difettose.
  2. Taglia i rami più lunghi all’inizio della primavera . L’idea è che siano la metà della loro lunghezza in modo che ricrescano durante il ciclo.
  3. Eliminare o ridurre nella giusta proporzione quei rami che stanno causando problemi strutturali , siano essi aggrovigliati o collidenti tra loro. Quando i rami si trovano in queste condizioni, influenzano il flusso d’aria all’interno della pianta.
  4. Se necessario, alleggerire il centro della pianta tagliando altri rami per consentire una migliore ventilazione e flusso di luce solare.
  5. Se necessario, ridurre il resto dei rami . Tuttavia, non esagerare con questo punto poiché l’ortensia ha bisogno di una base da cui sviluppare i fiori e sostenerne il peso.

In fase di potatura tenete conto che meno rami saranno anche i fiori meno ma con caratteristiche migliori. Al contrario, quando ci sono più gemme, i fiori saranno più numerosi ma saranno sicuramente di dimensioni più piccole.

Si consiglia di applicare alla fine della potatura un po’ di fertilizzante speciale per le ortensie per aiutarle a riprendersi. In questo modo avrai molta più sicurezza che nel tempo corrispondente godrai di fioriture molto belle.

Forse ti interessano anche:
  • Cura dell’ortensia: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Cura dell’ortensia: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Trapiantare le Ortensie: [Condizioni, Tempo, Strumenti e Passi da seguire]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.