Suggerimenti

Cura delle piante di Aloe suprafoliata o libro di Aloe

Nella famiglia Xanthorrhoeaceae è classificato il genere Aloe composto da circa 500 specie di piante grasse originarie dell’Africa, del Madagascar e del Medio Oriente. Alcune specie sono : Aloe suprafoliata, Aloe striata, Aloe ciliaris, Aloe lineata, Aloe arborescens, Aloe vera, Aloe ferox, Aloe x spinosissima, Aloe mitriformis, Aloe marlothii, Aloe plicatilis, Aloe maculata, Aloe aristata, Aloe cosmo, Aloe variegata, Aloe thraskii, Aloe juvenna, Aloe barberae, Aloe tenuior.

È conosciuto sotto il volgare nome di Aloe book (dall’inglese “Book Aloe”). Questa specie è originaria del Sudafrica.

Si tratta di piante succulente che, nella loro fase giovanile, hanno foglie in disposizione distica (una sopra l’altra in file di due) e che, con l’età, sviluppano una rosetta. Queste foglie sono lunghe (fino a 40 cm), carnose, di colore verde grigiastro e con piccoli denti marroni sul bordo. I fiori di un bel colore sono di un rosso dorato e appaiono su steli di fiori argentei. Fioriscono in inverno.

Sono a crescita lenta e possono essere utilizzati in vasi, rocce o gruppi su pendii soleggiati e asciutti.

Il libro sull’aloe starà meglio in una zona d’ombra, anche se può vivere in pieno sole. È meglio non congelarli e tenerli in inverno a circa 5-10ºC durante il periodo di riposo.

La cosa più importante è che il suolo drena bene e può svilupparsi su terreni sabbiosi, rocciosi e poveri. L’invasatura viene solitamente effettuata in primavera.

Acqua moderatamente in primavera e in estate in quanto sono molto resistenti alla siccità. Quando arriva l’inverno, l’irrigazione è sospesa.

Sono favorite da un concime con un concime minerale per cactus e piante grasse in primavera e un altro in estate.

Solo gli steli dei fiori appassiti e le foglie secche o danneggiate vengono potate dopo la fioritura.

Possono avere problemi con malattie fungine se c’è un eccesso di umidità.

Essi si moltiplicano dai semi seminati in un letto di semina a circa 18-20ºC o radunando la prole precedentemente essiccata per una settimana in un luogo senza luce diretta del sole.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *