Suggerimenti

I droni per l’agricoltura lasciano il posto all’osservazione satellitare

La crescita e lo sviluppo tecnologico che il mondo sta vivendo è inarrestabile e, come potrebbe essere altrimenti, anche questo settore ne beneficia.

Dalle immagini satellitari o dalle tecniche di agricoltura di precisione , passando per software applicativi in ​​agricoltura o droni, tutti contribuiscono con il loro granello di sabbia a rendere la gestione del campo molto più efficace, semplice e sostenibile.

Da un lato, le immagini satellitari sono ideali per avere una panoramica del campo, oltre che per poter monitorare vaste aree di colture. Questo tipo di monitoraggio è utilizzato non solo dagli agricoltori , ma anche dagli assicuratori che vogliono verificare se le richieste di risarcimento sono autentiche.

Tuttavia, alcune condizioni nelle colture sono difficili da valutare da lontano ed è qui che entrano in gioco i droni per l’agricoltura.

Il suo utilizzo consente il monitoraggio molto vicino alla pianta , ed è particolarmente utile in campi di decine di ettari, dove l’esplorazione del campo a piedi richiederebbe ore.

Cosa si può fare con loro? Vantaggi e possibilità

Da tempo i satelliti e le loro foto satellitari sono stati considerati l’opzione più avanzata per osservare e/o mappare il campo, anche se non era perfetta al 100%. Ma i droni sono presentati come un’alternativa accurata e conveniente.

Prima di entrare nel dettaglio, vediamo un rapido elenco di confronto tra i due:

  1. La portata di un satellite è molto maggiore di quella di un drone, che in luoghi di grandi dimensioni può richiedere anche più voli.
  2. Le immagini satellitari contengono tutte le informazioni in ognuna di esse, mentre le riprese effettuate con i droni devono essere unite come un mosaico.
  3. Le immagini satellitari sono georeferenziate, permettendo di conoscere le coordinate del luogo in questione.
  4. I droni richiedono un operatore per azionarli, mentre le immagini satellitari non richiedono nulla di speciale.
  5. I dati satellitari sono archiviati in file che consentono di dare un’occhiata alle condizioni di un’area nel passato confrontando diverse immagini, mentre i droni possono mostrare solo lo stato attuale.

A prima vista può sembrare che l’uso dei droni per l’agricoltura non sia giustificato, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Certo, è conveniente prendere in considerazione alcune cose.

Ad esempio, esistono diverse tipologie di droni, con le loro particolari caratteristiche.

I droni con rotore sono ideali per esplorare piccole aree e la loro zona di atterraggio e decollo è piccola; Da parte loro, i droni ad ala fissa richiedono un’area più ampia per questo, ma allo stesso tempo possono coprire più area e avere una maggiore resistenza alle raffiche di vento.

Una volta scelto il tipo di drone più adatto alle tue particolari esigenze, dovresti considerare se assumere terze parti esterne all’operazione o formare persone all’interno dell’azienda stessa per gestirle; Qualunque opzione tu scelga, devi essere a conoscenza delle normative vigenti, in particolare quelle riguardanti la sicurezza (ad esempio, è vietato volare vicino ad aeroporti o enclavi militari) e/o la privacy delle altre persone.

I droni per l’agricoltura hanno anche una crescente integrazione nei sistemi di gestione agricola, consentendo di ridurre i tempi di pianificazione e analisi dei dati, oltre a esportare tali dati ad altri elementi, come le apparecchiature di fumigazione.

I droni catturano immagini di alta qualità e vengono sempre più utilizzati per mappare aree di difficile accesso o addirittura pericolose per le persone. Sebbene non siano in grado di raccogliere campioni come farebbe un essere umano, ci consentono di determinare quali aree specifiche del campo potrebbero richiedere la presenza di un esploratore, piuttosto che setacciare il campo alla cieca.

Quando si vola a bassa quota, le giornate nuvolose non rappresentano un problema per l’acquisizione dei dati, a differenza a volte con i satelliti; sono inoltre in grado di volare in condizioni meteorologiche avverse che, in altre circostanze, potrebbero richiedere diversi giorni se eseguite manualmente (umano).

Diretti rivali o complementari?

Sembra abbastanza chiaro che l’uso specifico delle immagini satellitari e dei droni per l’agricoltura sia abbastanza diverso da considerarli rivali.

Pertanto, l’uso delle immagini satellitari è ideale quando:
  • È necessaria una panoramica del terreno . Un satellite è in grado di riprendere vaste aree di terra, il che può essere utile quando non sono richiesti molti dettagli.
  • Vuoi raccogliere grandi quantità di dati in breve tempo . Diversi satelliti e sensori consentono di ottenere dati da qualsiasi parte del mondo e il fatto di poter confrontare i dati raccolti con dati di altri anni consente la creazione di modelli di analisi predittiva per prendere decisioni migliori.
Da parte sua, l’uso dei droni per l’agricoltura è ideale quando:
  • Ci vuole una visione ravvicinata di ciò che vogliamo vedere . I droni mostrano e catturano immagini ad alta risoluzione metri o addirittura centimetri dalla posizione di destinazione, il che aiuta a visualizzare esattamente cosa sta succedendo e quindi essere in grado di prendere una decisione migliore.
  • Per sostituire le esplorazioni ai piedi del campo . Se il nostro campo non ha restrizioni di volo, un solo operatore di volo può coprire decine di ettari da un luogo tranquillo e confortevole, senza che nessuno debba percorrere l’intero campo; ciò è invece possibile solo se le condizioni meteorologiche lo accompagnano, poiché le raffiche di vento potrebbero impedire il corretto volo del dispositivo.

Pertanto, è possibile affermare che satelliti e droni per l’agricoltura possono perfettamente coesistere e completarsi a vicenda.

Un monitoraggio completo del campo prevede l’utilizzo di entrambi i sistemi, a seconda che la situazione richieda l’uno o l’altro, e il tentativo di integrare i dati di entrambi in modo che funzionino insieme. Anche se è vero che l’esborso a breve termine può essere un problema per alcuni agricoltori, il fatto di aver controllato completamente le colture, evitando la perdita di resa in esse, fa sì che questo investimento ripaghi a lungo termine.

I droni sono venuti in agricoltura e sono venuti per restarci.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.