Beti

Coltivare la barbabietola dorata: consigli per la cura delle piante

Mi piacciono le barbabietole, ma non mi piace prepararle per la cucina. Invariabilmente, quel bel succo di barbabietola scarlatta finisce in qualcosa o qualcuno, come me, che non può essere scottato. Inoltre, non mi piace il modo in cui dà colore alle altre verdure alla griglia. Ma non preoccupatevi. C’è un’altra barbabietola laggiù, la barbabietola dorata. Allora, cos’è la barbabietola dorata? Continuate a leggere per saperne di più sulla coltivazione della barbabietola dorata.

Cosa sono le barbabietole dorate?

La barbabietola dorata è semplicemente una varietà di barbabietola che manca di questo pigmento rosso brillante. Sono allevati per essere di colore dorato, il che è una cosa meravigliosa per questo amante della barbabietola che non ama il disordine. Si dice che le barbabietole bianche e dorate siano più dolci e più dolci delle loro controparti rosse. Intrigante, vero? Allora, come si coltivano le barbabietole dorate?

Come coltivare le barbabietole dorate

Non c’è davvero differenza tra barbabietole dorate e rosse. Entrambe le cultivar sono abbastanza resistenti al gelo e possono essere piantate in giardino 30 giorni prima della data di assenza di gelo nella vostra zona, oppure potete iniziare a coltivarle al chiuso per fare un salto nel loro periodo di maturazione di 55 giorni.

Scegliere un luogo di impianto soleggiato con terreno leggero e ben drenato, modificato con materia organica. Alle barbabietole piacciono i terreni con un pH compreso tra 6,5 e 7. Lavorare con un fertilizzante contenente azoto e fosforo prima di piantare. Rimuovere i grossi sassi o le zolle che influenzano la crescita delle radici della barbabietola.

La temperatura ottimale del terreno per la germinazione della barbabietola è compresa tra i 50 e gli 86 gradi Celsius. (10-30 C.). Seminare i semi in semi fini, distanziandoli di 1-2 cm l’uno dall’altro ad una profondità di ½ cm, in file distanziate di un piede. Coprire leggermente i semi con terra e spruzzarli con acqua. Le barbabietole dorate non germinano così come i loro cugini rossi, quindi piantate semi extra.

A questo punto, potreste voler coprire l’area con una copertura online fluttuante. Mantenere il tessuto umido per 5-14 giorni fino alla comparsa delle piantine. Dopo di che, si può lasciare sciolto sulle piante per scoraggiare i predatori di insetti.

Una volta che le piantine hanno raggiunto un’altezza di 1 o 2 cm, dovrebbe iniziare il diradamento. Rimuovere le piante più piccole e più deboli tagliando, non tirando, che possono disturbare le radici delle piante vicine. Il diradamento è importante per permettere alla camera di sviluppo delle piante di crescere. Inoltre, i semi di barbabietola non sono in realtà un singolo seme. Si tratta di un gruppo di semi in una noce, quindi è molto probabile che da un singolo “seme” emergano più piantine.

Prendersi cura delle piante di barbabietola dorata

Quando ci si prende cura delle piante di barbabietole dorate, mantenerle umide. Annaffiare in profondità e non lasciare che il terreno si secchi. Uno strato di 1 o 2 cm di pacciame intorno alle piante stabilite vi aiuterà a farlo.

Mantenere la zona libera dalle erbacce e spruzzare le piante una o due volte con un fertilizzante fogliare alle alghe. Concimare a metà della stagione di crescita con un concime organico ben bilanciato.

Raccolta di barbabietole dorate

Raccogliere le barbabietole dorate circa 55 giorni dopo la semina. Le radici devono essere larghe almeno un pollice. Quando si raccolgono le barbabietole dorate, tirare le piante alternative per permettere alle barbabietole rimanenti di crescere un po’ più a lungo. Utilizzare una pala per sollevare delicatamente le radici.

Le barbabietole dorate possono essere conservate in frigorifero per un massimo di due settimane, ma le tenere e deliziose cime di barbabietola dovrebbero essere mangiate subito dopo il raccolto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *