Suggerimenti

Aquilegia Vulgaris: [Semina, Cura, Irrigazione, Substrato, Problemi]

L’Aquilegia vulgaris è una piccola pianta che produce fiori vistosi ed è originaria della Spagna.

La sua fioritura avviene solitamente durante il periodo primaverile- estivo , adornando i giardini dove è piantata.

Per quanto riguarda i colori, ci sono molte varietà. Possono essere presentati in un unico colore o anche con miscele di due colori.

Certo, bisogna considerare che si tratta di una pianta non commestibile , quindi bisogna fare attenzione nei luoghi scelti per la piantumazione.

Del resto non resterà che godere di una specie ideale per giardini, terrazzi o per assemblare composizioni in abbinamento ad altri fiori

Hai il coraggio?

Punti importanti per la semina di Aquilegia Vulgaris
  • Quando? All’inizio della primavera o in autunno.
  • Dove? In mezz’ombra, in terreno nutrito e fresco.
  • Come prepariamo il terreno? Aggiunta di uno strato di compost fatto in casa.
  • Come dovremmo annaffiare? In modo abbondante, direttamente sulla base della pianta , senza bagnare le foglie.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Tre volte a settimana per evitare che il substrato si secchi.
  • Quali parassiti e malattie ha? L’ afide e la ruggine.

Caratteristiche dell’Aquilegia vulgaris

Aquilegia vulgaris ( columbina europea, columbina comune, cappello della nonna, cappello della nonna) è una specie di columbina originaria dell’Europa. È una pianta erbacea perenne fiorita che cresce fino a 1,2 m di altezza, con fusti ramificati finemente pelosi.

Le foglie sono doppiamente temperate; ogni foglia ha tre gruppi di tre foglioline. I fiori, in varie tonalità di viola , blu , rosa e bianco , sono pendenti o orizzontali con speroni uncinati, compaiono all’inizio dell’estate .

L’epiteto latino specifico vulgaris significa “comune”.

Questa specie e diversi ibridi da essa derivati ​​sono fiori da giardino popolari, disponibili in una varietà di colori singoli e bicolore, in forme singole e doppie.

Sebbene siano perenni , le cultivar possono essere di breve durata e sono quindi meglio trattate come biennali. I capolini esauriti devono essere rimossi per evitare che la pianta venga piantata. Le colture includono la serie Barlow (“Nora Barlow”, “Black Barlow”, “Rose Barlow”, “Christa Barlow”), “Pretty Bonets”.

Quando seminare l’aquilegia vulgaris?

La semina va fatta all’inizio della primavera in modo che svolgano il loro processo di germinazione e crescita delle piantine.

Questo processo durerà alcuni mesi e consentirà di effettuare il trapianto all’inizio dell’autunno nel luogo prescelto a tale scopo.

È anche possibile avviare il processo di germinazione durante l’ autunno e, successivamente, effettuare il trapianto in primavera.

Dove piantare l’aquilegia vulgaris?

  • Aquilegia vulgaris necessita di essere seminata in mezz’ombra per evitare che la sua struttura possa risentire dei raggi diretti del sole in determinate ore della giornata.
  • Naturalmente, questo non le impedisce di avere la capacità di adattarsi a un’area non protetta, ma potrebbe compromettere seriamente il suo processo di fioritura.
  • Per quanto riguarda il terreno, replicare le condizioni naturali è l’opzione migliore e per questo si consiglia che sia sciolto, di buona temperatura, nutrito e con drenaggio .
  • In certi periodi l’aquilegia vulgaris potrebbe sopportare un certo livello di ristagno, purché non eccessivo e non si ripeta molto.

Come preparare il terreno?

Trattandosi di una pianta che si comporta bene con i nutrienti per un corretto sviluppo, vale la pena preparare il terreno aggiungendo uno strato di materia organica .

Questo processo non deve essere molto complicato, con solo materia organica fatta in casa come il compost fatto in casa sarà più che sufficiente.

Il drenaggio, come già accennato, è fondamentale ed è per questo che è consigliabile miscelare con sabbia grossolana per garantire la conformità.

Come innaffiamo l’aquilegia vulgaris?

Liberamente per garantire che il terreno sia abbastanza umido per la maggior parte del tempo.

Tuttavia è importante tenere in considerazione che queste vanno effettuate sulla base della radice, evitando di bagnare le foglie per non permettere la comparsa di funghi.

Quanto spesso annaffiamo?

Le annaffiature verranno stabilite in ragione di 3 volte a settimana, annaffiando abbondantemente in ogni sessione.

Vale la pena ricordare che l’aquilegia può sopravvivere qualche giorno di siccità, purché non sia in pieno sole e questa condizione non sia ripetitiva.

Come seminare l’aquilegia vulgaris passo dopo passo?

La semina dell’aquilegia vulgaris avverrà dai semi . Questi possono essere presi da un impianto esistente o acquistati da un negozio.

È importante notare che le condizioni di variabilità genetica impediscono di garantire che la pianta figlia sia la stessa della madre quando vengono raccolti i semi.

Tuttavia, con sementi certificate sarà possibile garantire l’ottenimento delle caratteristiche indicate sulla confezione.

Ora, per quanto riguarda la procedura di semina per aquilegia vulgaris:

  1. Scegli i semi che utilizzerai per la semina.
  2. Interrateli in semenzai preparati con substrato universale e sabbia, assicurando su ciascuno di essi un sottile strato di terriccio.
  3. Innaffia con precisione e assicurati che il terreno sia sempre umido per migliorare la capacità di germinazione.
  4. Mettili in un luogo fresco dove ricevano un po’ di luce solare ogni giorno.
  5. Trapiantare le piantine in autunno assicurando il posizionamento di un po’ di pacciamatura per migliorare le condizioni di umidità e temperatura del terreno.

In generale l’aquilegia è in grado di moltiplicarsi molto bene per i propri semi se sono date le condizioni del terreno e dell’ambiente.

Di quali cure ha bisogno l’aquilegia vulgaris?

  • La concimazione con fertilizzanti speciali per piante da fiore è l’ideale perché aumenterà le possibilità di ottenere bellissime fioriture.
  • Queste concimazioni si effettuano diluendo il prodotto prescelto nell’acqua di irrigazione e poi applicandolo normalmente.
  • Idealmente, un abbonato dovrebbe essere pianificato ogni 15 giorni in primavera e fino all’inizio dell’estate.
  • La potatura verrà eseguita solo a scopo estetico per rimuovere i fiori appassiti e le foglie secche che sono state attaccate alla pianta dopo la fioritura.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’aquilegia vulgaris?

Esistono alcuni parassiti e malattie in grado di provocare danni alla struttura dell’aquilegia, quindi bisogna stare molto attenti.

afidi

Gli afidi sono uno di questi, poiché sono attratti dal contenuto di linfa della pianta per il loro consumo.

La parte positiva è che possono essere curati con prodotti naturali come l’ estratto di ortica .

Ruggine

La ruggine è una malattia di tipo fungino che potrebbe causare anche gravi danni alle piante.

I suoi sintomi iniziano con la presenza di macchie necrotiche sulla struttura delle foglie che diventano sempre più grandi.

L’uso di fungicidi sarà l’unico modo conveniente per contrastare l’attacco.

Uno dei dati più importanti che è necessario salvare riguardo all’aquilegia è che è molto resistente alle basse temperature.

Sono stati osservati casi di aquilegia che sono sopravvissuti fino a 15º C sotto lo zero senza che ciò ne limitasse la successiva fioritura.

Quello che bisogna tenere in considerazione è che si tratta di una specie che non sopravvive per molti anni.

Ciò porta alla necessità di una successiva piantumazione da eseguire se l’area deve essere abbellita con i suoi bellissimi fiori dai colori vivaci.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *