Suggerimenti

Anemone: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Gli anemoni sono piante appartenenti al genere Anemone , comprendente circa 120 specie tra cui l’Anemone coronario, uno dei più famosi al mondo è.

Si ipotizza che il nome dell’anemone derivi dalla parola greca “anemos” che significa vento, riferendosi al modo in cui i soffici semi del fiore sembrano diffondersi nell’aria.

Come genere, gli anemoni sono tipici dell’Europa meridionale e dell’Asia, ma sono distribuiti nelle zone temperate di tutto il mondo. È considerata una specie con caratteri e tratti primitivi in ​​quanto priva di petali.

Molte delle specie sono spesso utilizzate in composizioni floreali o come fiori ornamentali in giardini e progetti paesaggistici.

Punti importanti quando si pianta l’anemone:
  • Nome scientifico: Anemone coronaria.
  • Nome comune: Adone, fiore del vento, anemone del papavero, calendula spagnola.
  • Altezza: da 20 a 35 centimetri.
  • Necessità di luce: sole e mezz’ombra.
  • Temperatura: climi temperati (5ºC-18ºC).
  • Irrigazione: moderata.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Che caratteristiche ha l’anemone?

L’ anemone è una pianta dai fiori grandi e vistosi. Viene spesso chiamato anemone del papavero per la sua grande somiglianza con il papavero (Papaver rhoeas) . Possono essere di diversi colori: bianco, rosso, blu o giallo. Per cominciare, gli anemoni sono piante perenni con radici e steli tuberosi.

Normalmente sono alti tra i 20 ei 34 centimetri, anche se a volte possono raggiungere i 60 centimetri. Le foglie degli anemoni sono verdi e sono disposte simmetricamente lungo un picciolo, disposizione simile a quella di una piuma d’uccello.

I fiori sono ciclici, con un ricettacolo a cupola al centro circondato da 5-15 tepali larghi e sorprendenti simili a petali. Fioriscono nei mesi di aprile, maggio e giugno. I frutti della pianta hanno piccoli vilani che permettono al seme della pianta di volare e diffondersi con l’azione del vento.

Quando seminare l’anemone?

Le annuali invernali degli anemoni vengono solitamente seminate nei mesi da agosto a dicembre per favorire la fase di fioritura durante i mesi della primavera del prossimo anno.

Gli anemoni estivi annuali , invece, vengono seminati nei mesi da gennaio a luglio in modo che maturino durante l’ autunno dello stesso anno.

Dove piantare l’anemone?

L’ anemone coronarico viene coltivato ogni anno in climi freddi, a temperature comprese tra 5ºC e 18ºC durante tutto il suo processo di sviluppo.

È possibile seminarlo in pieno sole in climi temperati. Si sviluppa comunque meglio in luoghi semiombreggiati o ombrosi, con umidità ambientale.

Come preparare il terreno?

Gli anemoni crescono meglio in terreni porosi contenenti una percentuale minima del 75% di sabbia e con un pH compreso tra 6 e 7. È importante migliorarlo con materia organica come letame ben marcito e torba. Un substrato ideale per la coltivazione dell’anemone è così composto:

  • 50% di sabbia.
  • 25% di torba.
  • 25% di letame .

Dopo le fasi iniziali della crescita, è possibile applicare un fertilizzante liquido a base di nitrato di calcio per favorire la crescita delle piante. Tuttavia, l’ azoto non dovrebbe essere abusato in quanto può ritardare la fioritura.

Come innaffiamo l’anemone?

Le annaffiature per la coltivazione dell’anemone dovrebbero essere moderate e frequenti in modo da non comprometterne lo sviluppo o favorire il marciume radicale.

Con mezzi meccanici, si consiglia di eseguire l’irrigazione a goccia , in particolare il sistema T-Tape, poiché riduce il consumo di acqua, migliora la qualità del raccolto e aumenta la resa. Con mezzi manuali, si consiglia l’irrigazione con tubo o annaffiatoio.

Ogni quanto annaffiamo l’anemone?

È necessario assicurarsi che il substrato non si asciughi quando le piante sono ancora piccole, soprattutto durante le prime due settimane. Le annaffiature devono essere abbondanti, una volta al giorno, in quanto le radici assorbiranno quanto basta per far germogliare la pianta .

Una volta che le piante si sono insediate, la frequenza delle annaffiature va diminuita e applicata 2 o 3 volte a settimana nei climi caldi, in modo che il substrato sia fresco ma non saturo. Nei climi più caldi e secchi, dovrà essere annaffiato più spesso. Nei mesi più freddi l’irrigazione dovrebbe essere sospesa.

Come seminare un anemone passo dopo passo?

L’ anemone può essere coltivato per seme , o moltiplicazione per polloni.

Per semi

  1. In un semenzaio, metti due semi in un substrato sterile, poroso e ben drenato profondo un centimetro.
  2. Mettilo in una camera di germinazione o in un luogo dove la temperatura varia tra 16ºC e 20ºC. Mantenere l’umidità costante nel supporto.
  3. Dopo una settimana, quando è apparsa la radichetta, va coperta con un leggero strato di muschio di torba con vermiculite e il semenzaio spostato in un luogo con scarsa illuminazione.
  4. Nella terza settimana, quando la germinazione è pronta, il semenzaio va spostato in una serra a bassa umidità e ben ventilata.
  5. Trapiantare in vasi quando le piantine hanno sviluppato da 4 a 6 foglie vere.

Per hijuelos

  1. Separare con cura i polloni che di solito spuntano dalla pianta durante l’autunno.
  2. Fai riposare i rizomi o i bulbi della pianta in acqua per 24 ore.
  3. Trapiantare la piccola pianta in un vaso con un substrato preparato e ben fertilizzato a una profondità di 5-8 centimetri.
  4. Innaffia abbondantemente e proteggilo dai raggi intensi del sole.

Di che cure ha bisogno l’anemone?

La pianta di Anemone può essere danneggiata se si trova in una zona esposta a correnti d’aria. In tal caso si consiglia di utilizzare una barriera che funga da frangivento e quindi protegga la pianta.

Nelle zone dove la temperatura scende molto, invece, è consigliabile attutire le radici della pianta in modo che non ne risenta. Questo può essere fatto con paglia e aghi di pino .

Per aumentare la vita degli anemoni nel vaso, si consiglia di idratarli con una soluzione di saccarosio al 3% per un periodo di 24 ore dopo la raccolta.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’anemone?

Tra le malattie più comuni che colpiscono l’ anemone , la botrite, la lebbra fogliare, l’arricciatura fogliare dell’anemone, la rizoctonia e il pythium.

Riferimenti

  • http://www.floraiberica.es/floraiberica/texto/pdfs/01_036_12_Anemone.pdf
  • https://www.mapa.gob.es/ministerio/pags/biblioteca/revistas/pdf_Hort/Hort_1986_28_28_32.pdf
  • https://sakataornamentals.com/wp-content/uploads/sites/2/2020/09/Anemona-Harmony-Espanol-1220-SAKATA.pdf
  • https://es.wikipedia.org/wiki/Anemone
  • https://nanopdf.com/download/anemona-mona-lisa_pdf
  • https://agrojardin.com/anemone-coronaria-caracteristicas-y-cuinados/
  • https://www.ecologiaverde.com/cuinados-de-la-anemone-coronaria-3023.html

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *