Beti

Cosa sono le barbabietole da zucchero? Usi e coltivazione della barbabietola da zucchero

Ultimamente abbiamo sentito parlare molto dello sciroppo di mais, ma gli zuccheri utilizzati negli alimenti trasformati commercialmente provengono da fonti diverse dal mais. Le piante di barbabietola da zucchero sono una di queste fonti.

Cos’è la barbabietola da zucchero?

Pianta coltivata con Beta vulgaris , la barbabietola da zucchero rappresenta circa il 30% della produzione mondiale di zucchero. La maggior parte della coltivazione della barbabietola da zucchero avviene nell’Unione Europea, negli Stati Uniti e in Russia. Gli Stati Uniti raccolgono più di un milione di ettari di barbabietole da zucchero e noi li usiamo tutti, solo l’UE e l’Ucraina sono grandi esportatori di zucchero di barbabietola. Il consumo di zucchero della nazione è una cosa culturale, ma sembra essere direttamente correlato alla relativa ricchezza della nazione. Di conseguenza, gli Stati Uniti sono i maggiori consumatori di zucchero, barbabietole o altro, mentre la Cina e l’Africa sono i più piccoli consumatori di zucchero.

Allora, cosa sono queste barbabietole da zucchero che pensiamo siano così preziose? Il saccarosio, che per molti di noi è così desiderabile, deriva dal tubero della pianta della barbabietola, la stessa specie che comprende bietole da bietola, barbabietole da foraggio e barbabietole rosse, e che discendono tutte dalla barbabietola marina.

La barbabietola è stata coltivata per scopi foraggeri, alimentari e medicinali fin dai tempi dell’antico Egitto, ma il metodo di lavorazione con cui viene estratto il saccarosio è stato prodotto nel 1747. La prima fabbrica commerciale di barbabietole da zucchero negli Stati Uniti fu aperta nel 1879 da E.H. Dyer in California.

La barbabietola da zucchero è una pianta biennale le cui radici hanno grandi riserve di saccarosio durante la prima stagione di crescita. Le radici vengono raccolte per essere trasformate in zucchero. La barbabietola da zucchero può essere coltivata in diverse condizioni climatiche, ma la maggior parte delle barbabietole da zucchero sono coltivate a latitudini temperate tra i 30-60 gradi N.

Usi della barbabietola da zucchero

Mentre l’uso più comune delle barbabietole da zucchero coltivate è lo zucchero lavorato, ci sono diversi altri usi per le barbabietole da zucchero. Nella Repubblica Ceca e in Slovacchia, una bevanda alcolica forte che assomiglia al rum è fatta di barbabietola da zucchero.

Lo sciroppo di barbabietola da zucchero grezzo è il risultato di barbabietole schiacciate che sono state cotte per qualche ora e poi pressate. Il succo espresso di questa miscela è denso come il miele o la melassa e viene utilizzato per spalmare sui panini o per addolcire altri alimenti.

Questo sciroppo può essere anche disgelato e viene utilizzato come antigelo su molte strade americane. Questa “melassa” di barbabietola funziona meglio del sale perché non si corrode e, se usata insieme, abbassa il punto di congelamento della miscela di sale, rendendola più efficace a basse temperature.

I sottoprodotti della trasformazione della barbabietola in zucchero (polpa e melassa) sono utilizzati come mangime complementare ricco di fibre per il bestiame. Molti agricoltori permettono il pascolo nei campi di barbabietole in autunno per utilizzare le cime delle barbabietole come foraggio.

Questi sottoprodotti non vengono utilizzati solo come indicato sopra, ma anche nella produzione di alcolici, nella panificazione commerciale e nei prodotti farmaceutici. Anche la betaina e l’uridina sono isolate dai sottoprodotti della lavorazione della barbabietola da zucchero.

La calce residua utilizzata per modificare i terreni per aumentarne il pH può essere ricavata da sottoprodotti della lavorazione della barbabietola e le acque reflue trattate della lavorazione possono essere utilizzate per l’irrigazione delle colture.

Infine, proprio come lo zucchero è un carburante per il corpo umano, la barbabietola da zucchero in eccesso è stata utilizzata per produrre biobutanolo da BP nel Regno Unito.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *