Suggerimenti

Cura della pianta Euphorbia stenoclada o Tirucalia stenoclada

Il genere Euphorbia (della famiglia Euphorbiaceae ) è composto da circa 2000 specie di piante grasse, arbusti e piante erbacee provenienti dall’Africa, dalle Americhe e dal Madagascar. Alcune specie del genere sono : Euforbia stenoclada, Euphorbia cap-saintemariensis, Euphorbia suzannae, Euphorbia horrida, Euphorbia enopla, Euphorbia resinifera, Euphorbia canariensis, Euphorbia candelabro, Euphorbia royleana, Euforbia trigona, Euforbia bivonae, Euforbia anacoreta, Euforbia aphylla, Euforbia echinus, Euforbia lambii, Euforbia rigida, Euforbia coerulescens, Euforbia dendroides, Euforbia balsamifera

Riceve il sinonimo scientifico di Tirucalia stenoclada ed è originaria del Madagascar. In inglese, è conosciuto con il nome comune di “Stiver Thicket”.

Si tratta di piante grasse a crescita lenta (a volte arboricole), arbustive che crescono fino a diversi metri di altezza. Gli steli si ramificano abbondantemente, hanno tuberi e spine e sono di colore verde e grigio chiaro. Non hanno foglie ma hanno piccoli fiori che non sono molto decorativi anche se non è usuale che fioriscano in vaso.

Sono generalmente utilizzati per la coltivazione in vasi per patii e interni, ma sono anche interessanti per formare barriere impenetrabili.

Euphorbia stenoclada ha bisogno di essere esposta al sole pieno o almeno a luce molto intensa (all’interno) e ad alte temperature. In inverno è preferibile che non soffra di temperature inferiori ai 6 ºC. Non è resistente al gelo.

Un buon terreno per queste piante può essere un substrato commerciale di cactus o una miscela di terriccio da giardino e sabbia silicea grossolana in parti uguali.

Acqua moderatamente in primavera ed estate fino a quando il substrato si asciuga bene; sono molto resistenti alla siccità prolungata. In inverno è meglio non annaffiarli.

Non è richiesto alcun abbonamento speciale o di potatura .

In genere non presentano gravi problemi di parassiti e malattie , anche se è consigliabile monitorare gli attacchi di cocciniglie .

Il modo migliore per riprodursi è quello di fare talee lunghe circa 15 cm, facendo molta attenzione al lattice irritante che queste piante emettono.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *