Suggerimenti

Cura della pianta di Streptocarpus x hybridus o Streptocarpus

Il genere Streptocarpus , appartenente alla famiglia Gesneriaceae , comprende circa 150 specie di piante erbacee (relative alle viole africane) originarie del Madagascar e del Sud Africa. Anche se i più coltivati sono ibridi come la pianta su questa mappa, alcune specie di questo genere lo sono: Streptocarpus gardenii, Streptocarpus liliputana, Streptocarpus eylsii, Streptocarpus kentaniensis, Streptocarpus rexii.

È comunemente noto come Streptococco.

Si tratta di piccole piante erbacee tropicali che raggiungono un’altezza massima di 35 cm. Hanno foglie lunghe (25-35 cm) a forma di rosetta, pelose, ruvide e verde opaco. I bellissimi fiori di diversi colori sono disposti su lunghi steli, durano a lungo sulla pianta e hanno la forma di una tromba. Essi possono fiorire dalla primavera fino all’autunno inoltrato.

Non è facile coltivare piante che vengono utilizzate come piante d’appartamento a causa del loro bisogno di umidità ambientale, ideale per bagni ben illuminati.

Lo Streptocarpo ha bisogno di esposizione alla luce ma non alla luce diretta del sole. La temperatura non deve scendere al di sotto dei 7°C, ma un certo periodo di riposo in inverno a circa 15°C. Non amano riscaldare troppo vicino o fumare nella stanza.

Il terreno deve essere leggero, per il quale si può fare una miscela di torba, lettiera di foglie, sabbia e corteccia; oppure un’altra miscela, in parti uguali, di torba e lettiera di foglie con un po’ di sabbia e carbone.

Acqua con acqua priva di calcare immergendo il vaso per 15 minuti, circa due volte a settimana in estate, evitando di bagnare le foglie; ridurre l’annaffiatura fino a quando in inverno solo ogni 10 giorni. Bisogna fare attenzione quando si maneggia la pianta in quanto le foglie sono abbastanza fragili. Per mantenere l’atmosfera umida (se non in bagno), potete mettere delle pietre umide in un vassoio sotto la pentola.

Concimare una volta al mese durante l’estate con un concime minerale.

Non è necessario potare ma è importante rimuovere i fiori sbiaditi e gli esemplari devono essere rinnovati al massimo ogni 3 anni perché cominceranno a fiorire molto meno del solito.

Sono attaccati dagli afidi se l’umidità dell’aria non è corretta. Se innaffiamo troppo le foglie bagnandole, possono essere attaccate da oidio .

.

Si consiglia di acquistare queste piante nei centri di giardinaggio o nei negozi di piante perché la loro moltiplicazione avviene tramite il taglio delle foglie in serre ad atmosfera controllata e non è un processo facile.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.